Author Archives: Gennaro Sfera

  • 0

  • 0

BANDI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI AVELLINO – PARTECIPAZIONI FIERE ALL’ESTERO E COLLETTIVA AL TUTTOFOOD IN PROGRAMMA A MILANO

Category:ECONOMICO,NEWS

Riteniamo opportuno segnalare alla vostra attenzione due bandi che la Camera di Commercio di Avellino ha recentemente emanato
Il primo bando è dedicato alle aziende intenzionate a partecipare a fiere in Italia limitatamente a quelle inserite nel calendario ufficiale approvato dalla Conferenza dei Presidenti delle regioni e delle Province autonome consultabile sul sito www.regioni.it <www.regioni.it> al link <www.regioni.it/materie/attivita-produttive/fiere/> www.regioni.it/materie/attivita-produttive/fiere/).
Per le iniziative all’estero sono ammissibili al contributo camerale tutte le manifestazioni, a condizione che abbiano le caratteristiche di una fiera con stand espositivi ed aperta al pubblico di visitatori ed operatori. Sono in ogni caso escluse le iniziative promozionali, degustazioni, incontri con buyers, ecc.
Il fondo stanziato per l’anno 2019 è pari a 200.000,00 euro di cui al massimo il 20% destinato a fiere in provincia di Avellino inserite nel calendario nazionale.
L’importo massimo del contributo camerale è pari a:
* € 3.000,00 per le fiere che si svolgono in Italia ed inserite nel Calendario Ufficiale di cui all’art.1 del presente Bando, ad eccezione di quelle che si svolgono in provincia di Avellino per le quali il contributo non potrà superare l’importo di € 1.500,00; * € 4.000,00 per le fiere che si svolgono nei Paesi dell’Unione Europea; * € 5.000,00 per le fiere che si svolgono nei Paesi terzi.
I massimali precedenti sono raddoppiati per i consorzi, a condizione che in fiera siano esposte le produzioni di almeno n. 3 imprese consorziate con sede produttiva in provincia di Avellino, nel rispetto dei requisiti soggettivi che dovrà possedere il consorzio richiedente come disciplinati all’art. 4 del presente bando.
Il contributo potrà essere concesso alla stessa impresa per una sola partecipazione fieristica effettuata nell’anno solare 2019.
Non saranno in ogni caso prese in considerazione le domande per un contributo richiesto inferiore a 500,00 euro.
La domanda deve essere presentata in data antecedente a quella di inizio della manifestazione e, comunque, non oltre il 11 ottobre 2019 (termine finale salvo chiusura anticipata per esaurimento fondo), esclusivamente per via telematica attraverso la piattaforma Telemaco webtelemaco.infocamere.it.
Ulteriore iniziativa riguarda l’avviso emanato allo scopo di promuovere l’internazionalizzazione delle PMI irpine e consolidare la valorizzazione delle eccellenze agroalimentari del territorio provinciale, organizza una collettiva di imprese alla manifestazione TUTTOFOOD che si svolgerà a Milano dal 6 al 9 maggio 2019.
TUTTOFOOD, fiera internazionale del B2B dedicata al food & beverage è organizzata da Fiera Milano, con uno specifico orientamento alla promozione dei prodotti sul mercato nazionale ed internazionale focalizzandosi sull’attività di incoming buyer.
La partecipazione alla collettiva è riservata a 23 imprese, singole o associate, operanti nel settore agroalimentare (compreso il vitivinicolo) con sede produttiva in provincia di Avellino
Ai fini dell’ammissione è richiesta l’adesione al Progetto di sistema delle Camere di Commercio SEI Sostegno all’Export d’Italia, che a titolo gratuito fornisce assistenza alle MPMI su come operare nei mercati esteri accedendo al sito <www.sostegnoexport.it/> www.sostegnoexport.it (cliccare sul box “Sei un’impresa interessata all’estero”, inserire la password “progettosei” e compilare il questionario).
Collegandosi al sito della CCIA www.av.comcom.gov.it <www.av.comcom.gov.it> è possibile scaricare i bandi e la modulistica per la presentazione delle domande.
Distinti saluti.
IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli


  • 0

Nuova normativa tedesca sugli imballaggi

Category:INTERNAZIONALIZZAZIONE,NEWS

Il 1° Gennaio 2019 è entrata in vigore la nuova legge tedesca sugli imballaggi (VerpackG) che sostituirà il vigente regolamento sugli imballaggi (VerpackV). La legge si rivolge a tutti coloro che per primi immettono sul mercato tedesco merci imballate destinate all’uso e consumo da parte del consumatore finale privato o alla loro commercializzazione e prevede l’obbligo di registrazione presso il registro LUCID e l’adesione al servizio di raccolta differenziata dei rifiuti da imballaggio attraverso apposite società. Trasmettiamo in allegato un documento aggiornato predisposto dalla Camera di Commercio Italiana per la Germania relativo agli “Adempimenti necessari alle aziende italiane esportatrici in Germania – Gli imballaggi” ed il link alla Piattaforma d’informazione per produttori e commercianti sulla legge sugli imballaggi (verpackungsgesetz-info.de/it/). La Camera di Commercio Italiana per la Germania è a disposizione per qualsiasi approfondimento necessario facendo riferimento al Desk Imballaggi presso la stessa Camera di Commercio: Dott. FILIPPO BAGNARA Project Manager Hiroshimastrasse 1 – 10785 Berlin Tel.: +49 (0) 30 24 31 04 25 Fax: +49 (0) 30 24 31 04 11 imballaggi@itkam.org www.itkam.org
Distinti saluti
Il Direttore Dr.Giacinto Maioli
All. 1
1. Adempimenti necessari alle aziende italiane esportatrici in Germania – Gli imballaggi


  • 0

LEGGE DI BILANCIO, IPERAMMORTAMENTO – MAGGIORAZIONI PER GLI INVESTIMENTI ED ULTERIORI MISURE PER L’ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE INDUSTRIA 4.0

Category:ECONOMICO,NEWS

Con la Legge di Bilancio 2019 n. 145 del 30 dicembre 2018 è stata riconfermata l’agevolazione dell’iperammortamento con una serie di modifiche che riguardano la dimensione dell’investimento. Nessuna proroga invece per il superammortamento: la maggiorazione per i beni materiali tradizionali è terminata il 31 dicembre 2018.

A seguito della proroga dell’iperammortamento, per un ulteriore anno, risultano agevolabili gli investimenti destinati a strutture produttive situate nel territorio italiano effettuati entro il 31/12/2019 ovvero il 31/12/2020, a condizione che entro la data del 31 dicembre 2019 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo.

La maggiorazione, come previsto dalla nuova Legge di Bilancio, si applica al costo di acquisizione nella misura del 170 per cento per gli investimenti fino a 2,5 milioni di Euro; nella misura del 100 per cento per gli investimenti oltre 2,5 milioni di euro e fino a 10 milioni e nella misura del 50 per cento per gli investimenti oltre 10 milioni di euro e fino a 20 milioni di euro. La maggiorazione del costo non si applica sulla parte di investimenti complessivi eccedente il limite di 20 milioni di euro.
Dal 2019, oltre i 20 milioni di euro l’iperammortamento non sarà applicabile.

L’iperammortamento spetta per l’acquisto (anche in leasing) dei beni elencati nell’Allegato A alla Legge di Bilancio 2017 sintetizzati nelle seguenti macro categorie:
* Beni funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale delle imprese in chiave 4.0; * Sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità; * Dispositivi per l’interazione uomo – macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro.

Restano invariati i requisiti di interconnessione dei beni al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura.

Prevista, inoltre, una particolare maggiorazione nella misura del 40%, per gli investimenti in beni immateriali funzionali alla trasformazione tecnologica secondo il modello Industria 4.0 (beni ricompresi nell’allegato B alla Legge di Bilancio 2017) ma solo per chi beneficia dell’iperamortamento.

Analoga agevolazione è prevista per i i costi sostenuti a titolo di canone per l’accesso, mediante soluzioni di cloudcomputing, a beni immateriali di cui all’allegato B della Legge 232/2016, limitatamente alla quota del canone di competenza del singolo periodo d’imposta di vigenza della disciplina agevolativa.
A proposito di Industria 4.0 con la Legge di Bilancio vengono prorogate le agevolazioni relative alla formazione del personale nel settore delle tecnologie, già previste dal Piano Impresa 4.0, anche per le spese sostenute oltre il periodo d’imposta concluso il 31/12/2018, con tre scaglioni di percentuali per il credito d’imposta e due tetti massimi in funzione della dimensione delle imprese:
A. Piccola Imprese – percentuale 50% con un massimale di 300.000 Euro B. Medie Imprese – Percentuale del 40% con un massimale di 300.000 Euro C. Grandi Imprese Percentuale del 30% con un massimale di 200.000 Euro
Ulteriore misura prevista dalla Legge di Bilanco per il 2019 riguarda un voucher per l’acquisto di prestazioni consulenziali finalizzate a sostenere processi di trasformazione tecnologica e digitale attraverso tecnologie abilitanti previste dal Piano Nazionale Industria 4.0
Il contributo è riconosciuto in relazione a ciascun periodo di imposta in misura pari al 50% dei costi sostenuti ed entro il limite massimo di 40.000 per le piccole imprese; le medie imprese potranno beneficiare di una percentuale del 30% dei costi ma con un massimale di 25.000 euro. Il massimale è elevato a 80.000 in caso di adesione ad un contratto di rete avente nel programma comune lo sviluppo di processi innovativi.
Per l’attivazione di quest’ultima misura sarà necessario attendere un provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico per la formazione di un elenco delle società di consulenza e dei manager con i quali sarà possibile sottoscrivere il contratto di consulenza da agevolare nonché i criteri, le modalità e gli adempimenti formali per l’erogazione dei contributi e per l’eventuale riserva di una quota delle risorse da destinare prioritariamente alle micro e piccole imprese e alle reti d’impresa.

Ci riserviamo di comunicarVi ulteriori provvedimenti di attuazione delle citate misure.

Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli


  • 0

  • 0

  • 0

BENEFICI GASOLIO AUTOTRAZIONE RIMBORSO IV TRIMESTRE 2018

Category:ECONOMICO,NEWS

L’Agenzia delle Dogane ha pubblicato, sul proprio sito web, la nota riguardante il rimborso delle accise sul gasolio per autotrazione riferita ai consumi del IV trimestre 2018, insieme con il modello di dichiarazione ed il software aggiornato necessario per inoltrare la domanda ( <www.adm.gov.it/portale/documents/20182/4607863/lgpd-n-137938-201812 17-nota-autotrasp-4trim2018.pdf/9abdd553-917a-4706-8e1d-70ff675f0805> www.adm.gov.it/portale/documents/20182/4607863/lgpd-n-137938-2018121 7-nota-autotrasp-4trim2018.pdf/9abdd553-917a-4706-8e1d-70ff675f0805).
La domanda deve essere presentata dal 1° al 31 gennaio 2019 e riguarda i consumi effettuati tra 1° ottobre e il 31 dicembre 2018.
I soggetti che possono usufruire dell’agevolazione sono:
a) l’attività di trasporto merci con veicoli di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate, esercitata da:
1. persone fisiche o giuridiche iscritte nell’albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi;
2. persone fisiche o giuridiche munite della licenza di esercizio dell’autotrasporto di cose in conto proprio e iscritte nell’elenco appositamente istituito;
3. imprese stabilite in altri Stati membri dell’Unione europea, in possesso dei requisiti previsti dalla disciplina dell’Unione europea per l’esercizio della professione di trasportatore di merci su strada.
b) l’attività di trasporto persone svolta da:
1. enti pubblici o imprese pubbliche locali esercenti l’attività di trasporto di cui al Decreto Legislativo 19 novembre 1997, n. 422, ed alle relative leggi regionali di attuazione;
2. imprese esercenti autoservizi interregionali di competenza statale di cui al Decreto Legislativo 21 novembre 2005, n. 285;
3. imprese esercenti autoservizi di competenza regionale e locale di cui al citato Decreto Legislativo n. 422 del 1997;
4. imprese esercenti autoservizi regolari in ambito comunitario di cui al Regolamento (CE) n. 1073/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009.
c) l’attività di trasporto persone effettuata da enti pubblici o imprese esercenti trasporti a fune in servizio pubblico.
E’ importante sottolineare che la Legge di Stabilità 2016 (art. 1, comma 645, L. 28 dicembre 2015, n. 208) ha disposto l’esclusione dall’agevolazione, a decorrere dal 1° gennaio 2016, del gasolio consumato dai veicoli di categoria Euro 2 o inferiore, con ciò assorbendo anche la precedente esclusione introdotta con la Legge di Stabilità 2015 (dal 1° gennaio 2015 il credito d’imposta relativo al rimborso delle accise non è riconosciuto per i veicoli di categoria Euro 0 o inferiore-veicoli sulla cui carta di circolazione non è riportato alcun riferimento alla normativa dell’Unione Europea).
Pertanto, non possono fruire del beneficio:
– i veicoli di categoria Euro 2 o inferiore, in relazione ai soggetti di cui alle suddette lettere a) e b);
– i veicoli di massa complessiva inferiore alle 7,5 tonnellate, in relazione ai soggetti di cui alla lettera a).
Riguardo alla documentazione richiesta per comprovare gli avvenuti i consumi:
– gli esercenti l’attività di trasporto di merci di cui alla suddetta lettera a) sono tenuti a comprovare i consumi effettuati esclusivamente mediante le relative fatture di acquisto;
– gli esercenti l’attività di trasporto persone di cui alle suddette lettere b) e c) possono giustificare i consumi di gasolio anche con scheda carburante.
La misura del beneficio è pari a 214,18 euro per mille litri di gasolio per i consumi effettuati tra 1°ottobre e il 31 dicembre 2018.
Per fruire dell’agevolazione con modello F24 deve essere utilizzato il codice tributo “6740”.
Per i crediti sorti con riferimento ai consumi relativi al III trimestre dell’anno 2018 potranno essere utilizzati in compensazione entro il 31 dicembre 2019.
Da tale data decorre il termine, previsto dall’art. 4, comma 3, del DPR 277/2000, per la presentazione dell’istanza di rimborso in denaro delle eccedenze non utilizzate in compensazione, la quale dovrà, quindi, essere presentata entro il 30 giugno 2020.

Distinti saluti.
IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli

All. c.s.
Nota Agenzia Dogane 17.12.2018

Allegati


  • 0

AZIONI DI PARTENARIATO IN ISRAELE NEL SETTORE ALTA TECNOLOGIA – MARZO 2019

Category:INTERNAZIONALIZZAZIONE,NEWS

L’ ICE Agenzia sta organizzando dal 3 al 6 Marzo 2019 una missione a Tel Aviv nei settori: Aerospazio, Automotive, Life Sciences/Agritech e Cibersecurity. Possono partecipare le aziende delle regioni: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. L’iniziativa è rivolta a rafforzare forme di collaborazione commerciale e tecnologica con l’obiettivo di far incontrare le parti, presentare le potenzialità delle due Aree e promuovere la costituzione di un network italo-israeliano per la realizzazione di progetti comuni e con eventuale follow-up in Italia. Le strategie adottate dal governo di Gerusalemme, hanno collocato Israele al primo posto tra i Paesi che investono di più in ricerca e sviluppo, superando nazioni quali Svezia, Finlandia e Giappone, con incentivi che rappresentano quasi il 5% del PIL per un totale superiore ai 5 miliardi di dollari. L’eco-sistema in cui operano le start-up locali, facilita, inoltre, le possibilita’ di fund raising da parte di Venture Capital locali ed estere.
Questo il programma della missione di lavoro: domenica 3 marzo: arrivo in Israele lunedi 4 marzo:  seminario di introduzione (Presentazione del Paese, dell’ecosistema di innovazione e dell’ Accordo bilaterale Italia-Israele – track scientifico e track industriale)  Presentazione delle imprese italiane  Incontri B2B delle aziende italiane con potenziali partner israeliani martedi 5 marzo: visite a incubatori, universita’, venture capital, technology hub Le visite verranno decise in base ai settori delle aziende italiane partecipanti e si svolgeranno anche fuori tel Aviv (Gerusalemme,Haifa, Beer Sheva). In ciascuno degli appuntamenti verranno riservati slot per le presentazioni aziendali. mercoledi 6 marzo: partenza per Italia La partecipazione all’iniziativa è gratuita. Sono a carico dei partecipanti solo le spese di vitto e alloggio. In allegato si inviano La Scheda di Adesione, il Regolamento Generale e la Dichiarazione di Possesso dei Requisiti di Ammissibilità, che debitamente compilati, timbrati e firmati, dovranno essere trasmessi per l’adesione via email a tecnologia.industriale@ice.it entro il 31 gennaio 2019. Distinti saluti
Il Direttore Dr.Giacinto Maioli
All.
1. Scheda di adesione con regolamento Generale e dichiarazione dei requisiti di ammissibilità 2. Circolare informativa ICE


  • 0

  • 0

Indagine MIT REAP

Category:NEWS

Gentili Associati,

Vi informiamo che la Regione Campania partecipa al Mit Reap: Regional Entrepreneurship Acceleration Program organizzato dal Massachusetts Institute of Technology (ad oggi la prima università nelle classifiche mondiali) per il disegno e l’implementazione di una strategia per lo sviluppo delle imprese innovative locali. La partecipazione al programma è su base competitiva e prevede ogni anno la selezione di 8 regioni internazionali. La regione Campania è la prima Regione in Italia a partecipare al programma.
Il team Campania è incaricato di identificare il vantaggio competitivo regionale sulla base del quale ideare un piano di iniziative a sostegno delle imprese regionali ed avrà un ruolo di primo piano nel coordinare la relativa implementazione sul territorio.
La prima fase prevede lo svolgimento di un’indagine esplorativa del sistema imprenditoriale della Regione Campania da cui poter avviare le successive progettualità.
L’indagine avverrà entro il giorno 31 gennaio 2019 tramite il coinvolgimento di aziende campane ritenute rappresentative sotto il profilo dell’ affidabilità, dinamismo imprenditoriale e propensione all’innovazione.
Pertanto ci auguriamo possiate dare il Vostro contributo, compilando entro il giorno 20 gennaio il questionario accessibile dal seguente link :

<goo.gl/forms/1jFH4P5G9UnK6D5w2> goo.gl/forms/1jFH4P5G9UnK6D5w2

Per qualsiasi chiarimento in merito al questionario resta a sua disposizione l’avv. Tommaso Mauriello (mauriello@confindustria.avellino.it <mailto:mauriello@confindustria.avellino.it> /0825785512 ).

Ringraziamo e porgiamo i più cordiali saluti.

IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli


Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.