Category Archives: ECONOMICO

  • 0

BANDI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI AVELLINO

Category:ECONOMICO,NEWS

Vi informiamo che la locale Camera di Commercio ha attivato una serie di bandi ed iniziative a beneficio delle imprese localizzate in Provincia di Avellino.

Nello specifico, segnaliamo:

1) il Bando per la concessione dei Voucher digitali Industria4.0. Emanato a giugno scorso, con un recente provvedimento, la Camera di Commercio ha inteso prorogare l’apertura del bando fino al prossimo 30 Novembre 2019. Ricordiamo che la misura è destinata a piccole e medie imprese aventi sede o unità locale in Provincia di Avellino ed è finalizzata a sostenere investimenti in beni, consulenze e servizi tecnologici strettamente connessi al progetto di digitalizzazione aziendale coerente con Industria4.0. La misura prevede un beneficio massimo di 5.000,00 Euro pari al 50% dei costi ammissibili.
2) Per la promozione della filiera enologica irpina sui mercati internazionali, la Camera di Commercio organizza una collettiva di imprese vitivinicole alla 54a edizione del Vinitaly in programma a Verona dal 19 al 22 aprile 2020.
La partecipazione della Camera di Commercio di Avellino avverrà attraverso l’allestimento – all’interno del padiglione B Campania – di un’area espositiva denominata Irpinia che avrà una personalizzazione provinciale, per valorizzare le identità territoriali a vocazione vitivinicola, con particolare riguardo alle aree di produzione dei vini DOCG.
Possono presentare la domanda le imprese produttrici di vini irpini a Denominazione di Origine (DOCG e/o DOP) e di alcolici con unità produttiva in provincia di Avellino in possesso dei requisiti di cui all’avviso pubblico presentando la domanda di adesione entro e non oltre venerdì 22 novembre 2019, secondo le modalità riportate nell’avviso.
3) Stessa scadenza è stata fissata per la partecipazione al CIBUS, Salone Internazionale dell’Alimentazione, riconosciuto come l’evento di riferimento dell’agroalimentare italiano nel mondo, una grande vetrina di visibilità internazionale, esclusivamente dedicato ai principali operatori e professionisti del settore agroalimentare che si svolgerà a Parma dal 11 al 14 maggio 2020.
La partecipazione alla collettiva CIBUS è riservata a 15 imprese operanti nel settore agroalimentare (compreso il vitivinicolo) con sede produttiva in provincia di Avellino.

Oltre l’area espositiva destinata agli stand aziendali, come per la passata edizione, l’Ente camerale ha opzionato un modulo aggiuntivo adiacente all’area espositiva identificato come Food Court dei territori – dedicato alla cucina territoriale, finalizzato alla preparazione, degustazione e consumo dei prodotti tipici delle aziende partecipanti nella collettiva, con l’obiettivo di valorizzare le produzioni aziendali e facilitare l’approccio e l’ingaggio dei buyers.
Gli Avvisi, i moduli e tutte le ulteriori informazioni sono disponibili sul sito della Camera di Commercio di Avellino al link: <www.av.camcom.gov.it/> www.av.camcom.gov.it/ nella sezione Attività Promozionali, Bandi della Camera.
Distinti saluti.
IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli


  • 0

Comunicato Stampa E RETI A SERVIZIO DELLE IMPRESE: ESPERIENZE E BUONE PRATICHE A CONFRONTO. LUNEDI 28 OTTOBRE 2019 ORE 15.30 CONFINDUSTRIA AVELLINO.

Category:Comunicati,ECONOMICO,NEWS,Rassegna Stampa

La Sezione Informatica di Confindustria Avellino ha organizzato per Lunedi 28 ottobre 2019 alle ore 15.30 una giornata dedicata all’innovazione. Ad introdurre i lavori sarà Antonio Cianciulli, presidente della Sezione Informatica, mentre i saluti saranno affidati a Massimo Iapicca Presidente del Comitato Piccola Industria e a Mariagrazia Villano Presidente del Gruppo Giovani di Confindustria Avellino.

Il seminario ha l’obiettivo di condividere con i partecipanti alcune esperienze nel campo dell’innovazione incoraggiando una maggiore diffusione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e una più ampia conoscenza dei processi capaci di trasformare le scoperte tecnologiche in prodotti e servizi.

Al seminario, che si svolgerà presso la sede di Confindustria Avellino in Via Palatucci 20/A, interverrà Michele Di Foggia, referente di RITAM, rete di imprese composta da Grandi Imprese, Pmi, Spin-off, Organismi di Ricerca e Università impegnata sul territorio irpino nello sviluppo di nuove tecnologie e materiali.

Considerando il forte interesse per la diffusione della fibra ottica quale vettore per lo sviluppo di soluzioni IT, sarà presentato lo stato di avanzamento del progetto nazionale di Open Fiber Spa, rappresentata da Gianfranco Guerrera. Acca Software Spa, eccellenza produttiva nel comparto software, presenterà un visore per la navigazione “immersiva e dinamica” in ambienti virtuali, evoluzione dell’innovativo sistema BIM e adattabile a qualsiasi funzione lavorativa aziendale.

Uno spazio sarà dedicato alla presentazione del Premio Best Practices dell’Innovazione giunto alla tredicesima edizione che si pone l’obiettivo di diffondere la “cultura” dell’innovazione, mentre a Fillippo Ammirati dell’ Enterprise Europe Network sarà affidato il compito di presentare i vantaggi della cooperazione europea tra imprese per la realizzazione di progetti congiunti di ricerca e sviluppo. Il seminario, gratuito, è rivolto alle imprese di qualsiasi settore produttivo.

Avellino, 23/10/2019


  • 0

LA COMUNITÀ INNOVATIVA DEL CAMPANIA DIGITAL INNOVATION HUB. SOLUZIONI INDUSTRY 4.0 PER LE PMI CAMPANE

Category:ECONOMICO,NEWS
Vi segnaliamo che il Digital Innovation Hub Campania, di cui è membro Confindustria Avellino, ha organizzato per Mercoledì 23 Ottobre 2019 alle ore 14.30 la presentazione della Comunità Innovativa del Campania DIH,

Read More


  • 0

VOUCHER TEMPORARY MANAGER – DISPOSIZIONI ATTUATIVE

Category:ECONOMICO,NEWS
Vi informiamo che con Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico sono state adottate le disposizioni attuative del cosiddetto Voucher per i Temporary Manager introdotto dalla Legge di Bilancio 2019 (art. 1, comma 228 e ss., della legge 30 dicembre 2018 n. 145).
Si tratta di un contributo a fondo perduto, in forma di voucher, a beneficio delle PMI e delle reti d’impresa, per l’acquisto di consulenze specialistiche finalizzate a sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale e di ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi dell’impresa, compreso l’accesso ai mercati finanziari e dei capitali.
I contributi, erogati a titolo di “de minimis” sono subordinati alla sottoscrizione di un contratto di consulenza tra le imprese e le società di consulenza o i manager qualificati iscritti in un elenco istituito con apposito decreto del MiSE. Che sarà presto reso disponibile
Il contributo è riconosciuto, in relazione a ciascun periodo d’imposta, nelle seguenti misure: – alle micro e piccole imprese in misura pari al 50% dei costi sostenuti ed entro il limite di 40.000 euro; – alle medie imprese in misura pari al 30% ed entro il limite di 25.000 euro; – alle reti di impresa che abbiano nel programma comune lo sviluppo di processi innovativi in materia di trasformazione tecnologica e digitale attraverso le tecnologie abilitanti del Piano Nazionale Impresa 4.0, in misura pari al 50% dei costi sostenuti entro il limite massimo complessivo di 80.000 euro.

La consulenza deve essere finalizzata a indirizzare e supportare i processi di innovazione, trasformazione tecnologica e digitale delle imprese e delle reti attraverso l’applicazione di una o più delle tecnologie abilitanti previste dal Piano nazionale impresa 4.0 individuate tra le seguenti:
big data e analisi dei dati; cloud, fog e quantum computing; cyber security; integrazione delle tecnologie della Next Production Revolution (NPR) nei processi aziendali, anche e con particolare riguardo alle produzioni di natura tradizionale; simulazione e sistemi cyber-fisici; prototipazione rapida; sistemi di visualizzazione, realtà virtuale (RV) e realtà aumentata (RA); robotica avanzata e collaborativa; interfaccia uomo-macchina; manifattura additiva e stampa tridimensionale; internet delle cose e delle macchine; integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali; programmi di digital marketing, quali processi trasformativi e abilitanti per l’innovazione di tutti i processi di valorizzazione di marchi e segni distintivi (c.d. “branding”) e sviluppo commerciale verso mercati; programmi di open innovation.
Gli incarichi manageriali possono inoltre indirizzare e supportare i processi di ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi, compreso l’accesso ai mercati finanziari e dei capitali, attraverso:
a. l’applicazione di nuovi metodi organizzativi nelle pratiche commerciali, nelle strategie di gestione aziendale, nell’organizzazione del luogo di lavoro, a condizione che comportino un significativo processo di innovazione organizzativa dell’impresa; b. l’avvio di percorsi finalizzati alla quotazione su mercati regolamentati o non regolamentati, alla partecipazione al Programma Elite, all’apertura del capitale di rischio a investitori indipendenti specializzati nel private equity o nel venture capital, all’utilizzo dei nuovi strumenti di finanza alternativa e digitale quali, a titolo esemplificativo, l’equity crowdfunding, l’invoice financing, l’emissione di minibond.
Con il Decreto in oggetto sono state definite le modalità per la presentazione delle istanze da parte delle imprese. L’Iter di presentazione della domanda è articolato in tre fasi:
1. Verifica preliminare dei requisiti di accesso a partire dal 31 ottobre 2019 2. Compilazione della domanda a partire dal 7 novembre 2019 3. Invio della domanda a partire dal 3 dicembre 2019.

Per poter accedere alla piattaforma, che sarà operativa sulla sezione “voucher per consulenza in innovazione” del sito <www.mise.gov.it> www.mise.gov.it, le imprese interessate dovranno inviare una specifica richiesta alla PEC <mailto:managerinnovazione@pec.mise.gov.it> managerinnovazione@pec.mise.gov.it riportante nell’oggetto “Voucher per consulenza in innovazione – richiesta accreditamento alla procedura informatica”

Ulteriori informazioni possono essere richieste ai nostri uffici (tel 0825 785512 email <mailto:mauriello@confindustria.avellino.it> mauriello@confindustria.avellino.it)

Distinti saluti.
IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli


  • 0

CONVENZIONE CONFINDUSTRIA- CNR PER IL DOTTORATI DI RICERCA. APERTURA DELLA PIATTAFORMA.

Category:Convenzioni,ECONOMICO,NEWS
Confindustria e CNR hanno stipulato, a maggio 2018, una Convenzione operativa con la quale si sono impegnati a collaborare per sviluppare percorsi triennali – già a partire dall’anno 2018-2019 – di Dottorati industriali e di Dottorati innovativi a caratterizzazione industriale di altissimo profilo scientifico. La collaborazione prevede un cofinanziamento del costo del dottorato, pari al 50%, da parte del CNR e dell’impresa.
La Convenzione con il CNR per l’attivazione dei dottorati di ricerca è stata definita sia per lo svolgimento di programmi di formazione dei dipendenti di azienda già impegnati in attività di elevata qualificazione, sia per costruire percorsi di studio specifici per l’orientamento e la crescita professionale dei giovani.
Sintetizziamo di seguito alcune indicazioni di carattere generale per l’attivazione dei Dottorati da parte delle imprese e/o soggetti aggregati.
L’attività può prevedere l’avvio di un corso di dottorato già programmato da una Università o anche la proposta di un nuovo percorso di dottorato da costruire.
Come primo passaggio, è necessario che l’impresa che vuole sostenere e sviluppare tale iniziativa individui la tematica per poi incrociarla con la lista dell’offerta di dottorati, per singole tematiche, presso le Università.
L’impresa cofinanzia al 50% la borsa di dottorato nel triennio e, se richiesto dall’Università, dovrà fornire fideiussione bancaria per la quota finanziata. A seconda della tipologia, l’importo per cofinanziare la borsa per l’intero triennio è compreso tra un minimo di 25.000 euro ed un massimo di 35.000 – importo comprensivo delle tasse da versare all’INPS, di eventuali costi per l’estero e dell’assicurazione – in base alle richieste dell’Università di riferimento del dottorato. Ricordiamo inoltre che il costo da voi sostenuto, trattandosi di una erogazione liberale, beneficia della deducibilità fiscale (articolo 1, comma 355, della Legge 23 dicembre 2005, n. 266).
L’ammissione al dottorato avviene, nel rispetto del regolamento interno del corso, sulla base di selezione ad evidenza pubblica e le modalità di accesso al corso di dottorato sono indicate dal bando di concorso.
Per l’attivazione dei dottorati saranno definiti accordi specifici, con tutti i dettagli operativi e finanziari, tra imprese – singole o aggregate – interessate, CNR ed Università coinvolte.
L’impresa partecipa alla definizione del percorso di dottorato e alla selezione dei dottorandi interessati al percorso. Sempre l’impresa individua un tutor che affiancherà lo studente durante il suo percorso in azienda, insieme al tutor del CNR o dell’Università.
Per maggiori informazioni, trovate in allegato l’estratto della Convenzione operativa con il CNR e l’Ateneo.
Se siete interessati all’iniziativa, è possibile compilare (da parte del vostro referente aziendale) il modulo di domanda tramite il link alla piattaforma on line sui dottorati, di seguito riportato, finalizzato al sostegno e sviluppo di percorsi di dottorati industriali o innovativi a caratterizzazione industriale.
Link: <www.cnr.it/bandodottinn/> www.cnr.it/bandodottinn/
Le domande dovranno essere compilate entro le ore 18:00 del 8 ottobre 2019.
Per ogni eventuale indicazione è possibile contattare la Dr.ssa Stefania Nardone (Tel. 06-5903622 – email: <mailto:s.nardone@confindustria.it> s.nardone@confindustria.it) dell’Area Politiche Industriali di Confindustria.
Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli

All.c.s.
Estratto Convenzione CNR


  • 0

CREDITO D’IMPOSTA PER GLI INVESTIMENTI NELLE AREE ZES (ZONE ECONOMICHE SPECIALI).

Category:ECONOMICO,NEWS
Facciamo riferimento alla nostra news del 2 settembre scorso, per ricordarVi che da oggi è possibile presentare alla Agenzia delle Entrate l’istanza per fruire del credito di imposta per gli investimenti realizzati nelle aree ZES (Zone Economiche Speciali).

E’ possibile presentare istanza per il riconoscimento dell’agevolazione per le seguenti tipologie di investimento:
creazione di un nuovo stabilimento; ampliamento della capacità produttiva di uno stabilimento esistente; diversificazione della produzione di uno stabilimento esistente per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente; cambiamento fondamentale del processo di produzione. Le spese ammissibili sono riferite a macchinari, impianti e attrezzature varie destinati a strutture produttive già esistenti o che vengono impiantate nel territorio. Il bonus fiscale, fruibile successivamente al provvedimento di autorizzazione da parte dell’Agenzia delle Entrate, è pari al 45% dell’investimento per le Piccole Imprese, 35% per le Medie Imprese e 25% per le Grandi Imprese.

Nel rimandare ai contenuti del Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, in allegato, per le modalità di presentazione e le istruzioni operative, ricordiamo che per la nostra Provincia sono state individuate tre aree ZES e precisamente Pianodardine (Avellino), Calaggio (Lacedonia) e Valle Ufita (Flumeri) corrispondenti alla perimetrazione degli Agglomerati Industriali del Consorzio ASI.
Il provvedimento di approvazione della Perimetrazione è contenuto nella Delibera della Giunta Regionale n. 175 del 28/03/2018 e può essere richiesto ai nostri Uffici che restano a disposizione per ogni eventuale chiarimento.

Distinti saluti

IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli

Provvedimento Agenzia Entrate 670294
Istruzioni modello ZES
Modello ZES

Allegati


  • 0

GARANZIA CAMPANIA BOND- PRESENTAZIONE 18 SETTTEMBRE 2019

Category:ECONOMICO,NEWS
La Regione Campania ha messo a punto uno strumento finanziario innovativo per sostenere la crescita delle PMI della regione, denominato ” CARANZIA CAMPANIA BOND” per la cui attuazione è stata firmata una convenzione tra Sviluppo Campania, che è il soggetto attuatore della misura, e il RTI formato da Mediocredito Centrale, Banca del Mezzogiorno Spa e FISG Srl.
Questo strumento prevede l’emissione di Minibond da parte di piccole e medie imprese campane, finalizzata al finanziamento di investimenti materiali ed immateriali e di esigenze connesse al capitale circolante. Raggruppati in un portafoglio con un ammontare massimo di 148 milioni di euro, i Minibond sono sottoscritti da un’apposita società veicolo che a sua volta emette titoli sottoscritti da investitori internazionali. Il portafoglio è garantivo da Sviluppo Campania con risorse del POR FERS per un ammontare di 37 milioni di euro che coprono il 100% delle perdite fino a concorrenza del 25% del portafoglio.
Attraverso questo strumento le piccole e medie imprese della Campania potranno ottenere un finanziamento a lungo termine, senza garanzie reali e per effetto della garanzia pubblica con condizioni economiche competitive.
La Regione ha quindi pubblicato l’Avviso per l’accesso allo strumento e le aziende interessate potranno inviare le manifestazioni di interesse dal 2 settembre al 9 dicembre p.v.
Al fine di dare ampia diffusione sul territorio a questa nuova misura, la Regione ha programmato una serie di incontri ed il prossimo si terrà il 18 SETTEMBRE 2019 alle ore 14,30 presso Confindustria Salerno (via Madonna di Fatima, 194- ).
L’evento è gratuito ma a numero chiuso, per cui per partecipare occorre una registrazione da effettuare entro martedì 16 settembre p.v. al seguente indirizzo: <www2.londonstockexchangegroup.com/l/6522/2019-09-09/433pc6> www2.londonstockexchangegroup.com/l/6522/2019-09-09/433pc6

Degli esperti sono a disposizione dei partecipanti dal mattino dalle ore 9.30 e al termine dell’evento per incontri individuali con aziende interessate allo strumento. Per fissare un appuntamento utilizzare il form di contatto sul sito: <www.garanziacampaniabond.it/> www.garanziacampaniabond.it/

In allegato troverete l’invito con il programma dell’incontro precisando che le informazioni necessarie per la presentazione della domanda sono disponibili sul sito dedicato <www.garanziacampaniabond.it> www.garanziacampaniabond.it.

Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dott. Giacinto Maioli

Alleg.: Invito e programma lavori


  • 0

CREDITO D’IMPOSTA SISMA E ZES. APPROVATI I NUOVI MODELLI

Category:ECONOMICO,NEWS

Avellino 2 settembre 2019

L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento direttoriale del 9 agosto 2019, ha approvato il modello di comunicazione relativo al credito d’imposta per gli investimenti nei comuni colpiti dagli eventi sismici del centro Italia del 2016, di cui all’articolo 18-quater del decreto legge 9 febbraio 2017, n. 8 (c.d. credito d’imposta sisma) e del credito d’imposta per gli investimenti nelle zone economiche speciali, di cui all’articolo 5 del decreto legge 20 giugno 2017, n. 91 (c.d. credito d’imposta ZES).

Il modello è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate e sostituirà, dal 25 settembre 2019, anche il modello di comunicazione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, di cui all’articolo 1, commi 98 e ss., della Legge 28 dicembre 2015, n. 208.

Si ricorda che la disciplina agevolativa per i comuni colpiti dagli eventi sismici prevede un credito d’imposta per gli investimenti iniziali o a favore di nuove attività economiche effettuati, dal 7 aprile 2018 al 31 dicembre 2019, nelle zone del cratere. Il credito di imposta è pari al 25% per le grandi imprese, al 35% per le medie imprese e al 45% per le piccole imprese.

La disciplina del credito di imposta ZES, invece, prevede la concessione di un credito di imposta a favore delle imprese, già esistenti o di nuova istituzione, che avviano un programma di attività economiche imprenditoriali o di investimenti nella Zona Economica Speciale nelle Regioni meno sviluppate o in transizione, come istituite dal DPCM 25 gennaio 2018, n. 12.

Le comunicazioni per la fruizione dei predetti crediti di imposta potranno essere inviate, pertanto, a partire dal 25 settembre pv., utilizzando il modello approvato. 

Con separata risoluzione dell’Agenzia delle Entrate saranno istituiti i relativi codici tributo da indicare nel modello F24 e saranno impartite le istruzioni per la compilazione del modello stesso.

Ricordiamo che per la nostra Provincia sono state individuate tre aree ZES e precisamente Pianodardine (Avellino), Calaggio (Lacedonia) e Valle Ufita (Flumeri) corrispondenti alla perimetrazione degli Agglomerati Industriali del Consorzio ASI.

Il provvedimento di approvazione della Perimetrazione è contenuto nella Delibera della Giunta Regionale n. 175 del 28/03/2018 e può essere richiesto ai nostri Uffici che restano a disposizione per ogni eventuale chiarimento.

Distinti saluti.

   IL DIRETTORE

Dr. Giacinto Maioli


  • 0

DECRETO CRESCITA. LE PRINCIPALI MISURE A FAVORE DELLE IMPRESE. NOTE CONFINDUTRIA.

Category:ECONOMICO,NEWS
È stata pubblicata sul Supplemento Ordinario n.26/L alla Gazzetta Ufficiale n. 151 del 29 giugno 2019 la Legge 28 giugno 2019, n. 58, di conversione del Decreto Legge 30 aprile 2019, n. 34 (c.d. Decreto crescita) che, reca, tra le altre, numerose misure di carattere fiscale di interesse per le imprese.

Il provvedimento rappresenta nel complesso un importante segnale di attenzione, seppur parziale, alla crescita e alle istanze del mondo produttivo.

Venendo ai capitoli più rilevanti, rispetto al potenziamento della leva fiscale il DL reintroduce il superammortamento, largamente richiesto dal mondo produttivo e prevede la totale deducibilità dell’IMU sugli immobili produttivi dal 2023. Viene altresì rivista la cd.“mini-Ires”, introdotta con la Legge di Bilancio 2019, al fine di renderne applicabile la disciplina che Confindustria aveva stigmatizzato come eccessivamente complessa sin dalla sua introduzione.

Tra le misure volte a semplificare i rapporti con l’Amministrazione finanziaria, vale la pena menzionare l’introduzione, nell’ambito dell’accertamento fiscale, dell’obbligo per l’Amministrazione finanziaria di avviare un contraddittorio preventivo con il contribuente per definire in via amministrativa la pretesa tributaria.

Con riferimento al rilancio degli investimenti privati, oltre alle condivisibili misure contenute nel testo originario del DL (Fondo di garanzia; potenziamento della Nuova Sabatini; incentivi per la trasformazione digitale dei processi produttivi e sostegno all’economia circolare), in sede parlamentare sono state approvate alcune misure per il sostegno finanziario alle imprese, sollecitate da Confindustria anche per rispondere a specifiche situazioni di crisi congiunturale.

Ci riferiamo, in particolare, a: i) l’innalzamento a 5 milioni di euro dell’importo massimo garantibile dal Fondo di garanzia PMI sulle operazioni di sottoscrizione dei minibond, per singolo beneficiario; ii) per le imprese del settore edile in difficoltà nella restituzione di finanziamenti già contratti con banche e intermediari finanziari, l’accesso alla Sezione speciale del Fondo di garanzia istituita per le imprese titolari di crediti certificati nei confronti delle pubbliche amministrazioni; iii) l’istituzione del cd. Fondo salva-opere, finalizzato a coprire, fino al 70%, i crediti insoddisfatti delle imprese subappaltatrici, sub-affidatarie e sub-fornitrici in caso di fallimento dell’appaltatore o dell’affidatario dei lavori; iv) l’ampliamento dei beneficiari dei finanziamenti agevolati erogati dal Fondo per le imprese vittime di mancati pagamenti.

In tema di internazionalizzazione, è apprezzabile l’estensione del credito d’imposta per la partecipazione delle PMI a fiere internazionali che si svolgono anche in Italia ma, al contempo, va evidenziata l’insufficienza delle risorse complessive destinate a questa misura.

Infine, nel corso del dibattito parlamentare Confindustria ha ribadito la preoccupazione per l’eliminazione delle tutele legali connesse al completamento del Piano ambientale per lo stabilimento ILVA di Taranto.

Per completezza, inoltriamo due note predisposte da Confindustria sul Decreto Crescita.

Sarà nostra cura aggiornavi sugli sviluppi delle numerose misure che richiederanno ulteriori provvedimenti da parte delle Amministrazioni competenti.

Distinti saluti.
Il Direttore
Dr. Giacinto Maioli

All.c.s.

Decreto Crescita – nota informativa
Decreto Crescita – Misure Fiscali


  • 0

CONTRIBUTI A FAVORE DEGLI INVESTIMENTI PER L’EFFICIENZA ENERGETICA E L’UTILIZZO DI FONTI RINNOVABILI. MODIFICHE ALL’AVVISO.

Category:ECONOMICO,NEWS
Vi informiamo che la Regione Campania con provvedimento pubblicato sul Bollettino Ufficiale n. 38 del 1/7/2019, ha modificato in alcune parti l’avviso per i contributi destinati alle imprese per l’efficienza energetica e l’utilizzo da fonti rinnovabili. Con il medesimo provvedimento ha anche reso disponibili gli allegati necessari alla compilazione della istanza che, ricordiamo, deve essere predisposta on line sulla piattaforma dedicata <sid2017.sviluppocampania.it> sid2017.sviluppocampania.it

Resta inalterato il calendario precedentemente definito.
* a decorrere dal 23 luglio 2019 i soggetti richiedenti compilano i moduli e i
relativi allegati presenti nell’apposita sezione raggiungibile dal sito web
indicato. La data di caricamento degli allegati non dà diritto a priorità
nell’ordine cronologico che viene invece acquisita con il successivo invio delle
domande.
* a decorrere dalle ore 10.00 del 26 settembre 2019 i soggetti richiedenti
procedono all’invio della Domanda di contributo e dei relativi allegati, entro e
non oltre le ore 13.00 del 18 ottobre 2019, salvo proroghe.

Una delle modifiche operate con il nuovo avviso riguarda le caratteristiche della diagnosi energetica che dovrà essere predisposta da un tecnico esterno all’organizzazione del proponente e senza vincoli di dipendenza con l’impresa. La diagnosi energetica potrà essere realizzata da un tecnico interno ma in questo caso la retribuzione del dipendente non potrà rientrare tra le spese ammissibili e il costo della diagnosi resterà totalmente a carico dell’impresa.

Ulteriore modifica riguarda uno degli elementi di valutazione del progetto. In particolare la modifica riguarda il rapporto tra il risparmio energetico e il costo dell’investimento complessivo.

Ricordiamo che la con un massimale di 200.000 Euro di contributo per ogni impresa (“De minimis”) sarà possibile finanziare:
a. attività finalizzate all’aumento dell’efficienza energetica nei processi produttivi tali da determinare un effettivo risparmio annuo di energia primaria (a solo titolo esemplificativo: sostituzione dei sistemi di riscaldamento, condizionamento, alimentazione elettrica e illuminazione, se impiegati nei cicli di lavorazione funzionali alla riduzione dei consumi energetici come ad esempio building automation, motori a basso consumo, rifasamento elettrico dei motori, installazione di inverter, sistemi per la gestione e il monitoraggio dei consumi energetici);

b. installazione d’impianti di cogenerazione ad alto rendimento e/o di trigenerazione;

c. attività finalizzate all’aumento dell’efficienza energetica degli edifici nell’unità
locale oggetto dell’investimento (a solo titolo esemplificativo: isolamento termico dei perimetri dove si svolge il ciclo produttivo come ad esempio rivestimenti, infissi, isolanti). Non sono ammissibili interventi di natura strutturale sugli immobili;

d. sostituzione puntuale di sistemi e componenti a bassa efficienza con altri a
maggiore efficienza;

e. attività di ottimizzazione tecnologica, miglioramento delle centraline e cabine
elettriche, installazione di sistemi di controllo e regolazione capaci di ridurre l’incidenza energetica sul processo produttivo dell’impresa;
f. attività di installazione di impianti a fonti rinnovabili a condizione che l’energia
prodotta sia destinata all’autoconsumo della sede operativa oggetto del programma d’investimento.

La sovvenzione è pari al 50% delle spese ammissibili. Tale percentuale può variare in considerazione dell’ammontare dell’investimento per il quale non sono posti limiti massimi, ma solo un minimo di 50.000 Euro.

Alleghiamo il testo del Decreto dirigenziale di modifica dell’Avviso. Per informazioni e consulenza è possibile contattare i nostri uffici (tel 0825785512 email <mailto:mauriello@confindustria.avellino.it> mauriello@confindustria.avellino.it)

Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli

All. c.s.
Decreto Dirigenziale n. 208
Modifiche Avviso

Allegati


Cerca

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.