Author Archives: admin

  • 0

Sette giorni – newsletter di Confindustria del 7 dicembre 2018

Category:NEWS,SETTEGIORNI

——– Messaggio originale ——– Da: Tommaso Mauriello <mauriello@confindustria.avellino.it> Inviato il: 8 dicembre 2018 18:18:23 CET A: pubblicazioni@confindustria.avellino.it Oggetto: [news] [settegiorni] Sette giorni – newsletter di Confindustria del 7 dicembre 2018

Roma, 7 dicembre 2018
I temi della settimana
IMPRESE: Sì A CRESCITA, Sì A INFRASTRUTTURE, Sì A TAV. DA TORINO IL MANIFESTO DEI 12 tag: industria, governo, pil, infrastrutture
Le imprese unite: manovra senza crescita, servono infrastrutture. Siamo contro questa manovra perché non ha nulla per la crescita. Lo ha detto il presidente di Confindustria Boccia all’iniziativa “Infrastrutture per lo sviluppo” che ha riunito il 3 dicembre a Torino 3000 imprenditori di 12 Associazioni d’impresa che rappresentano 3 milioni di lavoratori e il 63% del Pil. Le imprese sostengono l’importanza dei corridoi europei e delle grandi opere e hanno sottoscritto un manifesto che sottolinea, tra le altre cose, l’importanza di una rete comune di infrastrutture logistiche e di trasporto per l’integrazione economica e sociale nella Ue. La pazienza delle imprese è quasi al limite. Da Torino arriva la protesta del mondo della produzione: bisogna aprire i cantieri, delle grandi e piccole opere, per far crescere l’Italia, collegarla all’Europa e al mondo, creare posti di lavoro. Tre i messaggi: sì alla Tav, sì alle infrastrutture, sì alla crescita. Per il combinato tra rallentamento dell’economia globale e rallentamento della Germania all’orizzonte potrebbe esserci il rischio recessione. Per questo serve una manovra economica che generi una reazione e compensi questi effetti esterni.
GOVERNO: BENE APERTURA AL DIALOGO MA SERVE COERENZA E MISURE CONCRETE PER LA CRESCITA tag: manovra, imprese, politica, Conte, Salvini, Di Maio
La politica non era presente a Torino, ma è arrivata subito la reazione del governo. Conte ha assicurato il sostegno alle imprese e c’è stato un botta e risposta con Salvini che ha convocato le imprese per domenica 9 dicembre. Di Maio ha convocato per l’11 dicembre il tavolo con le Pmi e ha assicurato il dialogo. Il presidente Boccia ha rimarcato che oltre alla disponibilità è necessario entrare nel merito dei provvedimenti. A Torino era presente tutto il mondo produttivo e le richieste non possono essere ignorate. Il governo conosce le criticità e le proposte del mondo dell’economia, quindi oltre alla disponibilità al dialogo, che va sempre bene, ci vuole la disponibilità alla coerenza, non solo all’ascolto. Non abbiamo posizioni preconcette sui governi di qualunque colore. Ha replicato il Presidente Boccia alle accuse delle maggioranza in un’intervista al quotidiano Il Dubbio . Confindustria da sempre valuta i provvedimenti, non fa politica e vorrebbe che questo governo avesse successo sulla crescita, per il bene dell’Italia. Abbiamo sempre preso posizione di fronte a misure che non abbiamo ritenuto compatibili con il bene delle imprese e del Paese.
LIBRO BIANCO RINNOVABILI: DA ENERGIA VERDE IN 13 ANNI OLTRE 120 MILIARDI DI INVESTIMENTI. NECESSARIO CREARE UNA FILIERA ITALIANA tag: energia, clima, industria, occupazione, politica industriale La Conferenza sul Clima di Parigi ha dato un forte impulso alla lotta ai cambiamenti climatici e ha posto le basi per un percorso globale di decarbonizzazione dell?economia a lungo termine. L’Unione europea prevede di contribuire attivamente già nel periodo 2021-2030, ottenendo una riduzione delle emissioni di gas serra del 40% rispetto ai livelli del 1990, aumentando la generazione rinnovabile fino al 32% e accrescendo l?efficienza energetica del 32,5%. Secondo il Libro Bianco realizzato da Confindustria, con la collaborazione di Ernst&Young e RSE, gli investimenti cumulati al 2030 per raggiungere i nuovi obiettivi sulle fonti rinnovabili sono stimabili fino a circa 68 miliardi di euro nel settore elettrico e in 58 miliardi nel settore termico, senza contare la grande domanda di investimenti legata alla mobilità sostenibile. Un volano di crescita di 126 miliardi di euro che, se venisse interamente soddisfatto dal sistema manifatturiero italiano, porterebbe – nei 13 anni del periodo 2018-2030 ? benefici cumulati per il sistema paese stimabili in un incremento del valore della produzione industriale di 226 Mld? (114 Mld? sole FER elettriche), l?occupazione di 1 milione di lavoratori e un incremento del valore aggiunto per le aziende di 73 Mld? (34 Mld? solo FER elettriche). Si tratta di una quota di investimenti importante che dobbiamo essere in grado di intercettare e gestire verso lo sviluppo di una filiera italiana, con politiche che incentivino la concorrenza e il mercato. Leggi in allegato l’intervista del Presidente Boccia al Dubbio, Manifesto delle Infrastrutture e l’ Executive Summary del Libro Bianco di Confindustria sulle Rinnovabili.


  • 0

Comunicato stampa ICE Agenzia e Confindustria AV per il Piano Export Sud 2

Category:Comunicati,NEWS

ICE Agenzia, in collaborazione con Confindustria Avellino, realizza nella giornata di oggi, mercoledì 5 dicembre e domani, giovedì 6 dicembre, un intervento formativo dal titolo “Spedizioni e Trasporti: strategie per l’export” destinato alle aziende della Campania interessate ad approfondire le competenze tecnico-manageriali per operare nei mercati internazionali.

L’iniziativa, che si sta svolgendo presso la sede di Confindustria Avellino, porta anche in questo territorio le attività del Piano Export Sud 2, un programma pluriennale attuato da ICE Agenzia che prevede la realizzazione di numerose iniziative formative e promozionali rivolte alle regioni del Centro e del Sud d’Italia.

Il Seminario vede la partecipazione di 30 aziende della Campania che hanno l’opportunità di confrontarsi con un docente esperto della Faculty ICE in materia di spedizioni internazionali, trasporti e dogane. Obiettivo dell’iniziativa è quello di sviluppare nelle PMI del territorio maggiore consapevolezza sugli aspetti giuridici e operativi legati alla gestione della logistica e sulla strategia per affrontare i mercati esteri in modo più efficace e con minori rischi.

Durante la seconda giornata i partecipanti avranno l’opportunità di incontrare l’esperto, dr. Giuseppe De Marinis, in colloqui individuali in modalità B2B, al fine di chiarire aspetti specifici in materia di spedizioni internazionali relativi alle singole realtà aziendali.

Il Piano Export Sud 2, giunto alla seconda annualità, è il programma a sostegno dei processi di internazionalizzazione delle Regioni del Mezzogiorno finanziato dal PON Imprese e Competitività 2014 – 2020. Sono previste misure di accompagnamento alle imprese e attività promozionali, per maggiori informazioni sul piano sud 2 www.ice.it/it/piano-export-il-sud.

La Confindustria Avellino è con i propri uffici internazionalizzazione a disposizione delle imprese del territorio per sviluppare attività di sostegno ai processi di export delle aziende, progetti di sviluppo per aree geografiche, formazione specialistica, missioni.


  • 0

Sette giorni EDIZIONE SPECIALE – newsletter di Confindustria del 3 dicembre 2018

Category:NEWS,SETTEGIORNI

Edizione Speciale
Roma, 3 dicembre 2018
Questa sera il presidente Vincenzo Boccia sarà ospite della trasmissione televisiva “Quarta repubblica” che andrà in onda alle 21:15 su Rete 4, condotta da Nicola Porro.

IMPRENDITORI IN CAMPO PER IL Sì TAV E LA CRESCITA tag: manovra, crescita, infrastrutture, lavoro, partito del pil, TAV
Alla vigilia della grande manifestazione di Torino, il presidente Vincenzo Boccia, in tre interviste a Quotidiano Nazionale, Il Mattino e La Repubblica, torna ad affermare l’importanza delle infrastrutture per lo sviluppo e la crescita del Paese e commenta la politica economica del Governo e gli ultimi dati Istat che certificano una crescita negativa (-0,1%) per il terzo trimestre del 2018. “Se undici organizzazioni che rappresentano oltre 3 milioni di imprenditori, più di 13 milioni di addetti e il 65% del valore aggiunto prodotto nel Paese riuniscono i loro vertici per firmare un documento congiunto a favore delle Tav, delle grandi opere, delle infrastrutture e della crescita, è un messaggio che deve far riflettere e che viene da tutti i protagonisti dell’economia”. Le associazioni rinnovano l’appello a “non chiudere i cantieri mentre l’economia soffre”. E ancora sulla politica economica Boccia torna a chiedere “specifiche politiche per la crescita” che puntino a una “maggiore occupazione”. Il governo sta trascurando il motore della crescita che sono le imprese. Ancora oggi, dalle pagine de La Repubblica, il presidente Boccia lancia un allarme: “senza crescita rischiamo di finire dentro un’altra recessione”. “Una manovra tutta spostata sulla spesa corrente è un errore. Perché il problema non è tanto sforare i vincoli dei patti europei, quanto sforarli senza mettere in campo gli strumenti per dare una spinta alla crescita”.

Leggi le interviste del presidente Boccia:

Allegati


  • 0

Confindustria Campania

Category:ILDENARO,NEWS

In allegato la newsletter settimanale de Il Denaro del 1° Dicembre 2018 www.ildenaro.it/newsletters/2018/confindustria/classica/49/confindustria49.htm


  • Inserisci la tua password per visualizzare i commenti.

Protetto: LA FATTURAZIONE ELETTRONICA E I NUOVI ADEMPIMENTI – VIDEO SEMINARIO CONFINDUSTRIA 28/11/2018

Category:ECONOMICO,NEWS

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:


  • 0

Sette giorni – newsletter di Confindustria del 30 novembre 2018

Category:NEWS,SETTEGIORNI

Roma, 30 novembre 2018
I temi della settimana
INFRASTRUTTURE: DA TORINO IL MANIFESTO DELLE IMPRESE. 3MLN DI IMPRENDITORI CHIEDONO AL GOVERNO DI SCEGLIERE PER IL FUTURO E LA CRESCITA tag: imprese, associazioni, sviluppo, infrastrutture
Il mondo delle imprese si riunirà il 3 dicembre a Torino su Tav e infrastrutture. Il Governo ci ascolti: è la richiesta del leader di Confindustria, Vincenzo Boccia. Tutto il mondo produttivo italiano da Nord a Sud – industria grande e piccola, commercio, artigianato, costruzioni, cooperative – è deluso e compatto su molti punti comuni, a partire dalle infrastrutture. Per la prima volta sono stati convocati i consigli generali congiunti di 10 associazioni, 1500 imprenditori saranno presenti in rappresentanza di oltre 3 milioni di associati. Torino-Lione. infatti, è per Confindustria un’opera prioritaria. Senza questa tratta l’Italia sarebbe tagliata fuori dai traffici internazionali, soprattutto da e verso un partner fondamentale come la Francia. Non possiamo gettare al vento i miliardi già investiti nell’opera né rinunciare ai 50mila posti di lavoro che verrebbero generati a regime. E il punto non è solo la Tav, ci sono molte opere assolutamente fondamentali per lo sviluppo del Paese tutto. I cantieri vanno aperti e non chiusi. Lunedì con un manifesto per le infrastrutture, le imprese chiederanno al Governo di scegliere insieme la crescita e un futuro di sviluppo per l’Italia.
MANOVRA: SEGNALI DI RIEQUILIBRIO MA LA CRESCITA E’ ANCORA LONTANA tag: reddito cittadinanza, pensioni, Ue, investimenti
Serve un riequilibrio tra le ragioni del contratto di governo e le ragioni della crescita in una visione di piano di legislatura. Così il Presidente Boccia è tornato a commentare i negoziati tra il Governo e la Ue per evitare la procedura di infrazione. E’ sicuramente un segnale distensivo l’aggiustamento di qualche decimale e anche un rinvio e un riequilibrio su quota 100 e reddito di cittadinanza che potrebbe liberare risorse. Ma il punto debole a nostro avviso è l’impatto complessivo della manovra sull’economia reale: quanta più occupazione genera a partire dai giovani, quanta crescita crea accelerando investimenti pubblici e privati. La crescita è ancora lontana. Quando si depotenziano alcuni strumenti come Industria 4.0, quando si dimezza il credito di imposta, ricerca e investimento, quando si mettono in discussione opere pubbliche a partire dai cantieri, non sono segnali che vanno verso la crescita.
PONTE GENOVA: SU RICOSTRUZIONE CI GIOCHIAMO CREDIBILITA’ DEL PAESE. Il NORD OVEST PERDE 784MLN L’ANNO SENZA PONTE tag: infrastrutture, pil, imprese
La ricostruzione, presto e bene, del ponte Morandi sarà un banco di prova della capacità di questo governo di risolvere problemi complessi. Genova deve diventare il simbolo di un Paese che sa reagire alle disgrazie. Genova siamo tutti noi – ha commentato il Presidente Boccia in occasione dell’Assemblea di Confindustria Genova -. Genova non e’ una questione dei genovesi, è una grande questione italiana. A Genova con il ponte Morandi ci giochiamo la credibilità del Paese in relazione a quanto tempo verrà impiegato per realizzarlo. Il commissario deve scegliere l’opera migliore nell’interesse dell’Italia e del Nord Ovest: il punto è fare quanto prima il ponte e cominciare a dare un messaggio al mondo. Per ogni anno che passerà fino alla ricostruzione, Genova e il nord Ovest avranno un impatto negativo sul Pil di 784 milioni di euro. La città ha inoltre bisogno di attrarre turisti. Mentre si lavora per fare quanto prima il ponte, occorre dare una percezione giusta: ha avuto un disastro, ma Genova è una città che reagisce.


  • 0

Indagine Rapida CSC – novembre 2018

Category:Centro Studi Confindustria,NEWS

Si allega l’ultimo comunicato sulla produzione industriale rilevata dal CSC, che è stimata diminuire in novembre su ottobre, confermando il peggioramento del contesto economico. Il calo dell’attività è spiegato dal venir meno del sostegno di entrambe le componenti della domanda ed è coerente con l’andamento negativo del clima di fiducia degli imprenditori manifatturieri. Dinamica degli ordini e attese delle imprese non lasciano intravedere alcun miglioramento nel breve termine.


  • 0

Sette giorni – newsletter di Confindustria del 23 novembre 2018

Category:NEWS,SETTEGIORNI

Roma, 23 novembre 2018
I temi della settimana
IL 3 DICEMBRE APPUNTAMENTO A TORINO PER TUTTO IL SISTEMA IMPRENDITORIALE ITALIANO SI PARLERA’ DI TAV, DI CRESCITA E DI INFRASTRUTTURE. SARA’ LA PIAZZA DELLE IMPRESE tag: associazioni, imprese, infrastrutture, crescita
Lunedì 3 dicembre alle 16 si riunirà a Torino presso le Officine OGR l’intero sistema imprenditoriale italiano: non solo il Consiglio Generale Confindustria completato dai presidenti delle associazioni territoriali e di categoria ma anche i vertici delle associazioni rappresentative dei commercianti, degli artigiani, delle cooperative. Sarà l’occasione per l’intero mondo produttivo italiano di far sentire la propria voce sulla Tav, sulle infrastrutture, sulle politiche per la crescita che servono al Paese. Un appuntamento da seguire con attenzione e al quale assicurare il massimo della visibilità. A breve vi faremo avere maggiori informazioni per poter lavorare meglio insieme e dare risonanza e valore all’evento.
MANOVRA: BOCCIATURA UE SIA OCCASIONE PER CAMBIARE IN DIREZIONE DELLA CRESCITA, NON UN ALIBI PER ANDARE ALLO SCONTRO tag: ue, conti pubblici, investimenti
E’ arrivato il tempo della ragionevolezza e di cambiare percorso. Cosi il presidente Boccia, intervistato da La Stampa, ha commentato la bocciatura della Manovra da parte di Bruxelles. Bisogna mettere le esigenze del Paese davanti agli interessi elettoralistici e di parte. Non basta solo rivedere le singole voci, bisogna lavorare a un progetto organico di politica economica che abbia come obiettivo la crescita. In Italia come in Europa, è una scelta obbligata se si vuole legittimare una manovra espansiva che, altrimenti, avrebbe l’unico esito di far lievitare deficit e debito. La bocciatura e la possibile procedura d’infrazione erano ormai scontate. Non si tratta di tornare indietro o cedere il passo. Non siamo contrari ad una manovra innovativa che prenda una direzione diversa rispetto al passato e all’austerità. Ma il punto è che se si fa maggiore deficit per avere più risorse a disposizione, queste devono essere destinate alla crescita, stimolando gli investimenti privati avviando una grande stagione di investimenti pubblici. Siamo preoccupati invece che la tensione con l’Europa possa diventare l’alibi per andare allo scontro e non affrontare i problemi del Paese.
Leggi in allegato l’intervista del Presidente a la Stampa.

TERMOVALORIZZATORI: SONO NECESSARI PER EVITARE UNO SPRECO ENORME CHE NON PORTA RISULTATI. SERVE BUON SENSO. tag: industria, ambiente, energia
Chi è contro gli sprechi e ha un po’ di buon senso è a favore della costruzione dei termovalorizzatori dove sono necessari. Cosi il presidente Boccia ha commentato la querelle interna al Governo sulla costruzione di nuovi impianti per lo smaltimento dei rifiuti. Noi paghiamo per mettere l’immondizia sulle navi, e la mandiamo in altri paesi che usano i termovalorizzatori che dobbiamo pagare per smaltirli. Paghiamo 2 volte per non avere in alcuni caso neanche il risultato. Questo e’ il piu’ grande spreco della storia del paese. In queste scelte bisogna avere buon senso e valutare le situazioni con oggettività e saperle anche spiegare.
LAVORO: REDDITO DI CITTADINANZA NON SIA SOLO ASSISTENZA MA UN PONTE VERSO LE IMPRESE tag: occupazione, formazione, manovra
Il reddito di cittadinanza sia un ponte verso le imprese e non uno strumento di pura assistenza. C’è bisogno di un grande piano di inclusione dei giovani che aiuti il mondo delle imprese ad affrontare, al meglio, la rivoluzione tecnologica in atto indotta da Industria 4.0. In quest’ottica, la proposta di spostare il baricentro dallo strumento dai centri per l’impiego verso il mondo produttivo e coinvolgere le aziende nella fase di decollo del reddito di cittadinanza va nella direzione auspicata. Riconoscere alle aziende un bonus equivalente al sussidio per la formazione e la riqualificazione dei disoccupati consente di raggiungere almeno tre obiettivi condivisibili. Il primo è creare figure professionali in linea con le richieste del mercato del lavoro. Il secondo è abbassare il costo del lavoro nella fase d’ingresso nell’impresa, favorendo la successiva possibile assunzione. Il terzo è evitare che si faccia strada una pedagogia negativa per la quale si premia chi non lavora.

Allegati


  • 0

Newsletter Campania Il Denaro

Category:ILDENARO,NEWS

Si invia la newsletter settimanale de Il Denaro del 17/11/2018
www.ildenaro.it/newsletters/2018/confindustria/classica/47/confindustria47.htm

Allegati


  • 0

Robotica ed automazione industriale: 28/11/2018 Ore 14.30 – Napoli

Category:ATTIVITA' ASSOCIATIVE,NEWS

La robotica è una straordinaria opportunità per innovare o ripensare i processi produttivi delle imprese manifatturiere. Nel workshop saranno affrontati i principali trend sull’utilizzo dei robot e dei cobot, robot collaborativi, nei principali settori industriali.

Apertura e introduzione:

Federica Tortora Specialista per l’Innovazione Intesa Sanpaolo

Keynote speaker Bruno Siciliano: Professore di Automatica, Università degli Studi di Napoli Federico II

Allegati


Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.