Category Archives: AMBIENTE E SICUREZZA

  • 0

NUOVO ACCORDO INTERCONFEDERALE SULLA RAPPRESENTANZA IN MATERIA DI SICUREZZA-

Category:AMBIENTE E SICUREZZA,NEWS

Confindustria e CGIL, CISL, UIL hanno sottoscritto il 12 dicembre 2018 il primo degli Accordi in attuazione del Patto per la Fabbrica del 9 marzo 2018, che riguarda la salute e la sicurezza.
Nell’ambito dei contenuti dell’Accordo che spaziano da nuovi modelli dell’assicurazione INAIL, al miglioramento del quadro normativo proponendo la revisione di alcune disposizioni del Decreto Legislativo n. 81/2006, al reinserimento lavorativo ecc, una parte specifica viene dedicata alla rappresentanza.
In particolare l’Accordo Interconfederale sulla rappresentanza e pariteticità in materia di salute e sicurezza del 12.12.2018, sostituisce integralmente il precedente Accordo Interconfederale del 22 giugno 1995.
Nel trasmettervi in allegato il testo del citato Accordo che disciplina le modalità di elezione ed i compiti del RLS, rileviamo che nell’intesa è stata introdotta anche la figura del Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza Territoriale (RLST), figura espressamente prevista dal D. lgs. 81/2006, con il compito di intervenire laddove non vi siano state elezioni o designazione di un RLS.

La disciplina del RLST non è immediatamente operativa, dovendosi attendere la sottoscrizione del Protocollo richiamato nel punto 11 dell’Accordo.

Vi segnaliamo inoltre che per quanto riguarda le aziende in cui è presente la RSA, la formulazione dell’Accordo al punto 3.3, a causa di un refuso, non risulta chiara per cui la dizione precisa dovrebbe essere la seguente” in caso di Aziende o unità produttive in cui siano presenti RSA, si procederà alla elezione a suffragio universale dei RLS a maggioranza, su indicazione dei componenti la RSA. I candidati saranno individuati all’interno delle RSA nominate in azienda”.

Con l’occasione vi ricordiamo che in caso di elezione o designazione del RLS, il datore di lavoro provvede a comunicare il nominativo all’Organismo Paritetico Territoriale che è costituito presso la nostra sede, allegando copia del verbale di elezione o designazione.

L’incarico di RLS ha la durata di 3 anni e nel nuovo Accordo è prevista la possibilità della sua riconferma per un ulteriore triennio, che andrà ratificata mediante un verbale sottoscritto dalla maggioranza dei lavoratori, e la riconferma decorre dalla data di consegna di copia del verbale al datore di lavoro.

Nel rinviare al testo dell’Accordo Interconfederale allegato, restiamo a disposizione per ogni ulteriore chiarimento.
Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dott. Giacinto Maioli

Alleg.: Accordo Interconfederale 12.12.2018


  • 0

ENTE IDRICO CAMPANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO-

Category:AMBIENTE E SICUREZZA,NEWS

Con la Legge Regionale 2 dicembre 2015 n. 15 sono state introdotte nuove disposizioni in merito al servizio idrico integrato, è stato individuato come ambito territoriale ottimale (ATO) tutto il territorio regionale che è stato suddiviso in cinque ambiti distrettuali, ed è stato istituito l’Ente Idrico Campano che subentra in tutte le funzioni svolte dagli ATO Territoriali anche in materia di disciplina degli scarichi di acque reflue in pubblica fognatura.

Sarà quindi l’Ente Idrico Campano – per il tramite dei propri uffici distaccati a livello territoriale – ad esprimere il parere nei procedimenti di rilascio delle AUA e delle altre autorizzazioni che riguardano scarichi nelle pubbliche fognature.

Nell’ambito dei propri compiti istituzionali tale Ente ha provveduto ad emanare e pubblicare sul proprio sito, il Regolamento per la disciplina delle autorizzazioni allo scarico, che per comodità di consultazione alleghiamo alla presente comunicazione.

Restiamo in attesa di vostre osservazioni e porgiamo distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dott. Giacinto Maioli

Alleg.: Regolamento EIC


  • 0

NUOVO MODELLO UNICO DI DICHIARAZIONE AMBIENTALE – MUD 2019 –

Category:AMBIENTE E SICUREZZA,NEWS

Vi segnaliamo che sulla G.U. n. 45 del 22 febbraio 2019 è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 24 dicembre 2018 recante “Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l’anno 2019”.

Con il nuovo provvedimento viene completamente sostituita la precedente modulistica, ma le modifiche non risultano essere rilevanti per i produttori di rifiuti.

Per quanto riguarda i termini di presentazione, vi ricordiamo che in base a quanto disposto dall’art. 6, comma 2 bis, della legge n. 70/1994, quando vengono apportate modifiche ed integrazioni al modello unico di dichiarazione ambientale, nell’anno successivo a quello di riferimento, la presentazione del MUD è fissata in 120 giorni dalla data di pubblicazione del relativo decreto, e pertanto il termine ultimo di presentazione per l’anno 2019 è il 22 giugno 2019.

Sul portale Ecocamere – www.ecocamere.it <www.ecocamere.it> – sarà prestissimo messo a disposizione tutto il materiale informativo, compreso software, tracciati ecc.
Vi indichiamo di seguito il link della Gazzetta Ufficiale dove potrete trovare i contenuti completi del DPCM.
www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/orig inario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2019-02-22 <www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/ori ginario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2019-02-22&atto.codiceRedazionale=19A 01109&elenco30giorni=true> &atto.codiceRedazionale=19A01109&elenco30giorni=true

Restiamo a disposizione per ogni ulteriore informazione.
Distinti saluti.
IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli


  • 0

ABOLIZIONE DEL SISTRI DAL 1° GENNAIO 2019

Category:AMBIENTE E SICUREZZA,NEWS

Vi segnaliamo che con una norma inserita all’art. 5 del Decreto Legge semplificazioni approvato ieri dal Consiglio dei Ministri, viene soppresso il Sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI.

Grande soddisfazione ed apprezzamento per questa disposizione è stata manifestata da Confindustria in un comunicato ufficiale, unitamente alle associazioni imprenditoriali degli artigiani, perchè in questi anni erano state frequentemente denunciate le inefficienze e le criticità del sistema, inoltre le numerose proroghe e le continue integrazioni avevano reso la normativa caotica ed inapplicabile.

Il citato art. 5 dispone che fino alla definizione e piena operatività di un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti che sarà gestito direttamene dal Ministero dell’Ambiente, le aziende che erano obbligate ad utilizzare il SISTRI, debbono continuare ad utilizzare i registri, i formulari ed il MUD, applicando gli arttt.188, 189, 190 e 193 del Decreto Legislativo 152/2006 nella versione precedente alle modifiche apportate dal Decreto Legislativo 205/2010.

A seguito della soppressione del SISTRI non sono dovuti i contributi annuali previsti dalle precedenti disposizioni.
Alleghiamo il citato art. 5 riservandoci eventuali aggiornamenti.

Distinti saluti.

IL DIRETTORE
dott. Giacinto Maioli
All. c.s.
Art. 5 DL Semplificazioni

Allegati


  • 0

Seminario della Camera di Commercio su “Registri e formulari rifiuti: dalla normativa alla compilazione”. 20 Settembre 2018. Riapertura delle prenotazioni.

Category:AMBIENTE E SICUREZZA,NEWS

Prot. n. I/ 1051 /18
Avellino, 3 settembre 2018

OGGETTO:Seminario della Camera di Commercio su “Registri e formulari rifiuti: dalla normativa alla compilazione”. 20 Settembre 2018. Riapertura delle prenotazioni.

Con riferimento alla nostra news di pari oggetto del 29 agosto, Vi informiamo che la Camera di Commercio, su nostra sollecitazione, ha riaperto le iscrizioni al seminario sui “Registri e Formulari rifiuti: dalla normativa alla compilazione” programmato per il prossimo 20 settembre 2018 alle ore 9.15 presso la sede della Camera di Commercio in Piazza Duomo Avellino.

Pertanto invitiamo le aziende interessate a partecipare a voler procedere tempestivamente alla registrazione al seguente link <www.av.camcom.gov.it/index.phtml?Id_VMenu=1047> .

Per completezza, alleghiamo nuovamente il programma del seminario.

Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli

All.c.s.
Programma 20/09/2018


  • 0

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO – VALUTAZIONE DEI RISCHI ONLINE NELLE ATTIVITÀ DI UFFICIO – OIRA – CIRCOLARE CONGIUNTA MINISTERO DEL LAVORO E INAIL N.31 DEL 25 LUGLIO 2018.

Category:AMBIENTE E SICUREZZA,NEWS

Prot. n. I/ 1013 /2018
Avellino, 29 agosto 2018
OGGETTO: SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO – VALUTAZIONE DEI RISCHI ONLINE NELLE ATTIVITÀ DI UFFICIO – OIRA – CIRCOLARE CONGIUNTA MINISTERO DEL LAVORO E INAIL N.31 DEL 25 LUGLIO 2018.

Facciamo seguito alla nostra precedente news del 14/06/2018 prot n. I/758/18 per informarVi che il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e l’INAIL hanno emanato la circolare congiunta n. 13 del 25 luglio 2018, riportata in allegato, con la quale vengono fornite indicazioni operative relativamente allo strumento di supporto, rivolto alle micro, piccole e medie imprese, per la valutazione dei rischi sviluppato secondo il prototipo europeo OiRA (Online Interactive Risk Assesment), dedicato al settore “Uffici”.

Come noto l’Italia ha introdotto, con il decreto del 23 maggio 2018, lo strumento informatico gratuito online OiRA per supportare i datori di lavoro, in particolare delle micro, piccole e medie imprese, nella redazione del documento di valutazione dei rischi (in attuazione all’art. 29, comma 6 quater, del Dlgs 81/08). 

L’iniziativa si inserisce nell’ambito di un progetto lanciato dall’Agenzia Europea di Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro (EU-OSHA) al fine di fornire alle imprese uno strumento di semplificazione e di ausilio, che attraverso un percorso guidato, permetta di valutare autonomamente i rischi. 

Il software di valutazione interattivo si applica alle attività di ufficio (anche, quindi, alle imprese che hanno al loro interno settori dedicati ad attività di ufficio) ed è stato sviluppato nell’ambito di un gruppo di lavoro tripartito gestito dall’INAIL (avviato nel 2013).
Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli

All.c.s.
Circolare 13/2018


  • 0

Seminario della Camera di Commercio su “Registri e formulari rifiuti: dalla normativa alla compilazione”. 20 Settembre 2018.

Category:AMBIENTE E SICUREZZA,NEWS

.

Prot. n. I/ 1013/18
Avellino, 29 Agosto 2018
La tracciabilità dei rifiuti è un obbligo imposto dalla legge, ma è anche un supporto all’impresa al fine di poter dimostrare una gestione oculata delle operazioni di propria competenza.
I Registri di carico e scarico e formulari di identificazione dei rifiuti, continueranno a rivestire estrema importanza ai fini del controllo anche per coloro che hanno l’obbligo di SISTRI, fino a che tale sistema non sarà pienamente operativo.
Novità di rilievo riguardo alla materia sono emerse negli ultimi mesi, dalla possibilità di trasmettere al produttore del rifiuto la quarta copia del formulario tramite PEC (L. 205 del 27/12/2017), alla gestione semplificata delle operazioni di raccolta e trasporto dei rifiuti non pericolosi di metalli ferrosi e non ferrosi (D.M. 1/02/2018).
La Camera di Commercio, con il supporto di ECOCERVED s.c.a.r.l., intende fornire indicazioni circa gli adempimenti previsti dalla normativa che disciplina il settore rifiuti in relazione alle scritture ambientali,
prevedendo un seminario specifico giovedì 20 settembre 2018 dalle ore 9.15 presso la sede camerale di Piazza Duomo Sala dell’Oratorio come dal programma qui scaricabile <www.av.camcom.gov.it/files/AmbienteAgricoltura/programma-seminario-r egistri%20e%20formulari%202018.pdf>
La partecipazione è gratuita ma, per motivi organizzativi, è richiesta obbligatoriamente la registrazione on line entro il 14/9/2018 alla pagina linkata <www.av.camcom.gov.it/index.phtml?Id_VMenu=1047> .
Distinti saluti.
IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli


  • 0

DICHIARAZIONE F-GAS 2018

Category:AMBIENTE E SICUREZZA,NEWS

Con riferimento alla scadenza annuale del 31 maggio per la compilazione della “Dichiarazione F-Gas” per tutte le apparecchiature/sistemi fissi di refrigerazione, condizionamento di aria, pompe di calore, protezione antincendio, contenenti 3 kg o più di gas fluorurati a effetto serra, segnaliamo che è possibile effettuare la trasmissione della dichiarazione 2018, dati riferiti all’anno 2017 tramite l’apposito sistema online.

L’adempimento, come stabilito all’articolo 16, comma 1 del D.P.R. n. 43 del 2012, è a carico degli operatori delle suddette apparecchiature.

Si ribadisce, anche per quest’anno, che l’entrata in vigore del nuovo Regolamento UE n. 517 del 2014 non ha modificato struttura, criteri e contenuti della dichiarazione F-Gas. Il valore soglia che permette di stabilire se una apparecchiatura fissa è inclusa nel campo di applicazione della dichiarazione resta quindi fissato a 3 kg di gas fluorurato ad effetto serra, non viene quindi applicata, ai fini della Dichiarazione F-Gas la nuova unità di misura espressa in CO2 equivalenti.

La compilazione e la trasmissione della Dichiarazione deve essere effettuata esclusivamente attraverso la consueta piattaforma istituita presso la pagina web dell’ISPRA dedicata, da cui è possibile consultare anche le istruzioni per la compilazione (vedi allegati): http://www.sinanet.isprambiente.it/it/sia-ispra/fgas

Ricordiamo inoltre che il Regolamento UE n. 517 del 2014, all’articolo 2, comma 8, definisce “operatore” una persona fisica o giuridica che esercita un effettivo controllo sul funzionamento tecnico dei prodotti e delle apparecchiature contemplati dal regolamento stesso. Il Regolamento consente ad uno Stato membro, in circostanze specifiche e ben definite, di considerare il proprietario responsabile degli obblighi dell’operatore.

L’effettivo controllo sul funzionamento tecnico di un’apparecchiatura o di un impianto comprende, in linea di principio, i seguenti elementi:
• libero accesso all’impianto, che comporta la possibilità di sorvegliarne i componenti e il loro funzionamento, e la possibilità di concedere l’accesso a terzi;
• controllo sul funzionamento e la gestione ordinari (ad esempio, prendere la decisione di accensione e spegnimento);
• il potere (compreso il potere finanziario) di decidere in merito a modifiche tecniche (ad esempio, la sostituzione di un componente, l’installazione di un sistema di rilevamento permanente delle perdite), alla modifica delle quantità di gas fluorurati nell’apparecchiatura o nell’impianto, e all’esecuzione di controlli (ad esempio, controlli delle perdite) o riparazioni.

Il D.P.R. n. 43 del 2012 all’articolo 2, comma 2, stabilisce che il proprietario dell’apparecchiatura o dell’impianto è considerato operatore qualora non abbia delegato ad una terza persona l’effettivo controllo sul funzionamento tecnico degli stessi.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti, rimandiamo alle pagine web del Ministero dell’Ambiente dedicate all’attuazione in Italia del Regolamento F-Gas e alla relativa Dichiarazione:

• http://www.minambiente.it/pagina/regolamento-ue-n-5172014-sui-gas-fluorurati-effetto-serra-e-che-abroga-il-regolamento-ce-n
• http://www.minambiente.it/pagina/dichiarazione-di-cui-allarticolo-16-comma-1-del-dpr-n-432012


  • 0

SCADENZA PAGAMENTO CONTRIBUTO ANNUALE SISTRI 30 APRILE 2018

Category:AMBIENTE E SICUREZZA,NEWS

Ambiente e Sicurezza

ALLE AZIENDE ASSOCIATE
LORO SEDI

Prot.n. I/ 455 /18
Avellino, 6 Aprile 2018
OGGETTO: SCADENZA PAGAMENTO CONTRIBUTO ANNUALE SISTRI 30 APRILE 2018
Vi ricordiamo che il 30 aprile p.v. oltre alla scadenza per la presentazione del MUD relativo ai rifiuti prodotti e smaltiti nel 2017. scade anche il termine per il pagamento del contributo annuale 2018 per tutte le aziende iscritte al SISTRI.
Sul sito del SISTRI www.sistri.it , alla pagina “Modalità di pagamento” potrete trovare tutte le informazioni su come effettuare il pagamento, mentre all’interno dell’applicazione Gestione Azienda, accedendo con il proprio dispositivo USB SISTRI, le aziende interessate potranno determinare più agevolmente l’importo del contributo da versare selezionando l’opzione Crea pratica nella sezione Pagamenti – contributo annuale.
Una volta effettuato il pagamento bisogna inviare il relativo giustificativo allegandolo attraverso l’apposita funzione presente nella sezione “Inserisci pagamento” sempre dell’applicazione Gestione Azienda.
Fino al 31 .12.2018 come previsto dalla legge 205/2017 (commi 1134 e 1135) non si applicano le sanzioni connesse al non corretto utilizzo di SISTRI, essendo stato prorogato il regime del cosiddetto “doppio binario” ossia il contestuale mantenimento dei tradizionali registri di carico e scarico e dei formulari. Si applicano invece le sanzioni relative all’omessa iscrizione a SISTRI ed al mancato versamento del relativo contributo annuale.
La sanzione amministrativa pecuniaria è pari ad un importo da 15.500 a 93.000 euro ridotta al 50% (ovvero da 7.750 a 46.500 euro).

Distinti saluti.
IL DIRETTORE Dott. Giacinto Maioli


  • 0

corso di formazione completo per RLS – Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.

Category:AMBIENTE E SICUREZZA,NEWS

Avellino, 4 Aprile 2018

OGGETTO: corso di formazione completo per RLS – Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.

Ricerche e Studi organizza, un corso completo per la figura del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza” (RLS).
Il corso si pone l’obiettivo di fornire gli elementi informativi necessari per avere adeguate conoscenze circa i rischi lavorativi esistenti negli ambiti di lavoro e adeguate competenze sulle principali tecniche di controllo e prevenzione dei rischi stessi.

Il corso di formazione rivolto agli RLS di “prima nomina”, è svolto con metodo interattivo, in modo da coinvolgere gli allievi, sollecitarne l’interesse e favorire la discussione su casi pratici provenienti dalla loro esperienza.
Il lavoratore investito del ruolo di Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza ha diritto ad una formazione e un aggiornamento della stessa tale da assicurargli adeguate competenze sulle principali tecniche di controllo e prevenzione dei rischi (art 36 comma 10 D.Lgs. 81/08 e s.m.i. ); le sanzioni previste in caso di inadempienza sono l’arresto da due a quattro mesi o l’ammenda da 1.200 a 5.200 euro.

I contenuti minimi, meglio specificati nell’allegata scheda tecnica, sono:
1. principi giuridici comunitari e nazionali;
2. legislazione generale e speciale in materia di salute e sicurezza sul lavoro;
3. principali soggetti coinvolti e relativi obblighi;
4. definizione e individuazione dei fattori di rischio;
5. valutazione dei rischi;
6. individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione;
7. aspetti normativi dell’attività di rappresentanza dei lavoratori;
8. nozioni di tecnica della comunicazione.

Le aziende interessate alla partecipazione devono rinviare l’allegata scheda di iscrizione entro e non oltre il prossimo 18 Aprile 2018.Per ogni informazione i nostri uffici sono a disposizione allo 0825785513

Cordiali saluti
La segreteria organizzativa


Cerca