AREE DI CRISI – PROGRAMMA DI RILANCIO DELLE AREE COLPITE DA CRISI INDUSTRIALE. AGGIORNAMENTI.

  • 0

AREE DI CRISI – PROGRAMMA DI RILANCIO DELLE AREE COLPITE DA CRISI INDUSTRIALE. AGGIORNAMENTI.

Category:ATTIVITA' ASSOCIATIVE
Print Friendly, PDF & Email

ALLE AZIENDE ASSOCIATE
LORO SEDI

Prot. n. II/ 1310 /13
Avellino, 9 settembre 2013

OGGETTO: AREE DI CRISI – PROGRAMMA DI RILANCIO DELLE AREE COLPITE DA CRISI INUDSTRIALE. AGGIORNAMENTI.

Diamo seguito alla nostra Circolare del 17 Giugno scorso Prot. n. II/969/13, per aggiornarVi in merito allo stato di avanzamento del programma predisposto dalla Regione Campania per l’attivazione di specifici interventi di sostegno alle aree colpite da crisi industriale.

 Nel corso di un incontro tenutosi lo scorso 5 settembre 2013, l’Assessore alle Attività Produttive della Regione Campania Fulvio Martusciello, ospite presso la nostra sede, ha chiarito alcuni aspetti che dovevano essere definiti nell’ambito di un Protocollo con il Ministero dello Sviluppo Economico, recentemente sottoscritto.

Il primo chiarimento riguarda il territorio della Provincia di Avellino qualificabile quale area di crisi. E’ stato precisato che ai fini della individuazione dell’area di crisi, sono compresi tutti i Comuni della Provincia di Avellino.

Ulteriore precisazione riguarda le risorse che per Avellino ammontano a 20 milioni di Euro. Alla Regione Campania sarà consentito di utilizzare i fondi disponibili  secondo il principio dei vasi comunicanti per offrire la possibilità di rimodulare la dotazione delle singole aree a beneficio di quelle caratterizzate da maggiore vivacità imprenditoriale.

Il Bando che consentirà alle imprese di presentare un progetto di investimento da finanziare con il contributo dei fondi “aree di crisi”, sarà emanato da Invitalia (Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa) presumibilmente nel prossimo mese di ottobre 2013 successivamente ad un confronto attivo tra la Regione Campania e Parti sociali nel corso del quale saranno verificati alcuni parametri tra i quali i macrosettori individuati nell’ambito delle politiche regionali di sviluppo: agroindustria, biotecnologie, automotive e altri mezzi di trasporto, aeronautica e aerospazio; sono inoltre previsti interventi che favoriscano la produzione e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili e la creazione di un sistema di imprese ad alto contenuto tecnologico nel settore delle rinnovabili. In tema di ricerca scientifica, tecnologica e innovazione, sono stati proposti ambiti di intervento prioritario per il settore del turismo, dei beni culturali, dell’ICT, della salute dell’uomo, dei trasporti e della logistica.

Ricordiamo che le risorse saranno destinate al sostegno di:
a)    Progetti di rilevanti dimensioni, proposti da uno o più soggetti in partenariato, aventi ad oggetto investimenti di tipo produttivo ed, in via sussidiaria, di ricerca e prevalente sviluppo sperimentale;
b)     Progetti di medie dimensioni, finalizzati al sostegno degli investimenti produttivi già esistenti nell’area, caratterizzati da un elevato livello di innovazione e potenziale di crescita, ed alla creazione di nuove attività imprenditoriali nell’ambito dei settori target;
c)     Progetti relativi a nuove imprese innovative, prioritariamente avviate da giovani con competenze qualificate.

Nel corso dell’incontro la Regione Campania ha precisato che, trattandosi di una misura volta a sostenere l’occupazione, le imprese interessate a finanziare il proprio programma dovranno realizzare occupazione aggiuntiva, riassorbendo una percentuale, ancora non definita, di forza lavoro residente nelle aree di crisi ed interessata da prestazioni di sostegno al reddito (CIG, Mobilità, ecc).

Nel riservarci ulteriori aggiornamenti, restiamo a disposizione per eventuali chiarimenti.

Distinti saluti.
   IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli


Cerca

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.