Category Archives: News da Confindustria

  • 0

  • 0

Newsletter Campania

Category:ILDENARO,NEWS

In allegato newsletter settimanale de Il Denaro del 27 luglio.
www.ildenaro.it/newsletters/2019/confindustria/classica/80/confindustria80.htm


  • 0

Newsletter Campania

Category:ILDENARO,NEWS

In allegato la newsletter settimanale de Il Denaro del 20 luglio 2019.
www.ildenaro.it/newsletters/2019/confindustria/classica/79/confindustria79.htm


  • 0

  • 0

  • 0

  • 0

Sette giorni – newsletter di Confindustria del 14 giugno 2019

Category:NEWS,SETTEGIORNI

I temi della settimana
POLITICA: SUPERARE CAMPAGNA ELETTORALE PERMANENTE.SERVE VISIONE E PIANO ECONOMICO tag: lavoro, crescita, governo, parti sociali
Bisogna passare dal contratto di governo, superando la stagione del presentismo e del tatticismo, a una visione e una strategia per il Paese. Cosi il presidente Boccia ha commentato in un’intervista a Repubblica (in allegato) le tensioni all’interno della maggioranza. L’agenda va cambiata e bisogna uscire da una sorta di campagna elettorale permanente. L’economia non può più aspettare. Le priorità, condivise anche con Cgil, Cisl e Uil: partire da un grande piano d’inclusione di giovani nel mondo del lavoro, ridurre tasse e contributi sui salari, eliminare tasse e contributi sui premi di produzione in modo da agevolare lo scambio salario-produttività nei contratti aziendali e far aumentare il netto in busta ai lavoratori italiani. Quello che noi deduciamo è che occorra valutare gli effetti sull’economia reale dei provvedimenti che si realizzano per evitare il ricorso a deficit e debito pubblico che non è nell’interesse del Paese.
UE: FARE DI TUTTO PER EVITARE PROCEDURA.ITALIA DEVE PUNTARE A COMMISSARIO ECONOMICO tag: conti pubblici, ue, commissario ue, Tria
Dobbiamo fare di tutto per evitare un’eventuale procedura d’infrazione Ue per il debito. La procedura significa rientro forzato del debito e blocco dei fondi di coesione. Così il presidente Boccia è tornato a commentare la valutazione dell’Ecofin che pare abbia ritenuto giustificata la richiesta di procedura, che verrà però decisa il 9 luglio. L’incertezza e le dichiarazioni contrastanti delle forze di maggioranza non aiutano. Speriamo che prevalga il buon senso manifestato nelle ultime dichiarazioni, recentissime, del ministro Tria. Tra l’altro dobbiamo evitare che questa precarietà diventi l’alibi per il quale non ci venga assegnato un commissario di primo livello, che per noi dovrebbe essere un commissario alla concorrenza, o al commercio interno, o al mercato interno o all’industria. L’Italia è la seconda manifattura d’Europa, dobbiamo ambire ad un commissario strategico per l’Italia, nell’interesse dell’Italia e dell’Europa.
FLAT TAX: C’E’NODO RISORSE.PARTIRE DALLA RIDUZIONE DELLE TASSE SUI FATTORI DI PRODUZIONE tag: fisco, conti pubblici, governo, imprese
La flat tax va affrontata con il nodo delle risorse, avendo un debito pubblico rilevante. Così Vicenzo Boccia, ha commentato l’ipotesi dell’introduzione delle tassa piatta, già con la manovra d’autunno. Tutto quello che serve ad abbassare le tasse va nella giusta direzione, ma occorre capirne l’impatto sull’economia reale. La prima flat tax, o la prima riduzione delle tasse, è quella sui fattori di produzione. Partire dall’offerta e dalla crescita è determinante per avere una capacità di reazione del Paese.
MINI BOT: RISCHIO AUMENTO DEBITO E NON UTILI ALLE IMPRESE tag: fisco, conti pubblici, governo, imprese, debita pa
I minibot sono uno strumento che crea debito, non c’entrano con i fondamentali dell’economia del Paese e non servono all’obiettivo. Così il presidente Boccia ha commentato l’ipotesi di introduzione di titoli di piccolo taglio per pagare i debiti della Pa verso le imprese, criticata anche dal Presidente della Bce Draghi e dal Ministro dell’economia Tria. E’ molto improbabile che possano essere utili alle imprese, aumentano il debito pubblico e rischiano di avere ripercussioni sui mercati finanziari, in termini di rendimenti ancora più elevati sui titoli sovrani. Lo stock di debiti commerciali della pubblica amministrazione si è molto ridotto (anche se resta il più ampio in Europa) e i tempi di pagamento sono stati accorciati (ma non in modo omogeneo in tutte le aree del Paese), scrive inoltre il Csc in una nota ( in allegato). Ciò di cui c’è ancora bisogno è di accrescere l’efficacia della PA.

Leggi in allegato l’intervista del Presidente Boccia a Repubblica, la Nota del Csc sui Mini Bot e l’intervento della DG sull’Huffington Post

<www.huffingtonpost.it/entry/regole-incerte-e-politiche-inaffidabili-fanno-morire-le-imprese_it_5d035a20e4b0985c419b4d84> www.huffingtonpost.it/entry/regole-incerte-e-politiche-inaffidabili-fanno-morire-le-imprese_it_5d035a20e4b0985c419b4d84


  • 0

Newsletter Campania

Category:ILDENARO,NEWS

In allegato la newsletter settimanale de Il Denaro dell’8 giugno 2019.
www.ildenaro.it/newsletters/2019/confindustria/classica/73/confindustria73.htm


  • 0

Sette giorni – newsletter di Confindustria del 7 giugno 2019

Category:NEWS,SETTEGIORNI

Roma, 7 giugno 2019
I temi della settimana
PROCEDURA D’INFRAZIONE UE: NO ALLO SCONTRO, APRIRE DIALOGO SU PIANO DI MEDIO TERMINE tag: conti pubblici, Ue, commissione, BCE, spread
L’importante è aprire un dialogo con l’Ue e predisporre un serio e credibile piano di medio termine che conduca il Paese verso una crescita più sostenuta e una traiettoria di riduzione di deficit e debito. Così il presidente Boccia ha commentato il Rapporto arrivato da Bruxelles in un’intervista a Radio Capital (clicca <www.confindustria.it/notizie/dettaglio-notizie/crescita-europa-debito-intervista-presidente-boccia-radio-capital> qui per ascoltarla). Bisogna trattare per evitare la procedura di infrazione, che non è nell’interesse nazionale né adesso né in futuro, e costruire la prossima legge finanziaria con attenzione al nodo delle risorse. La proposta della Commissione europea non è inattesa. Bisogna prendere atto che alcune misure intraprese hanno impattato negativamente sui conti e le prospettive del Paese. Scontri e incomprensioni non fanno che aumentare l’incertezza e la sfiducia con la conseguenza, tra l’altro, di spingere verso l’alto lo spread, innalzare il costo dell’indebitamento per imprese e famiglie, rendendo più difficoltoso il percorso di riduzione del debito. Dunque, al di là della necessità di fronteggiare la richiesta d’infrazione, ribadiamo che le partite da giocare in Europa sono più di una e che fondamentale importanza riveste la capacità di incidere nella scelta del presidente della Commissione, del commissario per l’Italia, del prossimo numero uno della Bce.
SBLOCCA CANTIERI: MIGLIORABILE MA PRIMO PASSO VERSO CRESCITA. FAR PARTIRE LE OPERE GIA’ CANTIERATE tag: crescita, infrastrutture, semplificazione
Lo sblocca cantieri è certamente migliorabile, ma evitiamo di smontarlo per ragioni politiche e approviamolo. L’importante è semplificare per far partire veramente le opere già cantierate e con le risorse già stanziate. Insieme al decreto crescita è il primo passo verso un cambio di rotta, è il segno che questo governo comincia a pensare che la crescita sia un fattore determinante per risolvere la questione sociale.
FCA-RENAULT: OPERAZIONE STRATEGICA,INVASIVITA’ DEGLI STATI NON FA L’INTERESSE DELLE IMPRESE tag: industria, automotive, Europa
Sarebbe stata una grande opportunità e un orgoglio per l’Italia, ma quando gli Stati iniziano a intervenire massicciamente su questioni di merito e di mercato, gli effetti conseguenti sono quelli di un arretramento su alcune visioni strategiche. Troppa invasività con la logica di difendere singoli interessi nazionali non aiuta a costruire giganti economici europei e mondiali di cui abbiamo bisogno. Così il presidente Boccia ha commentando il blocco alla fusione Fca-Renault provocato dalle pressioni del governo francese.
EX ILVA: DEVE RIPARTIRE STAGIONE DI INVESTIMENTI AL SUD tag: industria, occupazione, Mezzogiorno, investimenti, cig
La cassa integrazione nello stabilimento dell’ex Ilva non è un fattore positivo ma sembra legata a un aspetto congiunturale e non strutturale. L’auspicio è che, a iniziare da Taranto, riparta una grande stagione di attrazione degli investimenti nel Paese e nel Mezzogiorno e che quanto prima si esca da questa cig. Così il presidente Boccia ha commentato l’annuncio della Cigo per 1.400 operai dell’ex Ilva.


  • 0

Sette giorni – newsletter di Confindustria del 31 maggio 2019

Category:NEWS,SETTEGIORNI

I temi della settimana
ELEZIONI EUROPEE: PAESE CHIEDE LAVORO E CRESCITA. ORA PUNTARE SU PROGETTO RIFORMISTA IN EUROPA tag: politica, parlamento ue, commissione ue, BCE, crescita, lavoro
Il Paese chiede di tornare ad occuparsi di economia. Dalle urne è emerso che il Paese chiede occasioni di lavoro e occupazione in tutto il territorio nazionale a partire dal Mezzogiorno. Così il presidente Boccia ha commentato i risultati delle elezioni europee. Evidentemente è una ragione in più per tornare ai fondamentali dell’economia, che sono la precondizione per ridurre i divari e risolvere la questione sociale del Paese. Il dato deve farci riflettere sul fatto che una parte del Paese non si sente rappresentata. Occorre fare in modo che si cambi in meglio e scegliere le priorità, a partire dalle infrastrutture come la Tav. Ora lo step immediato è trattare per avere un commissario di rango e con un delega in ambito economico (commercio, industria, mercato interno, affari economici e concorrenza) e dirigenti di primo livello perché l’Italia ora deve rilanciare una stagione riformista all’interno dell’Europa, dobbiamo avere delle posizioni strategiche importanti. Non dobbiamo isolarci né farci isolare e serve una trattativa di alleanza a partire dalla Francia, per la prossima presidenza della Bce.
LETTERA UE: NON POSSIAMO PERMETTERCI PROCEDURA D’INFRAZIONE. TRATTARE PER FLESSIBILITA’ SU INVESTIMENTI tag: conti pubblici, imprese, crescita, debito, investimenti, manovra
Dopo la lettera di richiesta di chiarimenti della Commissione europea sui nostri conti pubblici, il presidente Boccia dice no allo sforamento del 3% per spese ordinarie. Non possiamo permetterci una procedura d’infrazione. Bisogna chiedere flessibilità ma non per fare debito pubblico. Possiamo puntare alla richiesta di scorporare in maniera temporanea e straordinaria la spesa per investimenti dai limiti del Patto di Stabilità e Crescita per recuperare il gap accumulato in questi anni. La campagna elettorale è finita. Bisogna terminare con le facili promesse per entrare nella fase del realismo e del pragmatismo. Non vedo un Paese in declino ma un’Italia che deve reagire. I litigi e dissidi all’interno delle istituzioni non fanno mai bene. I due partiti hanno la responsabilità del governo del Paese e quella di affrontare una manovra che non sarà facile, e costruire un piano a medio termine per lavoro e crescita. Noi siamo per il confronto e il dialogo con tutte le forze politiche ma in piena autonomia e su quanto riguarda l’economia e l’industria.
BANKITALIA: GRANDE CONVERGENZA SU EUROPA, DEBITO PUBBLICO E OCCUPAZIONE tag: banca d’Italia, europa, crescita, lavoro, conti pubblici
La Banca d’Italia è una grande istituzione e ha indicato la centralità del lavoro per eliminare i divari e che l’Europa è la soluzione. Nel discorso del governatore di Bankitalia c’è molta convergenza con il nostro pensiero sulla questione europea. Così il presidente Boccia ha commentato la relazione annuale di Visco. L’Ue non va usata come alibi per non affrontare la questione italiana, serve tenere alta l’attenzione verso il debito pubblico e mantenere centrale il tema dell’occupazione. Tutti messaggi di grande convergenza.


Cerca

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.