Sette giorni – newsletter di Confindustria del 15 febbraio 2019

  • 0

Sette giorni – newsletter di Confindustria del 15 febbraio 2019

Category:NEWS,SETTEGIORNI
Print Friendly, PDF & Email

Roma, 15 febbraio 2019
I temi della settimana
ITALIA-FRANCIA: IL 28 A PARIGI IL BILATERALE CONFINDUSTRIA – MEDEF. RIANNODARE I FILI tag: governo, Francia, economia, export
E’ previsto dal 28 febbraio al 1 marzo a Versailles l’annunciato vertice bilaterale organizzato da Confindustria e dalla corrispettiva francese. Dopo le aspre polemiche tra i due governi, che si sono concluse con il ritiro dell’ambasciatore francese in Italia, potrebbe davvero essere l’occasione per riannodare i fili. Il programma, ancora in via di definizione, prevede quattro bilaterali: Vincenzo Boccia e l’omologo Geoffroy Roux de Bézieux; gli stessi ambasciatori italiano e francese; i ministri dell’Economia Tria e Le Maire; il premier di Parigi Edouard Philippe (in mancanza di Conte) dovrebbe confrontarsi con il sottosegretario Giancarlo Giorgetti. Siamo un Paese che esporta beni e servizi per 550 miliardi, di cui 450 dalla manifattura. La Francia, col 10% , è il secondo paese per livelli di export dall’Italia. Le tensioni vanno assolutamente sanate e evitati incidenti con un Paese al quale ci legano profondi interessi: siamo fondatori dell’Europa e grandi partner commerciali.
ECONOMIA: PAESE E’ FERMO. ALIBI NON BASTANO, UNA SCOSSA CON INVESTIMENTI E INFRASTRUTTURE tag: infrastrutture, governo, economia, pil, recessione, CDP
C’è una fase internazionale complessa, Il paese è fermo e tutti gli indicatori economici dalla produzione, alla fiducia stanno virando in negativo. Il Governo deve capire che è finito il tempo degli alibi. Cosi il Presidente Boccia ha commentato i dati sul crollo della produzione industriale e la fiducia delle imprese. Ci vorrebbe una manovra compensativa, con l’arrivo della recessione, infatti non si può fare una manovra aggiuntiva che aumenti il deficit e il debito. In uno spirito costruttivo chiediamo un confronto al Governo sulle misure della crescita. In praticare si dovrebbe discutere di un piano infrastrutturale: solo per parlare delle opere sopra 100 milioni di euro, ci sono 26 miliardi già stanziati con i quali si potrebbero aprire i cantieri e far crescere il Pil di un punto in 3 anni. Con i lavori sotto i 100 milioni e un uso intelligente dei fondi di coesione europea, si potrebbe fare molto di più. Sbloccando Tav e trivelle, si avrebbero 450 mila posti di lavoro aggiuntivi. Torniamo a parlare di investimenti pubblici e privati e di come far ripartire l’Economia. In questa direzione potrebbe essere interessante l’annuncio dalle pagine del Sole24ore dell’AD di Cassa Depositi e Prestiti di un piano di supporto all’Industria. Confindustria è pronta a dialogare e lavorare insieme.
TAV: ANALISI COSTI BENEFICI NON GUARDA AL FUTURO E AL LAVORO. ITALIA COSI’ E’ TAGLIATA FUORI tag: infrastrutture, governo, Francia, economia, lavoro
Per il sì del Governo alla Tav Torino-Lione basta un dato: a regime creerà cinquantamila posti di lavoro. È quanto ha sottolineato il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia dopo la pubblicazione dell’analisi costi- benefici del Ministero dei Trasporti che ha bocciato la Tav, ipotizzando una bassa remuneratività. Auspichiamo che il Governo abbia un’unica e grande priorità: occupazione e lavoro. Se per il Governo basta un’analisti costo-opportunità, alle imprese serve che venga messa al centro, in una fase delicata dell’economia, la crescita. Senza connessioni veloci l’Italia è tagliata fuori. L’analisi costi-benefici non risolve il problema politico con l’Europa e con i territori coinvolti. La scelta deve essere politica e deve essere una scelta sul futuro del paese.
LAVORO: REDDITO DI CITTADINANZA NON CREA LAVORO. SERVE CRESCITA E AGIRE SU CUNEO FISCALE E PRODUTTIVITA’ tag: cuneo fiscale, produttività, lavoro
La critica al reddito di cittadinanza non è basata su un pregiudizio ideologico, non c’è nessuna contrarietà verso misure che possano combattete la povertà. La nostra critica è nel merito. Cosi il presidente Vincenzo Boccia è intervenuto dopo gli attacchi durissimi in risposta alle valutazioni di Confindustria sul reddito di cittadinanza. Il provvedimento rischia infatti di non essere una misura di politica attiva e di non incentivare il lavoro. Non è con i navigator che si creano i posti di lavoro, ma con lo sviluppo. 780 euro al mese di reddito potrebbero scoraggiare le persone dal cercare un’occupazione, perché è un dato di fatto certificato dall’Istat, che il salario medio di un lavoratore under 30 è di circa 800 euro. Si può obiettare che sia basso, ma bisogna anche interrogarsi sul fatto che su 780 euro di retribuzione netti, che finiscono in tasca al lavoratore, un imprenditore paga di tassa un corrispettivo di circa 400 euro. Abbiamo il cuneo fiscale e contributivo tra i più elevati d’Europa e una produttività al palo da 15 anni. Servirebbe un confronto vero, nel merito delle questioni, su come creare lavoro e occupazione stabile per i giovani. Non servono insulti a colpi di tweet. Il lavoro non s’impone con i decreti, ma lo creano solo le imprese e solo se il paese cresce.
Leggi in allegato l’intervista del Presidente Boccia al Corriere della Sera

<content://com.fsck.k9.attachmentprovider/0b9b0834-7fa9-403f-9562-40df9c774d27/1905/RAW>


Cerca

Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.