Author Archives: admin

  • 0

Il NET CAFÈ Incontri tra imprenditori

Category:Senza categoria

Il NET CAFÈ Incontri tra imprenditori

Un’iniziativa del Gruppo Giovani Imprenditori di Avellino pensata per creare occasioni di conoscenza e – perché no – di business tra le aziende associate

Katia Petitto, Presidente G.I. Confindustria Avellino

NET CAFÉ è un progetto ideato dal team di lavoro rapporti interni e
sviluppo associativo del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Avellino con l’obiettivo di costruire una strategia di crescita comune attraverso la condivisione e la partecipazione dei singoli associati a momenti di incontro e di confronto. «Offrire nuovi servizi e creare occasioni di business e relazioni tra le aziende che a vario titolo operano sul territorio irpino ci è sembrato da subito – dice la presidente di G.I. di Confindustria Avellino, Katia Petitto un progetto vicino allo spirito innovatore e propositivo del Gruppo». Agli incontri finora organizzati presso la sede di Confindustria Avellino hanno partecipato tutte le aziende appartenenti al Gruppo Giovani Imprenditori. In particolare nell’ultimo evento è stato dato spazio alle aziende di prima generazione e di recente costituzione come AV PROJECT, azienda che nasce dall’esperienza ventennale di un gruppo di imprenditori attivi nel campo dell’edilizia, che inseguendo l’idea innovativa dell’energia rinnovabile ha iniziato la produzione di pannelli fotovoltaici, o come la TREEMME STAMPAGGI, azienda specializzata nella produzione e commercializzazione di accessori per la lattoneria edile e pluviale, nata dall’idea di tre soci, operanti già da diversi anni nel settore, che sostenendo uno sviluppo pianificato, rappresentano oggi, per i risultati raggiunti, un punto di riferimento nel panorama imprenditoriale del Centro Sud. É stata una giornata di promozione anche per altre due aziendegiovani, ma operanti in tutto il territorio nazionale ed europeo SISTEMA TETTO e DIMMIS CONTROL. La prima, Sistema Tetto, è una azienda leader nel settore delle coperture edili, nata da una antica tradizione edile diventata in pochi anni riferimento per i sistemi di copertura e per tecnologie di facciata. Le loro realizzazioni sono molto richieste tra i progettisti che amano svincolarsi dagli schemi tradizionali e che vogliono sperimentare soluzioni costruttive lontane dai soliti manufatti. La Dimms (Centro Geotecnico Ingegneristico di Intervento e di Controllo sulle Strutture e sul territorio), azienda relativamente giovane, si occupa di prove di laboratorio sui terreni, sulle rocce, sui bitumi e sui materiali da costruzione e vanta lavori in Italia e nel mondo.Durante l’incontro ogni responsabile ha avuto la possibilità di effettuare alla presenza di altri imprenditori una presentazione aziendale, lasciando in seguito spazio a domande e curiosità inerenti la storia, la produzione e i mercati dell’azienda. Un pomeriggio dedicato interamente alla reciproca conoscenza delle aziende con l’obiettivo di dare nuovo impulso e nuove opportunità allo stesso Movimento. «Siamo fieri di aver lanciato il net cafè come iniziativa utile alle nostre aziende – afferma Katia Petitto – perché da tempo le aziende associate, in particolare gli imprenditori più giovani, hanno mostrato di gradire iniziative pensate per creare occasioni di conoscenza e perché no – di business tra aziende. A mio parere creare opportunità relazionali chiare, trasparenti aiuta le nostre aziende a lavorare meglio; è sempre un paradosso andare ad acquistare materie prime o vendere prodotti in regioni di Italia e del mondo, senza sapere di poterlo fare anche nella tua area industriale». «Vogliamo mettere a sistema questi incontri – conclude Petitto – e fare gioco di squadra allargando questa iniziativa a tutte le aziende associate, non solo quelle iscritte al Gruppo Giovani e sperimentare anche con altre associazioni territoriali questi incontri conoscitivi, perché davanti ad un buon caffè almeno un imprenditore su tre, trova un nuovo cliente o un nuovo partner commerciale».


  • 0

Riaccendere il motore dell’economia L’IRPINIA incontra l’Assessore Regionale VETRELLA

Category:Senza categoria

Riaccendere il motore dell’economia L’IRPINIA incontra l’Assessore Regionale VETRELLA

Infrastrutture, automotive, aerospazio, Ict, filiera agroalimentare e biotecnologie farmaceutiche i punti forti su cui insistere per imboccare la strada dello sviluppo

L’Assessore Regionale ai Trasporti e allo Sviluppo economico Sergio Vetrella

L’Irpinia cerca la “strada” giusta per lo sviluppo e lo fa scommettendo su automotive, aerospazio, information and communication technology, filiera agroalimentare e biotecnologie farmaceutiche. A fare da “bussola” per orientarsi partendo da queste nuove sfide sono state le istituzioni locali e regionali che, insieme con le parti sociali e datoriali, si sono di recente confrontate nel capoluogo avellinese per fare il punto della situazione. L’occasione è stata rappresentata, lo scorso sei luglio, dal summit tra l’Assessore Regionale ai Trasporti e allo Sviluppo economico, Sergio Vetrella, il presidente della Provincia di Avellino, Cosimo Sibilia, il vice-presidente dell’Ente, Vincenzo Sirignano, con delega alle Attività produttive, l’Assessore provinciale al Lavoro e alla Formazione professionale, Giuseppe Antonio Solimine, unitamente alla Confindustria e alle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil ed Ugl. Il rilancio non può che ripartire dai nodi strategici dell’economia irpina. Per questo le parti sociali e la Provincia hanno sottolineato l’esigenza di un deciso intervento per sbloccare i contratti di programma (automotive, aerospazio, informatica, biotecnologie farmaceutiche).

L’incontro (un tassello che si aggiunge alla costruzione della piattaforma della vertenza Irpinia, fortemente voluta e sollecitata dal presidente di Confindustria Avellino Silvio Sarno) ha fatto seguito a quello svoltosi la settimana precedente presso l’assessorato provinciale al Lavoro con l’Assessore Regionale al ramo, Severino Nappi, al quale sono state illustrate le difficoltà del mondo della produzione e del lavoro della provincia, con particolare riferimento agli ammortizzatori sociali ed alla formazione.
L’incontro con Vetrella è stato, invece, un primo confronto sui principali temi che riguardano l’economia dei singoli territori, l’avvio di una fase di analisi necessaria alla Regione al fine di riscontrare la condizione di fatto dei progetti e dei programmi di sviluppo e per la definizione delle priorità nel campo delle attività produttive, infrastrutture, logistica, trasporti, rilancio delle iniziative dei grandi gruppi e dell’indotto. In merito alle infrastrutture, si è discusso in particolare del completamento del collegamento Pianodardine-Cervinara. Sul sottopasso di piazza Libertà, invece: «Nessun problema di carattere politico, dobbiamo rientrare nel patto di stabilità, ma siamo ormai pronti per ripartire con le opere, una volta individuate le priorità», ha spiegato l’esponente della Giunta Caldoro, che ha aggiunto: «L’unico problema che abbiamo è quello di fare tutto il possibile per far vivere bene i nostri cittadini. Quindi, io abolirei la parola politica: noi siamo qui per lavorare insieme e per trovare tutte le soluzioni più appropriate per fare in modo che l’azione della politica serva a dare risposte e risolvere i problemi». «Una volta che – ha continuato Vetrella – abbiamo messo a fuoco le problematiche e le loro dimensioni, possiamo intervenire».

Con l’Assessore regionale, sollecitato da Confindustria , si è poi affrontato il discorso degli Accordi di Programma ed anche dei Piani integrati di filiera nel settore agro-alimentare, capofila il gruppo De Matteis. Vetrella ha confermato che si sta adoperando alacremente «per dare il via quanto prima ai contratti di programma». Anche l’Irpinia, dunque, beneficerà di questo impegno. Poi il passaggio alle difficoltà legate alla crisi. Creare economia, creare lavoro. Ma, soprattutto, dare una speranza ai giovani. L’AssessoreVetrella non usa mezzi termini. «L’Irpinia, ma più in generale la Campania, deve riaccendere il motore dello sviluppo». «Il futuro – ha aggiunto Vetrella – è nelle nostre mani».
In tal senso: «C’è grande attenzione verso tutte le province campane – ha specificato – e l’aspetto più importante è sicuramente quello del lavoro. Noi dobbiamo dare una speranza ai nostri giovani di poter vivere, crescere e continuare la loro vita di lavoro e di famiglia all’interno della nostra meravigliosa regione». Per realizzare questo obiettivo: «Occorre stabilire dove sono i maggiori problemi e lì dobbiamo intervenire, perché dobbiamo fare in modo che le sacche di sofferenza vengano eliminate».
«Noi oggi abbiamo una grande occasione, – ha proseguito Vetrella – che è quella di avere nelle nostre mani il futuro dello sviluppo economico, basato sul ruolo fondamentale che abbiamo, non solo per la capacità e le competenze che ci appartengono, ma anche perché abbiamo una posizione centrale e strategica nel Mediterraneo e questa va sfruttato in modo appropriato». Al termine del summit, il senatore Sibilia, a nome dell’Esecutivo provinciale, ha espresso soddisfazione per l’impegno garantito dalla Regione intorno alle questioni dibattute e si è augurato che il confronto continui con il coinvolgimento sempre più radicato di tutte le parti interessate. «Come Provincia – ha commentato Sibilia stiamo cercando di dare impulso allo sviluppo di questo territorio in una fase congiunturale negativa, anche sollecitando la Regione Campania ad avere attenzione verso le aree interne e l’Irpinia in particolare».
«Qui infatti – ha proseguito il numero uno di Palazzo Caracciolo mancano ancora infrastrutture e i progetti di sviluppo sono ancora in fase di difficoltà. Ho sollecitato, dunque, Vetrella a guardare con attenzione alla nostra provincia e ritengo che occorra un impegno comune di politica, istituzioni e parti sociali per costruire un percorso di crescita duraturo che consenta alle aziende di superare l’attuale fase di impasse». Vetrella si è infine impegnato per un nuovo incontro nel mese di settembre per la definizione delle priorità in sede di concertazione, prendendo spunto dal documento sottoscritto da Confindustria e le OO.SS..


  • 0

PASTA BARONIA, tempi celeri per l’attuazione del Pif Il Gruppo De Matteis capofila di “Inte-grano

Category:Senza categoria

 

Pronti i progetti di investimento per lo sviluppo della filiera cerealicola, ma si attende dalla Regione lo sblocco del co-finanziamento pubblico

Marco De Matteis

Nonostante la Regione non abbia ancora sbloccato il finanziamen to del Pif cerealicolo, l’azienda capofila, Pasta Baronia, applicherà comunque il premio di coltivazione legato alla qualità del grano, stabilito nell’accordo quadro di fornitura del Progetto integrato di filiera. In sostanza, pagherà ai produttori un prezzo più alto rispetto a quello applicato sui mercati, rispettando così l’intesa raggiunta. Il gruppo imprenditoriale De Matteis ha già comunicato la decisione ad agricoltori e stoccatori. La disponibilità dell’azienda è riservata agli attori della filiera che hanno aderito al Pif, già approvato dalla Regione.
Una disponibilità che rappresenta il segno della collaborazione concreta e proficua tra la Confindustria e la Coldiretti. Un sostegno al settore cerealicolo, nel rispetto della volontà di proseguire il progetto di valorizzazione del comparto in Irpinia. Intanto, Marco De Matteis, rappresentante dell’omonima azienda e presidente della sezione Alimentare di Confindustria Avellino, auspica tempi celeri per lo sblocco definitivo del co-finanziamento pubblico di “Inte-grano”, l’associazione che ha presentato un Pif da 33 milioni di euro per la creazione e lo sviluppo di una filiera cerealicola.
«Ormai i campi di grano della nostra provincia – afferma l’imprenditore – sono pronti per l’imminente avvio del raccolto, ma non è ancora partito l’iter per la realizzazione dei progetti di investimento presentati dal partenariato denominato “Inte-grano” di cui la Matteis agroalimentare rappresenta il capofila». «Mi auguro che questo segnale – aggiunge De Matteis – serva per consolidare ancora meglio la relazione con tutti i protagonisti della filiera cerealicola irpina, nonostante i tempi degli atti pubblici possano mal conciliarsi con le esigenze del settore agro-industriale che avrebbe avuto gran bisogno dello sblocco dei fondi».
Le risorse che saranno stanziate dalla Regione Campania verranno utilizzate per l’ammodernamento delle aziende agricole, per la formazione degli agricoltori, per interventi sulla tracciabilità di filiera, sullo sviluppo e sulla ricerca in campo agronomico ed industriale, sull’alta formazione professionale per le imprese. É prevista inoltre la realizzazione di infrastrutture agricole, strade ed acquedotti rurali. Infine, saranno realizzate campagne di promozione delle tradizioni agricole legate al grano e degli altri prodotti di filiera.
Gli studi previsti e le loro applicazioni al processo industriale puntano anche ad ottenere una pasta di filiera campana di grano duro gluten free, idonea al consumo da parte dei celiaci. L’obiettivo finale è di rafforzare il comparto agricolo per garantire da un lato un migliore livello qualitativo delle produzioni di grano duro campano e dall’altro l’adeguamento delle strutture di stoccaggio e intermediazione in un’ottica di maggiore efficienza e garanzia di tracciabilità


  • 0

MASTROBERARDINO, ruolo da protagonista per le Docg Il successo dei vini irpini nel paese del Sol Levante

Category:Senza categoria


Sulla storica azienda vinicola di Atripalda e sul resort turistico “Radici” si sono accesi i riflettori di una nota emittente giapponese che metterà in onda a settembre un dettagliato report

Piero Mastroberardino

Ruolo da protagonista nella tv giapponese per il vino irpino.
Sulla storica azienda vinicola di Atripalda “Mastroberardino” e sul resort turistico “Radici” (dello stesso gruppo) si sono di recente accesi riflettori importanti. Quelli dell’emittente Bs Asahj, una delle più stimate del Sol Levante, con uno share medio giornaliero di 20 milioni di contatti televisivi. La troupe nipponica, che ha fatto tappa in Irpinia lo scorso sei luglio, si è trattenuta in Campania per diversi giorni al fine di realizzare un documentario sulle eccellenze enogastronomiche della regione. Report che verrà messo in onda a settembre, dedicando una attenzione particolare alla filiera del vino di qualità. Numerose le riprese effettuate nelle cantine della “Mastroberardino Vini spa” e nel resort turistico di Mirabella Eclano. L’iniziativa, che ha ottenuto il plauso dell’assessore al Turismo e Beni Culturali della Regione Campania Giuseppe De Mita, è inquadrata nelle azioni di promo-marketing intercontinentale. Particolarmente colpito il regista Akihito Mitamura e Mie Ishii della Japan Planning Associates per la ricchezza del territorio della provincia di Avellino, così piccolo, ma in grado di offrire all’Italia ben tre vini Docg ed un patrimonio enologico di così alta qualità. Soddisfazione per l’evento è stata espressa dal professore Piero Mastroberardino, ordinario di economia e gestione delle imprese presso l’Università degli Studi di Foggia. E’ lui l’erede della più antica casa vinicola della Campania che vanta una storia lunga dodici generazioni. Per il titolare dell’azienda irpina l’iniziativa rappresenta un’occasione importante per il rilancio del settore agroalimentare. Una scommessa che, secondo Mastroberardino, si vince così: «Occorre – spiega – lasciare spazio agli imprenditori affinché riescano a cogliere le opportunità del mercato per investire». «È necessario però continua – che vi siano adeguati presupposti infrastrutturali, la cui mancanza o inadeguatezza ostacola gli operatori economici». E il ruolo delle istituzioni? Per Piero Mastroberardino è indispensabile che esse creino condizioni di credibilità e di funzionalità di un sistema produttivo, per poi esercitare il giusto controllo sulle regole essenziali di funzionamento. «Magari agevolare – continua – le iniziative di coordinamento dei sistemi di imprese su base territoriale in modo da consentire che sia operato un trascinamento ad opera degli operatori privati nei confronti delle comunità in cui la vocazione vitivinicola è più spiccata, ma senza sconfinare in attività di prima linea». «Questo perché – aggiunge l’imprenditore irpino – il soggetto tipico dello sviluppo è l’impresa. Da ciò si comprende che occorre dare centralità agli imprenditori nel piano di sviluppo provinciale».


  • 0

LUGEGA FILMS

Category:Senza categoria

La presente scheda è stata compilata sulla base di informazioni rese direttamente  dall’azienda ed è stata pubblicata sul sito Web dell’Unione degli Industriali della Provincia di Avellino in base ad una formale autorizzazione

Ragione Sociale LUGEGA FILMS 
Partita IVA 02317190649
Sede Legale VIA C. COLOMBO -83100AVELLINO
Sede Operativa  
Tel 0825 756393
Fax 0825756393
E-Mail INFO@LUGEGAFILMS.COM
Sito WEB Aziendale www.lugegafilms.com
Codice ISTAT 92200 – ATECOFIN 2004
Appartenenza ad un Gruppo NO
Numero di dipendenti 4
Classe di fatturato (in Lire) x fino a 1 Miliardo   da 1 a 5 miliardi   da 5 a 10miliardi
    da 10 a 30 miliardi   da 30 a 80miliardi   oltre 80 miliardi
Attività esercitata PRODUZIONI VIDEO 
Certificazione dei processi produttivi e/o di lavorazione EMAS
Descrizione dell’attività LA LUGEGAFILMS REALIZZA FILMATI PER LA TELEVISIONE, L’INDUSTRIA, L’EDITORIA, GLI ENTI E LE ISTITUZIONI E SEGUE TUTTI I PASSI NECESSARI ALLA CREAZIONE DI UN FILMATO DALLA PRE-PRODUZIONE ALL’EDITING FINALE.

 

Referente GERARDO GATTA

  • 0

Patto per lo sviluppo ed il lavoro

Category:Senza categoria

Indicazione delle azioni prioritarie per il rilancio economico del territorio irpino

per la definizione del

“Patto per lo sviluppo ed il lavoro”

 29 luglio 2010

 

PREMESSA

 

CONFINDUSTRIA Avellino e le Segreterie provinciali di CGIL, CISL e UIL intendono proporre nuovamente alla classe politica locale azioni ed obiettivi finalizzati alla creazione di un contesto favorevole alle iniziative imprenditoriali esistenti, alla creazione di nuove iniziative produttive, alla tutela dei livelli occupazionali ed al miglioramento della concertazione istituzionale.

Leggi tutto il documento (allegato)


  • 0

Applicazione Art. 1 Legge 29.05.1982 – n. 297 in materia di trattamento di fine rapporto Luglio 2010.

Category:LAVORO E PREVIDENZA

L’Istituto Centrale di Statistica ha reso noto l’indice dei prezzi al consumo per le famiglie degli Operai-Impiegati relativo al mese di  Luglio 2010.

In ottemperanza alle norme specificate nell’art. 1 della Legge 297/82 e con riferimento ai criteri applicativi indicati nelle nostre precedenti circolari Vi comunichiamo che il coefficiente utile per la rivalutazione a  Luglio 2010 del  trattamento di fine rapporto è pari a1,0186691 

Tale coefficiente è ricavato dai calcoli riportati in calce. 

A disposizione per ogni ulteriore  chiarimento, porgiamo distinti saluti. 

  IL DIRETTORE

Dr. Giacinto Maioli

 ____________________________________________________________________________                       

0,875 + 0,75 x ((137,6 – 135,8)/135,8) x 100 =

0,875 + (0,75 x 1,3255479) = 

0,875 + 0,994109 = 1,869109 

D O V E

– 0,875 è  la percentuale  in  misura  fissa  da calcolare  in dodicesimi  (7 per il mese di Luglio 2010)

–  137,1 è l’ indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai – impiegati nel mese di Luglio 2010;

–  135,8 è l’ indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai – impiegati nel mese di dicembre 2009;

–  0,75 è la percentuale cui deve essere ridotto l’aumento dei prezzi al consumo del mese di  Luglio rispetto a Dicembre 2009.                                          

    _____________________________________________________________________

 


  • 0

Bollettino Ufficiale della Regione Campania numero 59 del 30/08/2010

Category:Senza categoria

Bollettino Ufficiale della Regione Campania numero 59 del 30/08/2010

Estratto dei principali provvedimenti di interesse per le imprese

 

 

1. PARTE PRIMA – ATTI DELLA REGIONE 

ATTI DEL CONSIGLIO REGIONALE 

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CAMPANIA – Avviso Nomine – L.R. 7 agosto 1996, n. 17 – 1. AZIENDA SPECIALE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI NAPOLI – EUROSPORTELLO – COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI – 2. AZIENDA SPECIALE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI NAPOLI – LABORATORIO CHIMICO MERCEOLOGICO – COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI – 3. AZIENDA SPECIALE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI NAPOLI – CESVITEC CENTRO PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO TECNOLOGICO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE – COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI – 4. UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO DELLA CAMPANIA – COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

 

DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE 

RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA 

A.G.C. 06 – Ricerca Scientifica, Statistica, Sistemi Informativi ed Informatica – Settore 01 – Deliberazione n. 612 del 5 agosto 2010 – Esecuzione della delibera n. 534 del 02/07/2010. Delibera n. 1571 del 15/10/2009.

 

 


  • 0

CORSO DI FORMAZIONE PER VALUTATORI AMBIENTALI

Category:FORMAZIONE

In riscontro alle  richieste pervenute dalle imprese associate,  Ricerche e Studi srl, società di servizi della Confindustria
Avellino, organizza il corso per VALUTATORI INTERNI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE – NORMA UNI EN ISO 14001 e
Regolamento EMAS, strutturato su lezioni teoriche, esercitazioni e confronti in aula.

L’attività formativa permetterà ai partecipanti di conoscere il quadro completo della normativa di riferimento, con
particolare attenzione alle norme:

–         UNI EN ISO 14001:2004 ” Sistemi di gestione ambientale – Requisiti e guida per l’uso”;

–         Regolamento EMAS CE 761/01;

–         UNI EN ISO 19011:03 “Linee guida per gli audit dei sistemi di gestione per la qualità e/o di gestione ambientale” –
tecniche e procedure per l’esecuzione di un audit interno.

Il percorso avrà la durata di 24 ore , tre giorni di corso presumibilmente nel prossimo mese di settembre con i seguenti
orari 9-13 / 14-18 presso la sede di Confindustria Avellino in Via Palatucci 20/A.

Obiettivo del seminario è fornire all’azienda, attraverso la formazione dei valutatori interni, la possibilità di raggiungere i
risultati prefissati per il Sistema di gestione Ambientale. La gestione delle attività di audit interni mette a disposizione
dell’impresa la definizione delle azioni correttive da intraprendere al fine di riadeguarsi a quanto
pianificato.                                                              

Si trasmette in allegato una scheda di dettaglio del percorso formativo nel quale troverete una sintesi delle competenze
dei docenti che terranno il corso.

Vi informiamo che il corso sarà attivato al raggiungimento di un numero minimo di 10 partecipanti e che per l’adesione
dovrà essere compilata la scheda d’iscrizione allegata entro il 10 settembre 2010.

Rimaniamo a disposizione per tutti gli eventuali approfondimenti (Barbara Maria Cesa Tel. 0825/785513 e-mail
formazione@confindustria.avellino.it ) e porgiamo cordiali saluti.       
           

Allegati n. 2

1.dettaglio percorso formativo

2. scheda di iscrizione (inviare al Fax 0825/271945)


  • 0

Decreto 6 agosto 2010 – Tariffe incentivanti fotovoltaico

Category:Senza categoria

Gent.mi Associati

riteniamo opportuno segnalare alla Vostra cortese attenzione il testo ufficiale del Decreto 6 agosto 2010 (G.U. 24 agosto 2010 n. 197) recante ” Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare”.

Il decreto definisce ed aggiorna le tariffe incentivanti al fine di rispettare il principio di equa reminuerazione dei costi stabilito dall’art. 7 del DLGS 387/2003 anche in considerazione delle innovazioni tecnologiche attualmente disponibili per il settore fotovoltaico.

Distinti saluti

Sezione Energia.
Confindustria Avellino


Cerca