Author Archives: Gennaro Sfera

  • 0

BONUS OCCUPAZIONE SUD DAL 1° GENNAIO 2019- DECRETO ANPAL E CIRCOLARE INPS –

Category:LAVORO E PREVIDENZA,NEWS

Facciamo seguito alla nostra news del 12 luglio u.s. prot.1020/2019 con la quale vi abbiamo illustrato le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto Decreto Crescita, per segnalarvi che a seguito della introduzione dell’art. 39 ter della Legge n. 58/2019, l’ANPAL ha provveduto prontamente ad emanare il Decreto Direttoriale n. 311 del 12.7.2019, con il quale ha recepito l’estensione della copertura finanziaria del Bonus Occupazione Sud ai primi quattro mesi dell’anno in corso.

Il nuovo provvedimento si limita ad estendere le disposizioni del precedente Decreto n. 178 del 19.04.2019 anche alle assunzioni effettuate dal 1° gennaio 2019 al 30 aprile 2019.
.
Inoltre l’INPS con la circolare n. 102 del 16 luglio 2019 ha finalmente diramato le attese istruzioni operative, pertanto le aziende potranno inoltrare le richieste per beneficiare dell’incentivo.

Nel rinviare al testo della circolare, che alleghiamo, riepiloghiamo di seguito in maniera sintetica le principali caratteristiche di questo Bonus riservato a tutti i datori di lavoro delle Regioni del Mezzogiorno.

L’incentivo è riconosciuto per le assunzioni effettuate nel 2019 con contratto a tempo indeterminato (full-time e part-time) anche a scopo di somministrazione, o con contratto di apprendistato professionalizzante, di disoccupati in possesso dei seguenti requisiti:
– lavoratori di età compresa tra i 16 e 34 anni;
– lavoratori con 35 anni di età e oltre, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi (ai sensi del D.M.17 ottobre 2017)

I lavoratori non devono aver avuto un rapporto di lavoro con il medesimo datore di lavoro negli ultimi sei mesi.

E’ considerato privo di impiego regolarmente retribuito chi nell’ultimo semestre non ha avuto un rapporto Subordinato della durata di almeno sei mesi, o chi ha svolto attività di lavoro autonomo o parasubordinato da cui derivi un introito inferiore al reddito annuale minimo.
Il Bonus è previsto anche in caso di trasformazione da tempo determinato a tempo indeterminato ed in questo caso non è richiesto il requisito della disoccupazione, e può essere fruito nei limiti degli aiuti in regime di “de minimis” o in alternativa rispettando alcune precise condizioni.

La procedura prevede l’inoltro di una domanda preliminare mediante un nuovo applicativo disponibile nel portale delle agevolazioni diresco chiamato “IOSS” a cui segue, dopo le verifiche da parte dell’Istituto, il relativo accoglimento.
Le istanze relative alle assunzioni e trasformazioni effettuate tra il 1° gennaio 2019 ed il 15 luglio u.s., e pervenute nei 10 giorni successivi al rilascio della modulistica on line, saranno elaborate secondo l’ordine cronologico di decorrenza dell’assunzione.

Successivamente le istanze saranno elaborate secondo l’ordine cronologico di presentazione dell’istanza.
Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dott. Giacinto Maioli
Alleg.: Circolare INPS 102/2019

Allegati


  • 0

[direzione} Iniziativa del Politecnico del Cuoio – Stazione Sperimentale- incontro con delegazione cinese dell’Associazione dell’Industria del cuoio di Shenzhen.

Category:NEWS

OGGETTO: Iniziativa del Politecnico del Cuoio – Stazione Sperimentale- incontro con delegazione cinese dell’Associazione dell’Industria del cuoio di Shenzhen.

Vi informiamo che il 10 luglio scorso su iniziativa del Politecnico del cuoio della Stazione Sperimentale Pelli, si è tenuta presso la sede di Pozzuoli una giornata di confronto con i rappresentanti dell’Associazione dell’industria del cuoio della città cinese di Shenzhen.

Obiettivo dell’incontro era quello di verificare la possibilità di dare avvio ad iniziative di comune interesse finalizzate alla promozione e sviluppo del sistema moda, attraverso la condivisione di approcci culturalmente complementari.

Sono stati invitati ad intervenire il Presidente dalla sezione moda dell’Unione Industriali di Napoli, il nostro Presidente della Sezione Conciatori, il Vice Presidente nazionale di Assocalzaturifici, il coordinatore della Commissione Moda di Confindustria Campania e la Coordinatrice del Corso di Laurea in Design ed Innovazione dell’Università degli Studi “Luigi Vanvitelli”.

Nell’ambito dell’iniziativa la delegazione cinese ha avuto modo di visitare Solofra e quindi di conoscere da vicino la realtà produttiva di questo distretto industriale.
Al termine dell’incontro è stato sottoscritto un documento di intenti che alleghiamo per opportuna conoscenza.

Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dott. Giacinto Maioli
All.c.s.
Memorandum Cina

Allegati


  • 0

  • 0

Chiusura Uffici per ferie collettive.

Category:ATTIVITA' ASSOCIATIVE,NEWS

Si comunica che per consentire ai dipendenti la fruizione delle ferie e dei permessi annui retribuiti, i nostri Uffici nel periodo estivo effettueranno la chiusura collettiva e gli orari di seguito indicati:

CHIUSURA PER FERIE DAL 5 AGOSTO AL 23 AGOSTO 2019

ORARIO UNICO (8,30-13,30) DAL 22 LUGLIO AL 2 AGOSTO 2019
( dal lunedì al Venerdì ) DAL 26 AGOSTO AL 30 AGOSTO 2019

Con i migliori saluti.
DIRETTORE

Dr. Giacinto Maioli


  • 0

  • 0

SETTIMANA DELL’INNOVAZIONE ITALIA-CINA, 10 ANNI DI COOPERAZIONE NEL SEGNO DELL’INNOVAZIONE

Category:ATTIVITA' ASSOCIATIVE,NEWS

Vi informiamo che è aperta la call per partecipare alla Settimana dell’Innovazione, della Scienza e della Tecnologia Cina-Italia, in programma nelle città di Pechino e Jinan dal 28 al 31 ottobre 2019.
Momento centrale di una piattaforma di cooperazione permanente tra i due Paesi, la Settimana è promossa in Italia dal MIUR in sinergia con il MAECI, dalla Regione Campania per il SIEE, ed è coordinata dalla Città della Scienza di Napoli, in collaborazione con il CNR, Confindustria, i Cluster Tecnologici Nazionali, le principali Università e Centri di Ricerca Italiani, e Campania NewSteel e PNI Cube per il programma delle startup. Da parte cinese, il programma è promosso dal Ministero della Scienza e della Tecnologia (MoST) e coordinato dal Beijing Municipal S&T Commission, e dall’International Technology Transfer Network per il programma startup, oltre che dal Beijing Association for Science and Technology–BAST per il SIEE, a sua volta membro della Chinese Association for Science and Technology– CAST.
Seminari tematici, tavoli di networking, incontri one-to-one e un’intensa azione di promozione istituzionale sotto l’egida dei rispettivi Governi, scandiranno il ritmo dello storico programma di cooperazione bilaterale avviato dieci anni fa tra Italia e Cina per valorizzare i sistemi innovativi di ricerca e impresa.
La Settimana dell’Innovazione avrà quest’anno un particolare rilievo anche grazie agli accordi siglati nell’ambito del Memorandum of Understanding firmato in occasione della visita del Presidente cinese Xi Jiping in Italia e in vista del 50° anniversario delle relazioni diplomatiche nel 2020.
Il programma prevede:
– il 28 Ottobre (Pechino): lo svolgimento del Sino-Italian Exchange Event;
– il 29 Ottobre (Pechino): la celebrazione del 10 Anniversario del China-Italy Innovation Forum, alla presenza dei Ministri Marco Bussetti e Wang Zhigang;
– il 30 Ottobre (Pechino): visite a Poli di Innovazione e Centri di Eccellenza;
– il 31 Ottobre (Jinan): il Focus Territoriale ai centri di ricerca e incubatori tecnologici.
In occasione della manifestazione si svolgeranno inoltre le finali della Best Start-up Showcase Entrepreneurship Competition, che ha visto dall’inizio dell’anno 90 startup impegnate in un percorso selettivo di esplorazione del contesto cinese. Infine, in occasione del decimo anniversario del Forum sarà allestita un’area espositiva per presentare i risultati della cooperazione tra istituzioni ed imprese italiane e cinesi.
Possono partecipare le imprese e tutti i soggetti pubblici e privati (centri di ricerca, università, cluster tecnologici nazionali, imprese e start-up, distretti innovativi, parchi scientifici e tecnologici, associazioni di categoria, etc.) con una sede in Italia, attivi nell’innovazione di prodotto e processo o nella ricerca scientifica e tecnologica, e che hanno interesse a confrontarsi con potenziali partner della Repubblica Popolare Cinese.
La partecipazione alla manifestazione, agli incontri One-to-One e alle sessioni di lavoro è gratuita ma è subordinata alla compilazione del modulo di registrazione.
Per partecipare alla Settimana è necessario compilare il <www.cittadellascienza.it/cina> modulo di registrazione (link) pubblicato sul sito di Città della Scienza.
La data di scadenza per l’iscrizione alla manifestazione è fissata al:
– 31 luglio 2019 per chi vuole proporre un intervento nei seminari tematici;
– 27 settembre 2019 per coloro che sono interessati a partecipare agli incontri one-to-one.
Distinti saluti
IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli
All.c.s.
Call Italia – Cina 2019

Allegati


  • 0

PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA REGIONALE. LINEE GUIDA PER INCENTIVARE LE FILIERE STRATEGICHE.

Category:ATTIVITA' ASSOCIATIVE,NEWS

Con provvedimento pubblicato sul Bollettino Ufficiale del 1 luglio 2019, la Regione Campania ha emanato le linee guida per il sostegno alle filiere strategiche della regione Campania. Si tratta, per ora, della definizione dell’ambito operativo entro il quale saranno composte le procedure per la concessione di incentivi alle imprese, piccole, medie e grandi che intendano effettuare investimenti. Il provvedimento individua, inoltre, le fonti finanziarie da stanziare per tale misura che per ora ammontano a 91 milioni di Euro.

Le filiere strategiche regionali individuate sono quelle che operano nei seguenti settori:
a. Aerospazio, b) Automotive e Cantieristica, c) Agroalimentare, d) Abbigliamento e Moda, e) Biotecnologie, f) Energia e Ambiente.

Saranno prioritariamente valutale le iniziative, in forma singola o aggregata, riferite alle unità locali ubicate nelle Aree di Crisi della Regione Campania o che concorrono allo sviluppo delle Zone Economiche Speciali per i programmi di investimento finalizzati a:

realizzare o ampliare nuove unità produttive; diversificare la produzione di uno stabilimento esistente; prevedere un cambiamento fondamentale del processo di produzione; aumentare l’efficienza energetica nei processi produttivi o negli edifici delle unità locali oggetto dell’investimento.

I programmi dovranno presentare un investimento non inferiore a 2,5 milioni di Euro e non superiori a 15 milioni di Euro. Nel caso di imprese aggregate ogni singola azienda dovrà proporre un investimento non inferiore a 500.000 euro.

Oltre alle priorità territoriali (Aree di Crisi e ZES) i programmi di investimento dovranno prevedere incrementi occupazionali, la concessione del Rating di Legalità e non prevedere il consumo di suolo.

Le agevolazioni saranno concesse nella forma mista del contributo diretto alla spesa e del finanziamento agevolato. L’obiettivo della Regione Campania è anche quello di stimolare gli investimenti finalizzati allo sviluppo di produzioni innovative e ad alto grado di specializzazione.

Sarà ora necessario attendere ulteriori passaggi amministrativi finalizzati ad individuare altre risorse da destinare agli investimenti e fissare i termini di apertura del Bando dedicato alle aziende campane.

Considerando che tale misura di programmazione negoziata prevede anche momenti di concertazione con i territori, come Confindustria Avellino abbiamo inteso precedere ad una ricognizione puntuale tra gli associati di eventuali investimenti da realizzare aventi le caratteristiche previste dal provvedimento, al fine di poterli adeguatamente presentare nelle sedi istituzionali di confronto.

Vi invitiamo, pertanto a voler compilare l’allegata scheda e a restituirla ai nostri uffici che possono offrire adeguato supporto operativo grazie ai servizi offerti da Ricerche e Studi Srl (tel 0825 785512 <mailto:mauriello@confindustria.avellino.it> mauriello@confindustria.avellino.it)

Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli

All.c.a.
Scheda rilevazione investimenti


  • 0

  • 0

CONVERSIONE IN LEGGE DECRETO CRESCITA- NOVITÀ IN MATERIA DI LAVORO –

Category:LAVORO E PREVIDENZA,NEWS

Tra le novità introdotte dalla Legge 28 giugno 2019 n. 59 che ha convertivo con modificazioni il D.L. 30.04.2019 n. 34 recante misure urgenti di crescita economica, vi sono anche delle disposizioni in materia di lavoro.

Copertura Bonus Occupazione Sud dal 1° gennaio 2019
Viene previsto lo stanziamento di circa 200 milioni di euro di risorse aggiuntive da destinare al finanziamento del beneficio per le assunzioni effettuate nelle Regioni del Mezzogiorno, cosiddetto Bonus Occupazione Sud, per il periodo dal 1° gennaio al 30 aprile 2019.
Infatti come vi avevamo segnalato con la nostra news del 10 maggio u.s., a seguito del Decreto ANPAL n178, tale beneficio veniva riconosciuto solo a decorrere dal 1° maggio 2019, mentre doveva essere previsto per le assunzioni effettuate dal 1 gennaio al 31 dicembre 2019.
Si resta in attesa dell’emanazione delle necessarie istruzioni da parte dell’INPS per la fruizione dell’agevolazione.

Incentivi per assunzione giovani diplomati
l’art. 49 bis prevede l’esonero parziale dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per 12 mesi in caso di assunzioni a tempo indeterminato di giovani diplomati. L’incentivo spetta alle aziende che effettuano erogazioni liberali di importo non inferiore a 10.000 euro in favore di istituzioni scolastiche tecniche di secondo grado per la realizzazione , la riqualificazione e l’ammodernamento di laboratori professionalizzanti per lo sviluppo delle competenze.
L’incentivo sarà riconosciuto dal 2021 ed è comunque subordinato all’adozione entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della legge 58/2019 di un decreto interministeriale MIUR-MEF.

Contratto di espansione
L’art.26 quater sostituisce completamente l’art. 41 del Decreto Legislativo n. 148/2015 che disciplinava i vecchi contratti di solidarietà espansivi, sostituendoli con uno strumento sperimentale valevole per gli anni 2019 e 2020 con caratteristiche diverse denominato contratto di espansione.

Possono ricorrere a tale strumento solo le aziende che occupano almeno mille dipendenti, in caso di processi di reindustrializazione e riorganizzazione che comportano una strutturale modifica dei processi aziendali finalizzati al progresso ed allo sviluppo tecnologico dell’attività, ed in conseguenza di ciò abbiano la necessità di intervenire sul proprio organico, ed abbiamo esigenze di nuove professionalità.

Con una procedura di consultazione da effettuare in sede Ministeriale, si formalizza un accordo che prevede contestualmente la riduzione di orario ed un piano di nuove assunzioni che deve essere predefinito nei numeri e nei tempi.
Viene anche introdotto un meccanismo di prepensionamento anticipato per facilitare il turn-over all’interno delle aziende di cui sopra che stanno affrontando importanti processi di transizione produttiva.

Tale meccanismo riguarda i lavoratori che si trovino a non più di 60 mesi dal conseguimento del diritto alla pensione di vecchiaia e che abbiano maturato i requisiti per la pensione anticipata, in questi casi il datore di lavoro, a fronte della risoluzione del rapporto di lavoro, corrisponderà al lavoratore fino al raggiungimento di diritto alla pensione una indennità mensile (comprensiva della NASPI) commisurata al trattamento pensionistico lordo maturato dal lavoratore al momento della cessazione del rapporto.

Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dott. Giacinto Maioli


  • 0

DECRETO CRESCITA. LE PRINCIPALI MISURE A FAVORE DELLE IMPRESE. NOTE CONFINDUTRIA.

Category:ECONOMICO,NEWS

È stata pubblicata sul Supplemento Ordinario n.26/L alla Gazzetta Ufficiale n. 151 del 29 giugno 2019 la Legge 28 giugno 2019, n. 58, di conversione del Decreto Legge 30 aprile 2019, n. 34 (c.d. Decreto crescita) che, reca, tra le altre, numerose misure di carattere fiscale di interesse per le imprese.

Il provvedimento rappresenta nel complesso un importante segnale di attenzione, seppur parziale, alla crescita e alle istanze del mondo produttivo.

Venendo ai capitoli più rilevanti, rispetto al potenziamento della leva fiscale il DL reintroduce il superammortamento, largamente richiesto dal mondo produttivo e prevede la totale deducibilità dell’IMU sugli immobili produttivi dal 2023. Viene altresì rivista la cd.“mini-Ires”, introdotta con la Legge di Bilancio 2019, al fine di renderne applicabile la disciplina che Confindustria aveva stigmatizzato come eccessivamente complessa sin dalla sua introduzione.

Tra le misure volte a semplificare i rapporti con l’Amministrazione finanziaria, vale la pena menzionare l’introduzione, nell’ambito dell’accertamento fiscale, dell’obbligo per l’Amministrazione finanziaria di avviare un contraddittorio preventivo con il contribuente per definire in via amministrativa la pretesa tributaria.

Con riferimento al rilancio degli investimenti privati, oltre alle condivisibili misure contenute nel testo originario del DL (Fondo di garanzia; potenziamento della Nuova Sabatini; incentivi per la trasformazione digitale dei processi produttivi e sostegno all’economia circolare), in sede parlamentare sono state approvate alcune misure per il sostegno finanziario alle imprese, sollecitate da Confindustria anche per rispondere a specifiche situazioni di crisi congiunturale.

Ci riferiamo, in particolare, a: i) l’innalzamento a 5 milioni di euro dell’importo massimo garantibile dal Fondo di garanzia PMI sulle operazioni di sottoscrizione dei minibond, per singolo beneficiario; ii) per le imprese del settore edile in difficoltà nella restituzione di finanziamenti già contratti con banche e intermediari finanziari, l’accesso alla Sezione speciale del Fondo di garanzia istituita per le imprese titolari di crediti certificati nei confronti delle pubbliche amministrazioni; iii) l’istituzione del cd. Fondo salva-opere, finalizzato a coprire, fino al 70%, i crediti insoddisfatti delle imprese subappaltatrici, sub-affidatarie e sub-fornitrici in caso di fallimento dell’appaltatore o dell’affidatario dei lavori; iv) l’ampliamento dei beneficiari dei finanziamenti agevolati erogati dal Fondo per le imprese vittime di mancati pagamenti.

In tema di internazionalizzazione, è apprezzabile l’estensione del credito d’imposta per la partecipazione delle PMI a fiere internazionali che si svolgono anche in Italia ma, al contempo, va evidenziata l’insufficienza delle risorse complessive destinate a questa misura.

Infine, nel corso del dibattito parlamentare Confindustria ha ribadito la preoccupazione per l’eliminazione delle tutele legali connesse al completamento del Piano ambientale per lo stabilimento ILVA di Taranto.

Per completezza, inoltriamo due note predisposte da Confindustria sul Decreto Crescita.

Sarà nostra cura aggiornavi sugli sviluppi delle numerose misure che richiederanno ulteriori provvedimenti da parte delle Amministrazioni competenti.

Distinti saluti.
Il Direttore
Dr. Giacinto Maioli

All.c.s.

Decreto Crescita – nota informativa
Decreto Crescita – Misure Fiscali


Cerca

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.