AIUTI DI STATO – APPROVATO IL NUOVO REGOLAMENTO DE MINIMIS N.1407/2013

  • 0

AIUTI DI STATO – APPROVATO IL NUOVO REGOLAMENTO DE MINIMIS N.1407/2013

Category:ECONOMICO
Print Friendly, PDF & Email

ALLE AZIENDE ASSOCIATE
LORO SEDI

Prot.n.II/ 37      /14
Avellino, 10 Gennaio 2014

OGGETTO: AIUTI DI STATO – APPROVATO IL NUOVO REGOLAMENTO DE MINIMIS N.1407/2013
Il 18 dicembre la Commissione europea ha adottato il nuovo Regolamento sugli aiuti de minimis. Il testo ufficiale è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea il 24 dicembre 2013 e si applicherà dal 1° gennaio 2014.

Si ricorda che il nuovo testo è il risultato di un processo di revisione che ha previsto una serie di consultazioni pubbliche, alle quali Confindustria ha partecipato trasmettendo alla Commissione i contributi ricevuti dal sistema confederale.
 
Grazie all’azione congiunta di Confindustria e delle autorità italiane, è stata ottenuta la modifica della previsione originaria relativa alle imprese in difficoltà, che rischiava di ampliare a dismisura la relativa definizione e di penalizzare le imprese italiane.

Ricordiamo che con il regime de minimis vengono individuati quegli aiuti (incentivi e agevolazioni ) definiti di piccola entità  che si presume non incidano sulla concorrenza in modo significativo. Le pubbliche autorità possono quindi erogare aiuti alle imprese di qualsiasi dimensione, in regime de minimis, senza obbligo di notifica, nel rispetto delle condizioni di cui, attualmente, al regolamento in oggetto.

L’importo totale massimo degli aiuti di questo tipo ottenuti da una impresa non può superare, nell’arco di tre anni, i 200.000 euro. Ciò significa che per stabilire se un’impresa possa ottenere una agevolazione in regime de minimis e l’ammontare della agevolazione stessa, occorrerà sommare tutti gli aiuti ottenuti da quella impresa, a qualsiasi titolo (per investimenti, attività di ricerca, promozione all’estero, ecc.), in regime de minimis, nell’arco di tre esercizi finanziari (l’esercizio finanziario in cui l’aiuto è concesso più i due precedenti). L’impresa che richiede un aiuto di questo tipo dovrà quindi dichiarare quali altri aiuti ha ottenuto in base a quel regime e l’amministrazione concedente verificare la disponibilità residua sul massimale individuale dell’impresa. Nel caso un’agevolazione concessa in de minimis superi il massimale individuale a disposizione in quel momento dell’impresa beneficiaria, l’aiuto non potrà essere concesso nemmeno per la parte non eccedente tale tetto.
 
Si segnala inoltre che:
• i prestiti assistiti da garanzia pari almeno al 50% e fino a € 1.000.000 su un periodo di 5 anni (o fino a 500.000 su un periodo di 10 anni) possono beneficiare, a determinate condizioni, del Regolamento de minimis;
• la soglia massima per gli aiuti de minimis è stata confermata a € 100.000 per le imprese che effettuano trasporto di merci su strada per conto terzi;
• gli aiuti de minimis sono considerati concessi nel momento in cui all’impresa è accordato, a norma del regime giuridico nazionale, il diritto di ricevere gli aiuti indipendentemente dalla data di erogazione degli aiuti de minimis all’impresa.
• Il regolamento 1407/2013 non si applica ai settori della produzione primaria di prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura in considerazione delle norme specifiche vigenti in tali settori.

Distinti Saluti.

   IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli

All.c.s.
Regolamento 1407/2013


Cerca

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.