CCNL METALMECCANICI -CONTRIBUTO DI 24 EURO AL FONDO MÈTASALUTE – VARIAZIONE DEI MINIMI TABELLARI DA GENNAIO 2015 E ALTRI ADEMPIMENTI CONTRATTUALI

  • 0

CCNL METALMECCANICI -CONTRIBUTO DI 24 EURO AL FONDO MÈTASALUTE – VARIAZIONE DEI MINIMI TABELLARI DA GENNAIO 2015 E ALTRI ADEMPIMENTI CONTRATTUALI

Category:LAVORO E PREVIDENZA
Print Friendly, PDF & Email

Prot. n. I/ 2006  /14
Avellino, 15 Dicembre 2014

OGGETTO C.C.N.L. 5 DICEMBRE 2012 PER L’INDUSTRIA METALMECCANICA E DELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI – CONTRIBUTO DI 24 EURO AL FONDO MÈTASALUTE – VARIAZIONE DEI MINIMI TABELLARI DA GENNAIO 2015 E ALTRI ADEMPIMENTI CONTRATTUALI.

1. FONDO MÈTASALUTE – CONTRIBUTO DI 24 EURO
Con l’accordo del 5 novembre scorso (in allegato) le parti stipulanti hanno concordato di  “congelare” il versamento della seconda tranche di 24 euro per dipendente, già previsto per il prossimo mese di gennaio 2015, quale contributo di avvio al Fondo MétaSalute derivante dal CCNL 15 ottobre 2009.

Con il medesimo accordo le Parti hanno altresì deciso di valutare, nell’ambito del rinnovo del  CCNL 5 dicembre 2012, termini e modalità di destinazione delle relative risorse. Nel caso in cui non si dovesse raggiungere un accordo il suddetto contributo dovrà essere versato a MétaSalute nel mese di giugno 2016.

Si rammenta, inoltre, che dal prossimo gennaio 2015, nei casi di adesione al Fondo MétaSalute, il contributo a carico dell’azienda è elevato a quattro euro mensili mentre il contributo a carico dei lavoratori aderenti è elevato a due euro mensili.

2. VARIAZIONE DEI MINIMI TABELLARI ED ALTRI ADEMPIMENTI ECONOMICI.
Com’è noto, il Contratto nazionale 5 dicembre 2012 prevede, a partire dal 1° gennaio 2015, l’erogazione della terza tranche di aumento dei minimi tabellari.

Pertanto, i nuovi importi dei minimi tabellari saranno pari a:

 Categorie               Livelli retributivi mensili in vigore
                          dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015
1a …………………………..  1.297,81
2a …………………………..  1.432,58
3a …………………………..  1.588,63
3a Super.………………….
4a …………………………..  1622,96
1.657,28
5a …………………………..  1.774,89
5a Super…………………….
6a …………………………..  1.902,42
2.040,98
7a …………………………..  2.278,56
8a Quadri………………….  2.333,17

In proposito, ricordiamo lo strumento di flessibilizzazione retributiva introdotto dal Ccnl 5 dicembre 2012 che consente la possibilità di posticipare la decorrenza anche della terza tranche di aumenti, fino a 12 mesi (dal 1° gennaio 2015 fino al 1° gennaio 2016), al fine di aderire alle esigenze degli specifici contesti produttivi, per far fronte a situazioni di crisi e per agevolare gli start-up, per favorire accordi per l’incremento della produttività.

Tale possibilità è demandata alla contrattazione con la RSU nelle singole aziende fermo restando che dal 1° gennaio 2016 la terza tranche di aumenti diventeranno, in ogni caso, parte integrante dei minimi per tutti i lavoratori.

Sempre dal 1° gennaio 2015, inoltre, dovrà essere adeguato l’importo dell’utile minimo di
cottimo che sarà pari alle seguenti percentuali:

Categorie  Percentuali in vigore dal 1° gennaio 2015
1a …………………..  0,87%
2a …………………… 0,92%
3a e 3a Super…….. 0,98%
4a …………………… 1,03%
5a …………………… 1,02%
5a Super……………  1,01%

Distinti saluti.

 IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli
All. c.s.
Intesa 05/11/2014


Cerca

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.