Criteri di computo dei rapporti di lavoro a termine – Risposta ad istanza di interpello di Confindustria

  • 0

Criteri di computo dei rapporti di lavoro a termine – Risposta ad istanza di interpello di Confindustria

Category:LAVORO E PREVIDENZA
Print Friendly, PDF & Email

 

Prot.n. I/ 1762   / 13
Avellino 26 Novembre 2013
Criteri di computo dei rapporti di lavoro a termine – Risposta ad istanza di interpello di Confindustria

Con la risposta in allegato, il Ministero del Lavoro ha accolto l’interpretazione avanzata da Confindustria in merito ai criteri di computo dei lavoratori a tempo determinato presenti nella normativa attualmente vigente.

In particolare, l’istanza di interpello si riferisce alle recenti modifiche introdotte dal legislatore in materia, ovvero:

–  la Legge 6 agosto 2013, n. 97, cd. “legge europea 2013”, che ha modificato, a decorrere dal 31 dicembre 2013:

·      l’art. 8 del D. Lgs. 6 settembre 2001, n. 368, introducendo un nuovo criterio di computo dei lavoratori a tempo determinato ai fini del riconoscimento di una serie di diritti sindacali ai sensi dell’art. 35 della legge 20 maggio 1970, n. 300;

·      l’art. 12 del D. Lgs. 6 febbraio 2007, n. 25, riguardante la disciplina dell’informazione e della consultazione dei lavoratori, prevedendo una disciplina specifica sul computo dei dipendenti;

Va sottolineato che la “legge europea 2013” prevede espressamente, in sede di prima applicazione, che il calcolo della media si farà al 31 dicembre 2013, con riferimento al biennio precedente a tale data: dunque, di fatto, gli effetti del nuovo criterio di computo si determinano a decorrere dal 1 gennaio 2014.

–  il D.Lgs. 22 giugno 2012, n. 113, riguardante i CAE (Comitati Aziendali Europei), che ha previsto,  all’art. 2, comma 2, una disciplina specifica sul computo dei dipendenti.

Confermando l’interpretazione già avanzata da Confindustria con la News 11 ottobre 2013 (cfr. pp. 15 e 16 dell’allegato), la risposta del Ministero chiarisce che “ai fini della corretta determinazione della base di computo, occorre effettuare la somma i tutti i periodi di rapporto di lavoro a tempo determinato, svolti a favore del datore di lavoro nell’ultimo biennio e successivamente dividere il totale per 24 mesi. Il risultato così ottenuto consente infatti di determinare, così come richiesto dal Legislatore, il numero medio mensile dei lavoratori subordinati impiegati nell’arco di 24 mesi”, ovvero il numero dei lavoratori utile ai fini della determinazione della base di computo.

La risposta all’interpello contiene anche degli esempi numerici, ai quali si rinvia, per chiarire il funzionamento del meccanismo di computo.

Infine, la risposta all’interpello accoglie l’interpretazione avanzata da Confindustria anche per quanto riguarda un altro importante profilo: nonostante le leggere differenze presenti nel dato letterale delle diverse norme in materia, il medesimo criterio di computo, come sopra illustrato, trova applicazione in tutte e tre le fattispecie richiamate, ovvero l’art. 8 del D. Lgs. n. 368/2001, l’art. 12 del D. Lgs. n. 25/2007 e l’art. 2, comma 2 del D.Lgs. 22 giugno 2012, n. 113.

Trasmettiamo in allegato la risposta all’interpello n. 30/2013.

Distinti saluti.

Il direttore
Dr. Giacinto Maioli

All.c.s


Cerca

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.