NUOVO REGOLAMENTO REGIONALE SUI TIROCINI FORMATIVI

  • 0

NUOVO REGOLAMENTO REGIONALE SUI TIROCINI FORMATIVI

Category:ATTIVITA' ASSOCIATIVE,FORMAZIONE,NEWS
Print Friendly, PDF & Email

Vi comunichiamo che la Regione Campania ha provveduto ad adeguare all’Accordo Stato Regioni l’istituto dei tirocini formativi e di inserimento ed ha emanato un nuovo Regolamento che ha sostituito quello del 2013.
Sono state introdotte modifiche sostanziali alla precedente disciplina e provvediamo ad illustrare di seguito le principali novità:

Soggetti Ospitanti : possono attivare tirocini formativi i datori di lavoro pubblici e privati con i seguenti requisiti:
– essere in regola con la normativa sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro di cui al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81;
– essere in regola con l’assunzione di disabili (Legge n. 68/99);
– non essere in CIG straordinaria o in deroga;
– non aver effettuato nella medesima unità operativa licenziamenti di lavoratori per lo svolgimento di attività equivalenti nei 12 mesi precedenti per le seguenti causali: licenziamento per giustificato motivo oggettivo, licenziamenti collettivi, licenziamento per mancato superamento del periodo di prova, per fine appalto e risoluzione del rapporto di lavoro al termine del rapporto di apprendistato.

Destinatari dei tirocini: lavoratori disoccupati, lavoratori beneficiari di strumenti di sostegno al reddito, in costanza di rapporto di lavoro così come previsto dal D.Lgs n. 150/2015, lavoratori a rischio di disoccupazione e quindi lavoratori in CIGS per crisi aziendali, procedure concorsuali per ristrutturazione o per cessazione attività, CIG in deroga e lavoratori di imprese in contratti di solidarietà, persone già occupate in cerca di altra occupazione, persone svantaggiate e disabili.

Base di computo soggetto ospitante: nel computo sono compresi i lavoratori a tempo indeterminato , a tempo determinato e somministrati, per queste ultime due tipologie l’inizio del contratto deve essere anteriore alla data di avvio del tirocinio e la scadenza deve essere posteriore alla data di fine del tirocinio.

Durata: 12 mesi per tutte le tipologie di tirocinio compresi quelli di orientamento, 24 mesi per i soggetti disabili; la durata minima non può essere inferiore ai due mesi, fatta eccezione per i lavoratori stagionali e gli studenti. Per i profili professionali collocati nell’ultimo livello di inquadramento del CCNL applicabile al soggetto ospitante, la durata non può essere superiore a 3 mesi.

Indennità mensile: importo minimo € 500,00.

Il nuovo regolamento inoltre, per le imprese virtuose, che hanno assunto nel biennio precedente i tirocinanti ospitati, ha previsto una deroga al limite numerico in caso di richiesta di nuovi tirocini.

Come evidenziato nella nostra informativa del 20 aprile 2018 i tirocini formativi sono stati inseriti tra gli ambiti di intervento delle attività di vigilanza ispettive, in virtù di questo, anche il nuovo Regolamento evidenza che saranno intensificati i controlli ed esplicitate le sanzioni per ogni forma di abuso dello strumento dei tirocini ed è infine previsto il ”giudizio” dello stageur al termine della sua esperienza, al fine di monitorare la capacità formativa e di accoglienza delle aziende

Vi ricordiamo che la nostra Società di servizi Ricerche e Studi srl può fornire ogni assistenza alle aziende nell’attivazione dei tirocini formativi compreso la compilazione della modulistica, l’elaborazione del progetto formativo e l’iter procedurale.
La nuova modulistica da utilizzare è disponibile sul nostro sito www.confindustria.av.it  e comunque potete contattare i nostri uffici (0825/785513) per ogni informazione.


Prossimi eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.