PROROGA ADEMPIMENTI SISTRI- LEGGE 27.12.2017 N. 205

  • 0

PROROGA ADEMPIMENTI SISTRI- LEGGE 27.12.2017 N. 205

Category:AMBIENTE E SICUREZZA,NEWS
Print Friendly, PDF & Email

Avellino, 4 Gennaio 2018
Prot. n. I/12/18
OGGETTO: PROROGA ADEMPIMENTI SISTRI- LEGGE 27.12.2017 N. 205
La legge n. 205 del 27.1.2017 (legge di Bilancio 2018), entrata in vigore il 1° gennaio 2018, ai commi 1134 e 1135 ha previsto la proroga al 31 dicembre 2018 della non applicabilità delle sanzioni connesse al non corretto utilizzo del sistema di tracciabilità dei rifiuti – SISTRI ed introdotto nuove disposizioni.
Pertanto, per effetto della suddetta proroga, rimangono invariati alcuni adempimenti:
– continuano ad essere obbligati a iscriversi e a versare il relativo contributo le imprese produttrici di rifiuti pericolosi (sopra i dieci dipendenti) e le imprese che trasportano e gestiscono rifiuti pericolosi;
– continueranno ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi gestionali tradizionali (cosiddetto “doppio binario”) e le relative sanzioni, previsti dalla disciplina in materia di rifiuti, quali: tenuta del registro di carico e scarico, formulario di trasporto rifiuti e MUD, mentre non si applicano le sanzioni connesse al non corretto utilizzo del Sistema;
– continuano ad applicarsi le sanzioni relative all’omessa iscrizione a SISTRI ed al mancato versamento del relativo contributo annuale (adempimenti operativi dal 1° aprile 2015), benché ridotte del 50%.
La norma introduce anche un nuovo art. 194-bis, rubricato “Semplificazione del procedimento di tracciabilità dei rifiuti e per il recupero dei contributi dovuti per il SISTRI”, nel quale si prevede che determinati adempimenti relativi alle modalità di compilazione e tenuta del registro di carico e scarico e del formulario di trasporto dei rifiuti possano essere effettuati con modalità digitale, sulla base di un formato che sarà predisposto dal Ministero, ed inoltre viene consentita la trasmissione anche via Pec della quarta copia del formulario.
La nuova norma chiarisce, infine, che al contributo SISTRI si applicano i termini di prescrizione ordinaria di cui all’art. 2946 del Codice Civile e delega il Ministro dell’ambiente, con proprio decreto di natura non regolamentare, di stabilire una o più procedure per il recupero dei contributi per il SISTRI dovuti e non corrisposti e delle richieste di rimborso o di conguaglio da parte di utenti del SISTRI.
La regolarizzazione della posizione contributiva, all’esito delle suddette procedure, determina l’estinzione delle sanzioni pecuniarie e non comporta il pagamento di interessi.
Riservandoci di fornirvi ulteriori informazioni al riguardo, restiamo a disposizione per ogni chiarimento.
Distinti saluti.
IL DIRETTORE
Dr. Giacinto Maioli


Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.