Author Archives: Gennaro Sfera

  • 0

NUOVA SABATINI. RIAPERTURA DELLO SPORTELLO DAL 7 FEBBRAIO 2019.

Category:ECONOMICO,NEWS

Con provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico del 28 Gennaio 2019 è stata disposta la riapertura dello sportello per gli incentivi alle imprese previste dalla Nuova Sabatini. Grazie ad uno stanziamento di circa 480 milioni di Euro previsto nella Legge di Bilancio per il 2019, sarà possibile finanziare ulteriori domande proposte dalle Piccole e Medie Imprese per il tramite degli Istituti Bancari a partire dal 7 Febbraio 2019.

Ricordiamo infatti che l’agevolazione prevista dalla Nuova Sabatini (disciplinata dal Decreto interministeriale 25 gennaio 2016 e nella circolare direttoriale 15 febbraio 2017, n. 14036) consiste in un contributo in conto interessi concesso a valere su finanziamenti bancari destinati ad acquistare o acquisire in leasing macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, nonché software e tecnologie digitali.

Il finanziamento, che può essere assistito dalla garanzia del “Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese” fino all’80% dell’ammontare del finanziamento stesso, deve essere:

* di durata non superiore a 5 anni * di importo compreso tra 20.000 euro e 2 milioni di euro * interamente utilizzato per coprire gli investimenti ammissibili

Il Contributo concesso è pari al 2,75% annuo sugli investimenti ordinari; il contributo è maggiorato del 30, pari al 3,575% se finalizzato alla realizzazione di investimenti in tecnologie digitali compresi gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultra larga, cybersecurity, robotica e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D RFID e sistemi di tracciatura e pesatura dei rifiuti

Con un ulteriore provvedimento del 28 gennaio 2019, il Ministero dello Sviluppo Economico ha inoltre accolto le richieste di prenotazione pervenute nel mese di dicembre 2018, prima della chiusura dello sportello, non accolte per esaurimento delle risorse disponibili.

Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli

Link di Approfondimento <www.mise.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/beni-strumentali-nuo va-sabatini>


  • 0

  • 0

DECRETO LEGGE N. 4/2019 – REDDITO DI E PENSIONI “QUOTA 100” –

Category:LAVORO E PREVIDENZA,NEWS

Sulla G.U. n. 23 del 28 gennaio 2019 è stato pubblicato il Decreto-Legge 28.01.2019 n. 4 recante “Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni” che è entrato in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione e quindi il 29 gennaio 2019.

Il Capo I del provvedimento dall’art. 1 all’art. 13 riguarda il reddito di cittadinanza ed in particolare l’art. 8 prevede gli incentivi per il datore di lavoro che assuma a tempo pieno ed indeterminato un lavoratore beneficiario del reddito di cittadinanza e le agevolazioni per i beneficiari del Rdc che avviano un’attività lavorativa autonoma, mentre all’art. 7 sono indicate le sanzioni nel caso di dichiarazioni o documenti non veritieri utilizzati al fine di ottenere il Rdc.

Per la piena operatività di tutte le misure di politica attiva del lavoro che accompagnano il Rdc è necessario che vengano emanati una serie di decreti e provvedimenti amministrativi, e ciò fa presumere che non possa avvenire in tempi brevi.

Per quanto riguarda poi gli incentivi per i datori di lavoro la relativa fruizione è condizionata al realizzarsi di un incremento netto dell’occupazione, ai limiti del regime di aiuti cosiddetto “de minimis”, ed infine una delle due forme di incentivo è condizionata all’effettiva attivazione del portale informatico sul quale le imprese dovrebbero segnalare la disponibilità dei posti vacanti.

Il Capo II del provvedimento dall’art. 14 all’art. 26, riguarda il trattamento di pensione anticipato cosiddetta “quota 100” nonchè disposizioni in materia previdenziale e pensionistica, compreso il riscatto agevolato di periodi non coperti da contribuzione ed il pagamento dell’indennità di fine servizio per i lavoratori della Pubblica Amministrazione.

In merito a tali ultime disposizioni l’INPS ha emanato il 29 gennaio u.s. la circolare n. 11, che alleghiamo, con la quale vengono fornite le prime indicazioni.

Con riserva di ulteriori informative al riguardo, porgiamo distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dott. Giacinto Maioli

Alleg.: Circolare INPS n. 11/2019

Allegati


  • 0

[internazionalizzazione PARTECIPAZIONE SIAL CANADA – ICE EXPORT SUD

Category:NEWS

ALLE AZIENDE ASSOCIATE DEL
SETTORE AGROALIMENTARE
LORO SEDI

L’ICE-Agenzia, nell’ambito del Piano Export Sud II, organizza una partecipazione collettiva di circa 25 aziende provenienti dalle Regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e circa 7 aziende dalle Regioni in via di transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna) al SIAL Canada 2019.

L’iniziativa si svolge dal 30 aprile – 02 maggio 2019.

Il Canada è uno dei principali mercati per l’alimentare italiano fuori dall’Unione Europea e, dopo l’entrata in vigore dell’accordo CETA, si prevede un ulteriore sviluppo delle esportazioni.
L’Italia è, infatti, il primo Paese fornitore agroalimentare UE del Canada e il quarto fornitore a livello mondiale.
Il SIAL Canada è una manifestazione che sta assumendo importanza crescente nel panorama dell’industria alimentare nordamericana e si configura come piattaforma di incontro ideale sia alla luce della vicinanza strategica con gli Stati Uniti, sia alla luce della recente entrata in vigore provvisoria dell’Accordo CETA con l’Unione Europea.
La scorsa edizione ha visto la partecipazione di circa 1.000 espositori provenienti da oltre 50 Paesi e ben 18.500 visitatori professionali accreditati.

La scadenza per le adesioni è fissata al 15 febbraio p.v..

In allegato si invia circolare ICE con modalità di adesione e costi.
Cordiali saluti
Il Direttore
Dr. Giacinto Maioli

Allegato:
circolare informativa ICE

Allegati


  • 0

BANDO INAIL ISI 2018 – AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE

Category:ECONOMICO,NEWS

E’ stato recentemente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il nuovo Bando ISI 2018 relativo alla erogazione di finanziamenti alle imprese destinati a migliorare i livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Complessivamente sono disponibili circa 370 milioni di euro suddivisi in cinque assi di finanziamento. I primi tre assi, di interesse per le aziende industriali, sono rappresentati da:
* Progetti di investimento relativi alla riduzione dei principali rischi presenti nei luoghi di lavoro quali, a titolo esemplificativo, il rischio chimico il rischio da vibrazioni meccaniche o da caduta dall’alto ed i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (ad esempio, UNI ISO 45001 e SA 8000). * Progetti specifici per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi volti a ridurre i rischi legati alle attività di sollevamento, abbassamento e trasporto dei carichi. * Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto compreso il rifacimento della copertura e degli elementi accessori, rimozione dell’amianto da impianti e attrezzature cordami, coibentazioni, isolamenti di condotte di vapore, rivestimenti o canne fumarie.

I contributi sono a fondo perduto pari al 65% delle spese ritenute ammissibili e fino ad un massimo di 130.000 euro (per i primi tre assi). Questi sono assegnati fino ad esaurimento dei fondi disponibili secondo l’ordine cronologico della ricezione della domanda e riconosciuti nel rispetto del regime “de minimis”. Previsti una serie di punteggi aggiuntivi e premiali nel caso di progetti effettuati in condivisione con Enti Bilaterali o Organismi Paritetici.

Il termine per la realizzazione del progetto e per la rendicontazione è di un anno prorogabile su richiesta motivata da parte dell’impresa per un periodo non superiore a sei mesi.

Le domande devono essere presentate in modalità telematica, secondo le seguenti tre fasi successive:
1. accesso alla procedura online e compilazione della domanda (sito internet www.inail.it <www.inail.it> ) da effettuarsi a partire dall’11 aprile e fino alle ore 18.00 del 30 maggio 2019;
2. invio della domanda online da effettuarsi secondo le modalità che saranno definite dall’INAIL a partire dal 6 giugno 2019
3. conferma della domanda on line tramite l’invio del modulo di domanda e della documentazione a suo completamento da effettuarsi nei tempi e con le modalità definite nel bando.

Tutta la documentazione del bando completa degli avvisi regionali, i moduli di domanda e le tabelle con l’indicazione delle spese ammissibili , sono disponibili sul sito INAIL al seguente link www.inail.it/cs/internet/attivita/prevenzione-e-sicurezza/agevolazio ni-e-finanziamenti/incentivi-alle-imprese/bando-isi-2018.html

La nostra società di servizi, Ricerche e Studi Srl che ha già seguito nel merito alcuni progetti a valere sul Bando ISI, è a disposizione per un eventuale supporto nelle fasi di presentazione della istanza, gestione del progetto e rendicontazione. Per le attività di condivisione con le parti sociali, ricordiamo che presso Confindustria Avellino è costituito l’Organismo Paritetico Provinciale.

Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli


  • 0

  • 0

DETERMINAZIONE LIMITE MINIMO DI RETRIBUZIONE GIORNALIERA AI FINI CONTRIBUTIVI PER L’ANNO 2019.

Category:LAVORO E PREVIDENZA,NEWS

Con la circolare n. 6 del 25 gennaio 2019 l’INPS ha comunicato il valore del minimale di retribuzione giornaliera per la generalità dei lavoratori dipendenti sul quale va calcolata la contribuzione previdenziale che per il 2019 è pari a Euro 48,74.

Per i lavoratori part-time il minimale va riparametrato all’orario normale settimanale.

Il valore sopra indicato costituisce, come è noto, il limite minimo giornaliero, fermo restando che la retribuzione da assumere ai fini contributivi è quella stabilita dai contratti collettivi.

Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dott. Giacinto Maioli


  • 0

IMPORTI MASSIMI MENSILI DEI TRATTAMENTI DI INTEGRAZIONE SALARIALE, DELL’INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE NASPI E DIS-COLL.

Category:LAVORO E PREVIDENZA,NEWS

l’INPS con la circolare n. 5 del 25 gennaio u.s. ha comunicato i nuovi importi massimi mensili dei trattamenti
di integrazione salariale, e di disoccupazione NASPI e DIS-COLL validi a decorrere dal 1° gennaio 2019.
Questi gli importi per le integrazioni salariali:
Industria in genere:
1) euro 993,21 (euro 935,21 al netto della ritenuta del 5,84%) 2) euro 1.193,75 (euro 1.124,04 al netto della ritenuta del 5,84%)
Settore edile e lapideo (per intemperie stagionali)
1) euro 1.191,85 (euro 1.122,25 al netto della ritenuta del 5,84%) 2) euro 1.432,50 (euro 1.348,84 al netto della ritenuta del 5,84%)
L’importo della retribuzione mensile che costituisce  la soglia per l’applicazione del massimale
più elevato previsto per l’industria in genere e per il settore edile è fissato a decorrere dal 1° gennaio 2019 in euro 2.148,74=
L’importo massimo per NASPI  e DIS-COLL è pari ad euro 1.328,76 =
Distinti saluti.
IL DIRETTORE Dr. Giacinto Maioli


  • 0

NEWS AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI: ACCORDO UE/GIAPPONE E HELP DESK BREXIT

Category:INTERNAZIONALIZZAZIONE,NEWS

L’Agenzia delle Dogane e Monopoli ha recentemente diramato la Circolare n.1/D relativa all’Accordo di Partenariato Economico (APE) tra l’Unione Europea e il Giappone che entrerà in vigore dal prossimo 1 febbraio 2019.

La Circolare contiene:
• le regole, i criteri e i requisiti necessari per il trattamento preferenziale a ciascun prodotto in base alla sua classificazione doganale;
• le prove di origine da presentare;
• il sistema degli esportatori registrati REX (Registered Exporter System);
• la cosiddetta “conoscenza dell’importatore”.

Il trattamento dei prodotti in transito o in deposito alla data di entrata in vigore dell’Accordo è disciplinato in alcune disposizioni finali dalla pagina 13 a seguire sotto la voce “Varie”.

In allegato si invia il testo integrale del comunicato dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli.

BREXIT – Attivazione Help Desk Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

L’esito negativo del voto del Parlamento britannico sull’Accordo di ritiro del Regno Unito dalla UE, dello scorso 15 gennaio, accrescere l’incertezza sulle modalità e i tempi dell’uscita del Regno Unito dall’UE.
Attualmente non è possibile escludere uno scenario di “no-deal”, nel quale il Regno Unito e l’UE non riescano a raggiungere un’intesa sull’accordo di recesso, situazione, questa, che aprirebbe la strada a sostanziali cambiamenti per le nostre imprese che operano con il Regno Unito.
In questo caso, infatti, il Regno Unito non sarà più parte del territorio doganale e fiscale dell’Unione Europea e la circolazione delle merci tra UK e l’UE verrà considerata commercio con un Paese terzo. Di conseguenza, si dovranno stabilire lo status doganale delle merci che entrano, escono o transitano attraverso il territorio doganale e fiscale dell’Unione e del Regno Unito.
Per far fronte ai numerosi quesiti delle imprese e alla necessità di approfondimento sulle conseguenze operative della “Brexit”, l’Agenzia Dogane e Monopoli ha attivato un servizio di informazione focalizzato sulle ricadute della “Brexit” sulle attività doganali: www.adm.gov.it/portale/infobrexit

Nel portale è indicato anche l’indirizzo email al quale inviare richieste di chiarimento o i quesiti specifici: adm.infobrexit@adm.gov.it <mailto:adm.infobrexit@adm.gov.it>

Distinti saluti

Il Direttore
Dr.Giacinto Maioli

All.

1. Circolare 1D del 22 gennaio 2019 – Accordo di partenariato economico fra Unione Europea e Giappone


  • 0

Cerca

Le News

Retindustria – CRIBIS

Retindustria – Q8

Retindustria – Octagona

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.