Sette giorni – newsletter di Confindustria del 14 settembre 2018

  • 0

Sette giorni – newsletter di Confindustria del 14 settembre 2018

Category:NEWS,SETTEGIORNI
Print Friendly, PDF & Email

I temi della settimana
INFRASTRUTTURE: INDISPENSABILI PER ESSERE COMPETITIVI. DA TORINO L’APPELLO DEGLI IMPRENDITORI SU TAV, PONTE GENOVA E DOSSIER APERTI Tag: Tav, ponte Genova, competitività, Toninelli
Dare al paese le infrastrutture di cui ha bisogno è un atto di responsabilità ed è indispensabile per rendere competitive le nostre fabbriche anche fuori dai cancelli. Serve un grande piano di rilancio. Questo l’appello lanciato dal presidente Boccia a Torino davanti ad una platea di imprenditori arrivati da tutto il Nord Italia. Sulla Tav ci auguriamo che prevalga il buon senso. Speriamo che si possa aprire un confronto con dati oggettivi e che il governo possa decidere con buon senso, realismo e pragmatismo nell’interesse del Paese. Per il ponte di Genova bisogna evitare conflitti istituzionali che porterebbero i tempi ad allungarsi in modo incredibile. Se il nuovo ponte non sarà fatto entro un anno sarà colpa di questo governo. Ognuno deve assumersi le proprie responsabilità. E rivolgendosi al ministro Toninelli, Boccia attacca: “Il ministro farebbe bene ad andare a visitare il cantiere della Torino-Lione. Un ministro delle Infrastrutture non può essere contro le infrastrutture”.
GOVERNO: LEGGE DI BILANCIO SARA’ BANCO DI PROVA. OK TAGLIO IRPEF MA SERVONO MISURE PER CRESCITA Tag: crescita, conti pubblici, industria 4.0, cuneo fiscale, fondo garanzia, pagamenti PA, Irpef
La legge di bilancio sarà il banco di prova per il governo: cosi il Presidente Boccia commentando indiscrezioni e dichiarazioni di Ministri sui contenuti del provvedimento. Le recenti dichiarazioni del Governo che guardano al rispetto delle regole e alla sostenibilità dei conti fanno ben sperare. L’apertura al taglio del cuneo fiscale e al mantenimento del piano industria 4.0 segnano un cambio di approccio, su cui si può lavorare insieme. Va bene il taglio Irpef, ma alla legge di Bilancio bisogna aggiungere un piano di inclusione dei giovani, la dotazione infrastrutturale, i tempi certi della realizzazione delle infrastrutture, i tempi stretti delle sentenze della giustizia, a partire da quella ordinaria, l’incremento del fondo di garanzia per le Pmi, i pagamenti della Pa. Serve attenzione alla crescita da parte delle prossime politiche del governo e questa non è l’aspettativa di una categoria, ma l’interesse del Paese, anche alla luce degli ultimi dati che fanno registrare una produzione industriale leggermente in calo.
LAVORO: VERA EMERGENZA SOPRATTUTTO AL SUD. SERVONO SGRAVI PER NUOVE ASSUNZIONI. CON SINDACATO AVANTI SUL PATTO DELLA FABBRICA Tag: costo del lavoro, patto della fabbrica, giovani
Il lavoro, soprattutto quello giovanile, è la vera questione del paese e del sud Italia. Cosi il presidente Boccia in un’intervista al Corriere Mezzogiorno, che anticipa il suo intervento dal palco delle Giornate del Lavoro della CGIL. Da tempo proponiamo di azzerare gli oneri sociali dei nuovi assunti a tempo indeterminato per i primi due o tre anni. Una misura che può funzionare a patto che sia confermato l’impianto di Industria 4.0, che premia le imprese che investono. Con i sindacati abbiamo firmato il patto della fabbrica, che è un vero piano per il lavoro, che prevede un grande piano di inclusione dei giovani e misure per l’aumento del potere d’acquisto dei lavoratori. Sul patto della fabbrica andremo avanti e potrà essere un punto di riferimento importante per le misure del Governo.
In allegato, le interviste rilasciate dal presidente Boccia a La Stampa, Corriere della Sera di Torino e Corriere del Mezzogiorno.


Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.