DPCM 20 DICEMBRE 2012 – NUOVE MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DEL MUD PER L’ANNO 2013 – SCADENZA 30 APRILE 2013.

  • 0

DPCM 20 DICEMBRE 2012 – NUOVE MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DEL MUD PER L’ANNO 2013 – SCADENZA 30 APRILE 2013.

Category:AMBIENTE E SICUREZZA
Print Friendly, PDF & Email

ALLE AZIENDE ASSOCIATE
LORO SEDI

Prot. n. I/  54 /13
Avellino, 14 Gennaio 2013

OGGETTO: DPCM 20 DICEMBRE 2012 – NUOVE MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DEL MUD PER L’ANNO 2013 – SCADENZA 30 APRILE 2013.

Con la sospensione del SISTRI, disposta dall’art. 52 della Legge 134/12 (vedi nostra circolare prot. n. I/1371/12 del 30 agosto 2012), si sarebbe venuto a creare un vuoto normativo per quanto riguarda gli obblighi delle imprese relative alla dichiarazione dei rifiuti prodotti e smaltiti nel corso del 2012, per questo è intervenuto il DPCM 20/12/2012 (pubblicato sul S.O. alla G.U. n. 302 del 29 dicembre 2012) con il quale sono stati approvati i nuovi modelli da utilizzare per il MUD 2013.

Il DPCM in questione sostituisce il modello e le istruzioni precedentemente in uso e sarà utilizzato per le dichiarazioni da presentare fino alla piena operatività del SISTRI.

Pertanto, alla prossima scadenza del 30 Aprile 2013 le aziende interessate dovranno provvedere a compilare il MUD in base alla nuova modulistica.

Vi ricordiamo che i soggetti tenuti alla compilazione del MUD sono i seguenti:
– chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto rifiuti;
– commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione;
– imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento rifiuti;
– imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi
– imprese agricole che producono rifiuti pericolosi con volume di affari annuo superiore a Euro 8.000,00;
– imprese ed enti produttori che hanno più di 10 dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento dei rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fiumi.

La nuova modulistica è stata aggiornata con le comunicazioni per i veicoli fuori uso e le apparecchiature elettriche ed elettroniche, e non mancano le novità anche per quanto riguarda le schede della sezione rifiuti.

Innanzitutto il nuovo modello di dichiarazione semplificata potrà essere utilizzato nel caso in cui i produttori iniziali non abbiano più di sette tipologie di rifiuti prodotti nella propria unità locale, e per ogni rifiuto prodotto non abbiano utilizzato più di tre trasportatori e più di tre destinatari.

Nel modello dovrà essere indicata  anche la quantità in giacenza presso il produttore, i mesi di attività e la presentazione potrà avvenire solo su supporto cartaceo.

In tutti gli altri casi la dichiarazione deve essere presentata in via telematica e viene ripristinato l’obbligo di presentazione del MUD per i trasportatori.

Per quanto riguarda le altre novità Vi segnaliamo che nella scheda anagrafica la codifica dell’attività dovrà avvenire in base all’attuale classificazione ISTAT, e nella Scheda RIF non è più richiesto la stato fisico del rifiuto, che sarà identificato soltanto in base al codice CER.

Restano in vigore le modalità di presentazione alla Camera di Commercio ed il pagamento dei diritti di segreteria.

Con riserva di tornare sull’argomento, restiamo a disposizione per ogni ulteriore informazione ed assistenza.

Distinti saluti.
 
   IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli


Cerca

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.