CCNL INDUSTRIA ALIMENTARE – SOTTOSCRITTO ACCORDO NAZIONALE DI SETTORE SUL CONTRATTO A TERMINE IN ATTUAZIONE DELLA L. 99/2013.

  • 0

CCNL INDUSTRIA ALIMENTARE – SOTTOSCRITTO ACCORDO NAZIONALE DI SETTORE SUL CONTRATTO A TERMINE IN ATTUAZIONE DELLA L. 99/2013.

Category:LAVORO E PREVIDENZA
Print Friendly, PDF & Email

ALLE AZIENDE ASSOCIATE
SETTORE AGROALIMENTARE
LORO SEDI

Prot. n I/     /13
Avellino 17 ottobre 2013

OGGETTO: CCNL INDUSTRIA ALIMENTARE – SOTTOSCRITTO ACCORDO NAZIONALE DI SETTORE SUL CONTRATTO A TERMINE IN ATTUAZIONE DELLA L. 99/2013.

Vi segnaliamo che il 10 ottobre u.s. è stato sottoscritto tra le Associazioni industriali alimentari e le Organizzazioni Sindacali Fai-Cisl, Flai-Cgil, Uila-Uil, l’Accordo per l’attuazione dei rinvii  alla contrattazione previsti dalla L. 99/2013 che Vi trasmettiamo in allegato.

 In sintesi l’intesa, che modifica ed aggiorna l’art. 18 del CCNL di categoria sulla base delle novità legislative sopravvenute (L.99/2013):
– Prevede l’impegno delle parti a presentare al Governo e alle istituzioni un avviso comune per sollecitare l’esclusione dalla contribuzione aggiuntiva dell’1,4% non solo degli addetti alle attività di cui al DPR 1525/1963, ma anche degli addetti alle lavorazioni considerate stagionali dagli accordi e contratti collettivi;
– precisa che l’Accordo di settore del 17.03.2008 sulla stagionalità soddisfa i requisiti legali per la non applicazione di intervalli temporali tra più contratti a tempo determinato stipulati con il medesimo lavoratore;
– prevede, in attuazione del rinvio operato dalla legge, l’applicazione di intervalli temporali ridotti di 5 o 10 giorni (rispetto a quelli ordinari di legge pari a 10 o 20 giorni tra un contratto ed un altro), rispettivamente per i rapporti a termine con durata fino a 6 mesi o superiore a 6 mesi, per tutte le tipologie di assunzione a termine ex art. 1 del DLGS 368/2001 (ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo);
– individua, in attuazione del rinvio operato dal legislatore, ulteriori ipotesi di assunzione, rispetto a quella di legge, per le quali non è richiesto il requisito delle ragioni giustificatrici dell’apposizione del termine (cd ipotesi acasuali di contratto a termine):
1. possibilità di instaurare un secondo rapporto a tempo determinato acasuale, rispetto al primo rapporto acasuale già previsto dalla legge con stesso datore di lavoro, la cui durata non può eccedere i 12 mesi; tale secondo rapporto di lavoro acasuale, a tempo determinato, potrà avere una durata non superiore alla durata del primo contratto comprensiva di eventuale proroga, e dovrà riguardare le stesse mansioni;
2. un rapporto a tempo determinato acasuale, di durata non superiore a 12 mesi, con soggetti che con lo stesso datore di lavoro abbiano precedentemente avuto altri rapporti di lavoro a tempo determinato ai sensi dell’art. 1, primo comma del Dlgs 368/2001. Tale ipotesi si distingue dalla prima in quanto consente di riassumere con contratto acasuale anche lavoratori precedentemente assunti con causale dall’azienda.
– prevede la possibilità di non applicare intervalli temporali per le assunzioni acausali di cui al punto precedente. Resta ferma la possibilità di instaurare un secondo contratto acausale a prescindere dal lasso temporale intercorrente con il contratto precedente.

Si precisa che tutte le previsioni di cui sopra (intervalli ridotti, ulteriori ipotesi di contratti acasuali, assenza di intervalli temporali per le ipotesi acasuali) sono immediatamente esigibili, e pertanto non necessitano di ulteriori accordi a livello aziendale.

Ci riserviamo si ritornare sull’argomento in quanto Federalimentare ci ha anticipato che intende predisporre una nota esplicativa sui contenuti dell’accordo sottoscritto. Restiamo comunque a disposizione per ogni ulteriore chiarimento.

Distinti saluti.

  IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli

All.c.s.
Verbale di accordo 10/10/2013


Cerca

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.