PIANO OPERATIVO NAZIONALE (PON). BANDO DISTRETTI TECNOLOGICI E LABORATORI MISTI.

  • 0

PIANO OPERATIVO NAZIONALE (PON). BANDO DISTRETTI TECNOLOGICI E LABORATORI MISTI.

Category:ECONOMICO
Print Friendly, PDF & Email

 

ALLE AZIENDE ASSOCIATE

LORO SEDI

 

Prot. n. II/ 2747/2010

Avellino, 22 novembre 2010

 

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) ha emanato nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Ricerca e Competitività” 2007-2013 (PON R&C) per le Regioni della Convergenza (Calabria, Campania, Puglia, Sicilia) due Azioni rispettivamente denominate “Distretti tecnologici e relative reti” e “Laboratori pubblico-privati e relative reti” .

Tale misura intende sostenere il potenziale innovativo di università, centri di ricerca e imprese medio-grandi e piccole, promuovendo lo sviluppo di filiere scientifico-tecnologiche di eccellenza pubblico-private, il potenziamento e/o sviluppo di Distretti di Alta Tecnologia e relative reti, nonché la creazione, il potenziamento e lo sviluppo di laboratori pubblico-privati.

E’ una azione di sostegno e finanziamento complessa per la quale Confindustria Campania, in collaborazione con il Ministero competente e la Regione Campania, ha inteso organizzare un incontro per Venerdi 26 Novembre 2010 alle ore 15,00 presso la sede di Piazza dei Martiri 59 – Napoli. All’incontro i referenti del Ministero illustreranno i contenuti del bando e risponderanno agli eventuali quesiti posti dagli imprenditori.

Inoltre, in linea con quanto previsto dal Bando, il nostro sistema ha adottato una apposita Cabina di Regia sulla tematica Ricerca ed Innovazione con la finalità di costituire idonee aggregazioni sulle tematiche previste dal Bando; al momento la cabina ha definito un tavolo per il settore Agroalimentare ed uno per il Settore ICT. Invitiamo le  aziende interessate a partecipare all’incontro programmato per venerdi prossimo che, segnaliamo, essere gratuito.

 

In risposta a quanto stabilito attraverso il Protocollo d’Intesa (25 giugno 2009) e i successivi Accordi di Programma Quadro (APQ) siglati con le Regioni interessate, il MIUR ha impegnato le risorse di sua competenza in azioni rivolte sia al potenziamento delle migliori esperienze esistenti che al sostegno di nuove.

L’impegno finanziario stanziato dal MIUR ammonta complessivamente a 915 Milioni di Euro a carico del PON R&C con copertura a valere su risorse comunitarie e nazionali, rispettivamente: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e Fondo di Rotazione (FDR). Di tale somma 389 Milioni di Euro saranno destinati allo sviluppo/potenziamento di Distretti di Alta Tecnologia e dei Laboratori Pubblico-Privati, nella misura di 282 Milioni di Euro per i primi e 107 Milioni di Euro per i secondi, mentre i restanti 526 Milioni di Euro saranno dedicati alla creazione di nuovi Distretti e/o Aggregazioni.

In coerenza con quanto stabilito dall’ASSE I – Sostegno ai mutamenti strutturali – gli interventi del presente “Avviso” si rivolgono sia al potenziamento e all’eventuale completamento di quanto avviato, d’intesa con le Regioni della Convergenza in questi ultimi anni, sia alla creazione di nuovi Distretti ad Alta Tecnologia e/o nuove Aggregazioni Pubblico-Private, secondo quanto concordato con le amministrazioni regionali, in modo da integrare le azioni con le linee di sviluppo strategico degli enti stessi.

 Sviluppo/Potenziamento di Distretti ad Alta Tecnologia e Laboratori Pubblico-Privati

Questo tipo di intervento intende individuare i migliori modelli di aggregazione pubblico-privata esistenti nei territori della Convergenza, valorizzandoli e/o potenziandoli attraverso interventi di sostegno alle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, accompagnate da attività di formazione per la creazione di una massa critica di capitale umano con profilo scientifico-tecnologico ed attitudini imprenditoriali idonee a favorire i mutamenti tecnologici ed economici delle Regioni della Convergenza.

I Distretti ad Alta Tecnologia, i Laboratori Pubblico-Privati sono chiamati a realizzare sistemi integrati e coerenti di ricerca-formazione-innovazione che possano funzionare da propulsori della crescita economica sostenibile delle Regioni della Convergenza. I soggetti di cui sopra potranno, inoltre, stabilire possibili connessioni con analoghe esperienze esistenti al di fuori delle Regioni della Convergenza purché sviluppino una massa critica di competenze interdisciplinari e capacità innovative in grado di creare imprenditorialità emergente dai saperi scientifici e tecnologici.

Il MIUR ha invitato i soggetti attuatori a presentare Piani di Sviluppo Strategico dell’aggregazione di durata almeno quinquennale, unitamente a specifici progetti di ricerca, sviluppo e formazione caratterizzati dal forte riferimento all’impiego di tecnologie abilitanti pervasive per consentire il raggiungimento dell’obiettivo specifico del PON R&C, la promozione del mutamento strutturale.

Saranno considerati ammissibili, i soggetti attuatori di ciascuno dei Distretti ad Alta Tecnologia e dei Laboratori Pubblico-Privati, menzionati nel decreto, che siano costituiti in forma associata, contrattuale o societaria, avente valore legale e che abbiano indicato il soggetto capofila chiamato ad interfacciarsi con il MIUR per gli aspetti burocratico-amministrativi e per il coordinamento dei progetti.

Il costo di ogni singolo progetto, la cui durata non potrà accedere i 36 mesi, dovrà essere superiore a 5 Milioni di Euro ed inferiore a 25 Milioni di Euro; mentre il costo sostenuto dal singolo soggetto proponente non può superare i 10 Milioni di Euro, in rapporto a ciascun progetto.

Creazione di nuovi Distretti e/o nuove Aggregazioni Pubblico-Private

In coerenza con la Linea d’Intervento n. 2 prevista dagli APQ, il MIUR si rivolge per la creazione di nuovi “Distretti ad Alta Tecnologia e relative reti” ai soggetti economici e scientifici invitandoli a presentare Studi di Fattibilità volti alla definizione degli obiettivi, delle tematiche specifiche, degli aspetti istituzionali e organizzativi e delle linee di azione per la costituzione e relativa messa in rete nei settori ritenuti prioritari dagli APQ, di nuovi Distretti ad Alta Tecnologia.

Tali studi potranno riguardare la costituzione di nuove Aggregazioni Pubblico/Private, anche promosse da università e/o enti pubblici di ricerca che presentino le seguenti caratteristiche: spiccata vocazione internazionale, dimostrato interesse per il sistema delle imprese, elevato impatto economico sul territorio della Convergenza.

Per gli Studi di Fattibilità valutati positivamente il MIUR e le Amministrazioni Regionali interessate procederanno alla stipula di specifici Accordi di Programma che definiscano gli interventi, gli obiettivi nonché gli impegni finanziari reciproci.

I Progetti e gli Studi di Fattibilità dovranno essere presentati tramite i servizi dello sportello telematico SIRIO (https://roma.cilea.it/PortaleMIUR/portale/default.aspx) che sarà attivo a partire dal 16/12/2010 entro e non oltre le ore 12.00 del 15/02/2011.

Al medesimo indirizzo (http://roma.cilea.it/SIRIO) è possibile registrare la propria utenza e consultare le guide sull’utilizzo dei sevizi offerti dallo sportello telematico e scaricare la documentazione necessaria. 

Distinti saluti.

 

IL DIRETTORE

Dr. Giacinto Maioli

 

All. c.s.

Bando distretti e laboratori

Con riferimento alla nostra comunicazione illustrativa dei contenuti del BANDO DISTRETTI TECNOLOGICI E LABORATORI MISTI, con la quale Vi informavamo di un incontro coni tecnici del Ministero dell’Università per Venerdi 26 Novembre 2010 alle ore 15,00 presso Confindustria Campania – Napoli, siamo spiacenti di comunicarVi che per improrogabili impegni dei referenti ministeriali l’incontro è stato spostato a data da definirsi. Sarà nostra cura comunicarVi tempestivamente la nuova data dell’incontro.

 


Cerca

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.