Patrimonio Destinato di CDP – Apporti al Patrimonio

  • 0

Patrimonio Destinato di CDP – Apporti al Patrimonio

Category:ECONOMICO,NEWS
Print Friendly, PDF & Email

Prot. n. 921 /21
Avellino, 18 maggio 2021
È stato pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n. 115 del 15 maggio 2021, il <www.gazzettaufficiale.it/atto/vediMenuHTML?atto.dataPubblicazioneGa zzetta=2021-05-15&atto.codiceRedazionale=21A02945&tipoSerie=serie_generale&t ipoVigenza=originario> Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 7 maggio 2021 relativo alla dotazione iniziale al Patrimonio Destinato istituito dall’articolo 27 del DL 34/2020 (cosiddetto DL Rilancio) e gestito da Cassa Depositi e Prestiti.
Secondo quanto definito nel citato provvedimento del MEF, gli apporti saranno assegnati al Patrimonio nella forma di titoli di Stato, ma lo stesso decreto del 7 maggio prevede che, qualora intervenga un’apposita autorizzazione di legge, gli apporti potranno essere effettuati, in tutto o in parte, attraverso l’assegnazione di disponibilità liquide.
La dotazione iniziale ammonta a 3 miliardi, a fronte di un fabbisogno per il 2021 stimato da CDP in 9,7 miliardi, e i successivi apporti saranno assegnati al Patrimonio sulla base delle previsioni di impiego comunicate tempo per tempo da CDP.
Come previsto dal DL Rilancio gli apporti non potranno eccedere il limite massimo di 44 miliardi.
Ricordiamo che gli interventi del Patrimonio Destinato – istituito con l’obiettivo di realizzare operazioni di sostegno e rilancio del sistema economico-produttivo italiano a seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 – saranno rivolti a imprese con un fatturato annuo superiore a 50 milioni, che abbiano sede in Italia e siano costituite nella forma di società per azioni, anche quotate, comprese quelle costituite in forma cooperativa.
Gli interventi del Patrimonio Destinato nell’ambito del Quadro Temporaneo saranno effettuati mediante: partecipazione ad aumenti di capitale; sottoscrizione di prestiti obbligazionari subordinati con obbligo di conversione; sottoscrizione di prestiti obbligazionari subordinati convertibili; sottoscrizione di prestiti obbligazionari subordinati.
La sottoscrizione da parte del Patrimonio Destinato dei contratti relativi ai suddetti interventi dovrà avvenire entro il 30 settembre 2021, ad eccezione della sottoscrizione di prestiti obbligazionari subordinati che ha come scadenza il 30 giugno 2021.
Le società potranno richiedere l’intervento di Patrimonio Destinato attraverso i soggetti presenti nell’elenco di operatori accreditati da Cassa Depositi e Prestiti.

Per gli interventi in regime di Temporary Framework, l’istruttoria si svolgerà secondo procedure semplificate e accelerate, anche tramite banche o altri soggetti dotati di adeguata esperienza e qualificazione professionale, incluse le società di revisione.

Con riferimento all’avvio dell’operatività, considerato che è prossima la scadenza dell’operatività del Patrimonio nell’ambito del Quadro Temporaneo della Commissione UE sugli aiuti di Stato (30 giugno 2021 per i prestiti obbligazionari subordinati e 30 settembre 2021 per le altre operazioni), si ricorda che Confindustria ha chiesto di prorogare tale scadenza al 31 dicembre 2021, in coerenza con la proroga dello stesso Quadro Temporaneo.
Per l’operatività del Patrimonio Destinato, come previsto dal DL Rilancio, si dovrà ora attendere la sua formale costituzione da parte dell’Assemblea di CDP e la definizione, sempre da parte di CDP, del Regolamento del Patrimonio che dovrà essere approvato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze.
In merito alle evoluzioni relative al Patrimonio Destinato, verranno forniti tempestivi aggiornamenti.
Si rende di seguito disponibile il testo del decreto del 7 maggio.
Distinti saluti.

Il Direttore
Crescenzo Ventre


Cerca

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.