VOUCHER PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLE PMI – DECRETO DI APERTURA DELLO SPORTELLO

  • 0

VOUCHER PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLE PMI – DECRETO DI APERTURA DELLO SPORTELLO

Category:ECONOMICO
Print Friendly, PDF & Email

Prot. n.II/ 1362 /17

Avellino, 30 ottobre 2017

OGGETTO: VOUCHER PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLE PMI – DECRETO DI APERTURA DELLO SPORTELLO 

Vi informiamo che con Decreto Direttoriale 24 ottobre 2017 il Ministero dello Sviluppo Economico ha definito le modalità e i termini di presentazione delle domande di accesso ai Voucher per la Digitalizzazione delle micro, piccole e medie imprese. 

Vi ricordiamo che il voucher è utilizzabile per l’acquisto di software, hardware e/o servizi specialistici che consentano di: 

migliorare l’efficienza aziendale: sono ammissibili le spese per l’acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati alla digitalizzazione dei processi aziendali;

modernizzare l’organizzazione del lavoro, mediante l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro. In particolare sono ammesse le spese per l’acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati alla modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, con particolare riferimento all’utilizzo di strumenti tecnologici e all’introduzione di forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro;   

sviluppare soluzioni di e-commerce: sono ammissibili le spese per l’acquisto di hardware, software, inclusi software specifici per la gestione delle transazioni on-line e per i sistemi di sicurezza della connessione di rete, e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati allo sviluppo di soluzioni di e-commerce; 

fruire della connettività a banda larga e ultralarga o del collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare. Saranno ammesse le spese di attivazione del servizio sostenute una tantum, con esclusivo riferimento ai costi di realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche, quali lavori di fornitura, posa, attestazione, collaudo dei cavi, e ai costi di dotazione e installazione degli apparati necessari alla connettività a banda larga e ultralarga ovvero all’acquisto e all’attivazione del decoder e delle parabole per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare; 

realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel campo ICT. Risultano ammissibili le spese per la partecipazione a corsi e per l’acquisizione di servizi di formazione qualificata, purché attinenti fabbisogni formativi strettamente correlati agli ambiti di attività precedentemente descritti. Gli interventi formativi dovranno essere rivolti al personale delle imprese beneficiarie (titolari, legali rappresentanti, amministratori, soci, dipendenti) risultante dal registro delle imprese o dal libro unico del lavoro. 

Alle imprese può essere riconosciuto un Voucher, di importo non superiore a 10.000,00 euro per ciascun soggetto beneficiario e nel limite delle risorse finanziarie. Nell’ambito della dotazione finanziaria complessiva, è prevista una riserva del 5% destinata alla concessione del Voucher alle micro, piccole e medie imprese che hanno conseguito il Rating di Legalità e che sono quindi incluse nel relativo elenco dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato.

A distanza di poche ore dall’emanazione del Decreto, il Ministero dello Sviluppo Economico ha già pubblicato un primo gruppo di FAQ per rispondere a specifici quesiti da parte delle aziende interessate ed attivato un indirizzo email cui inviare i quesiti sull’applicazione della normativa: info.voucherdigitalizzazione@mise.gov.it 

Quanto alle modalità di inoltro delle istanze il Decreto Direttoriale prevede che:

  • Le domande potranno essere presentate dalle imprese, esclusivamente tramite la procedura informatica che verrà resa disponibile sul portale del MISE, a partire dalle ore 10.00 del 30 gennaio 2018 e fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018. Sarà possibile accedere alla procedura informatica online, per la sola compilazione della domanda, a partire dal 15 gennaio 2018
  • Per l’accesso è richiesto il possesso della Carta nazionale dei servizi e di una casella di posta elettronica certificata (PEC) attiva e la sua registrazione nel Registro delle imprese.
  • Entro 30 giorni dalla chiusura dello sportello il Ministero adotterà un provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher, su base regionale, contenente l’indicazione delle imprese e dell’importo dell’agevolazione prenotata; gli acquisti devono essere effettuati successivamente alla prenotazione del Voucher.
  • Le eventuali risorse finanziarie che, in relazione alle singole regioni, risultano in eccedenza rispetto all’importo complessivo richiesto dalle imprese istanti sono ripartite tra le altre regioni appartenenti alla stessa macro area geografica  in proporzione ai rispettivi fabbisogni finanziari non coperti.
  • Nel caso in cui l’importo complessivo dei Voucher concedibili alle imprese istanti è superiore all’ammontare della dotazione finanziaria regionale, definita tenendo conto anche delle predette eventuali eccedenze in altre regioni, il Ministero procede al riparto tra le imprese istanti delle risorse disponibili in proporzione al fabbisogno derivante dalla concessione del Voucher da assegnare a ciascuna impresa.
  • Verificata la documentazione finale che le imprese sono tenute a presentare entro 30 giorni dalla data di ultimazione delle spese, che dovranno essere sostenute dopo la comunicazione dell’avvenuta prenotazione del contributo da parte del MISE, il Ministero determinerà l’importo del Voucher da erogare in relazione ai titoli di spesa risultati ammissibili.

Nel restare a disposizione per ogni eventuale chiarimento, rimandiamo alla pagina del Ministero dedicata alla misura in oggetto.

 


Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.