AREE DI CRISI NON COMPLESSE. ULTERIORI PROVVEDIMENTI REGIONALI E NAZIONALI.

  • 0

AREE DI CRISI NON COMPLESSE. ULTERIORI PROVVEDIMENTI REGIONALI E NAZIONALI.

Category:ECONOMICO
Print Friendly, PDF & Email

Prot. n. II/      /17
Avellino, 9 gennaio 2017

OGGETO: AREE DI CRISI NON COMPLESSE. ULTERIORI PROVVEDIMENTI REGIONALI E NAZIONALI.

Facciamo seguito alla nostra precedente news del 7 novembre 2016 per informarVi di alcuni provvedimenti che riguardano la definizione delle aree di crisi non complessa e delle zone escluse da tale perimetrazione.

Il Ministero dello Sviluppo Economico con proprio decreto del 19 Dicembre 2016, ha recepito le proposte delle Regioni interessate individuando i Sistemi Locali Lavoro e, quindi, i Comuni direttamente interessati dalle agevolazioni previste dalla circolare ministeriale del 6 Agosto 2015. Tale provvedimento definisce il quadro territoriale degli interventi e consente l’attivazione dell’Avviso che, prossimamente, consentirà alle imprese di finanziare i propri investimenti produttivi con un mix particolare di agevolazioni.

Per la Provincia di Avellino il Decreto Ministeriale individua quale territorio agevolabile circa il 90% dei Comuni. Tale classificazione esclude il Sistema Locale Lavoro di Vallata (comprensorio amministrativo di più comuni Andretta, Aquilonia, Bisaccia, Lacedonia, Scampitella, Trevico, Vallata, Vallesaccarda, Anzano Di Puglia). Per tale Sistema Locale, non sarà possibile accedere alle agevolazioni previste dalle Aree di Crisi.

Per sopperire a tale esclusione, la Regione Campania con propria Delibera (BURC del 2 gennaio 2017) ha stanziato 15 milioni di Euro a valere sulla programmazione POR 2014/2020 prioritariamente a beneficio dei seguenti Sistemi Locali Lavoro della Campania: S. Marco dei Cavoti, Oliveto Citra, Sala Consilina, Sessa Aurunca, Vallata, Telese Terme, Eboli e Piedimonte Matese, nonché i Comuni esclusi degli SLL di Napoli, Nola e Torre del Greco.

Con tali risorse sarà avviato uno specifico bando regionale di incentivi a favore delle imprese ricadenti in tali ambiti territoriali per la selezione di programmi di investimento tenendo conto anche dei criteri e delle modalità previsti dalla disciplina nazionale delle Aree di Crisi non complessa.

Tale provvedimento è frutto di un serrato confronto del nostro sistema con l’Assessorato alle Attività produttive della Regione Campania  ed ha consentito di evitare che molti Comuni campani restassero esclusi da importanti benefici di politiche industriali nazionali e regionali.

Invitiamo le aziende interessate a prendere visione della Circolare sulle Aree di Crisi non complessa (allegato1), per cominciare a valutare la possibilità di pianificare i propri investimenti. Ricordiamo che i nostri Uffici sono  a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Distinti saluti.

IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli

Allegato 1) Circolare Aree di Crisi
Allegato 2) Decreto MISE 19/12/2016
Allegato 3) Delibera Regione Campania 748/2016


Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.